25 settembre la beatificazione di Chiara Luce Badano (1971-1990). Video. Segui la diretta su internet.

Da il 24 settembre 2010

“UN LUMINOSO CAPOLAVORO”
Chiara Badano nasce il 29 ottobre 1971 a Sassello, piccolo paese in provincia di Savona (diocesi di Acqui). E’ ricca di doti naturali: bella, sportiva, gioiosa e volitiva. La sfiora l’idea di diventare hostess, perché le piace conoscere il mondo, ma poi si orienta alla medicina per andare in Africa a curare i bambini. Se ha una predilezione è per gli altri giovani, per chi è alla ricerca, per chi è nel bisogno. Non esclude dalle sue attenzioni chi è… antipatico.

Sabato 25 settembre 2010 – ore 16
S. MESSA CON RITO DI  BEATIFICAZIONE
Santuario della Madonna del Divino Amore (Roma)
Presiede Mons. Angelo Amato, Prefetto Congregazione Cause dei Santi

Sabato 25 Settembre 2010 – ore 21
FESTA CON CHIARA LUCE BADANO
Aula Paolo VI – Città del Vaticano – con maxischermo in Piazza S. Pietro
Domenica 26 settembre 2010 – ore 10,30
S. MESSA DI RINGRAZIAMENTO
Basilica di San Paolo fuori le Mura –Roma
Presiede Card. Tarcisio Bertone, Segretario di Stato

Domenica 26 settembre 2010 – ore 12
ANGELUS DI PAPA BENEDETTO XVI
in collegamento con la Basilica di San Paolo fuori le Mura
“Chiara Luce Badano LIFE LOVE LIGHT” è il titolo della serata del 25 settembre, preparata dai giovani per i giovani. E’ un elemento di novità per comunicare la sua vita con il linguaggio del teatro, della musica, delle testimonianze.

La Messa di Beatificazione di Chiara Luce si potrà seguire in diretta anche su TV2000, oltre che su Teleradio Padre Pio e su Telepace.
La serata di festa sarà trasmessa da CTV, Telepace, Teleradio Padre Pio e TV2000.
La Messa di ringraziamento si potrà seguire da CTV e Teleradio Padre Pio.
TELEPACE trasmetterà parte dell’intervista ai genitori di Chiara Luce Badano realizzata da Maria Amata Calò in maggio:
Venerdì 24 Settembre alle ore 20.05
Sabato 25 Settembre alle ore 11.30, 14.35 e 23.15

SEGUI LA DIRETTA SU INTERNET!

%name 25 settembre la beatificazione di Chiara Luce Badano (1971 1990). Video. Segui la diretta su internet.La sua è una vita normale, fatta di successi e insuccessi. Ha molti amici che trovano in lei apertura e ascolto. Ma alle medie prova anche l’emarginazione di chi la chiama  ‘suorina’ per il suo impegno cristiano. In IV ginnasio la bocciatura, subìta come ingiustizia, poi la delusione al primo innamoramento.

Ma Chiara fa di ogni ostacolo una pedana di lancio. Le difficoltà sono altrettante occasioni per  allenarsi a vivere con autenticità il Vangelo, e rispondere all’Amore di Dio che l’aveva attirata sin da  quando aveva poco più di 9 anni, e con i genitori aveva partecipato al Family Fest (manifestazione internazionale per le  famiglie promossa dal Movimento dei Focolari).

Subito si impegna tra i più giovani del Movimento, le gen.  Dopo il primo incontro, insieme a Chicca, gen come lei, scrive a Chiara Lubich: “Abbiamo cominciato subito la nostra avventura: fare la volontà di Dio nell’attimo presente. Col Vangelo sotto braccio faremo grandi cose”.

Chiara Lubich aveva lanciato, proprio ai giovanissimi, una sfida ardita: “Essere una generazione di santi”. Perché, aveva aggiunto,  “per fare città nuove e un mondo nuovo non bastano tecnici, scienziati e politici, occorrono sapienti, occorrono santi”. La fondatrice dei Focolari non aveva temuto di confidare loro il suo segreto: Gesù nel momento culmine del dolore e dell’amore, quando giunge a gridare l’abbandono del Padre per riunirci a Lui e tra di noi. “Senza di lui – aveva detto – non si sta in piedi”. Invitava a riconoscere il suo volto e amarlo con predilezione in ogni dolore piccolo e grande. E’ la chiave per trasformare il dolore in amore, e non restare ripiegati su se stessi, ma proiettati fuori ad amare. Chiara aveva aggiunto: “Non abbiate paura! Lasciate fare a Lui ricompensarvi di amore”! Vi farà felici in questa vita e per l’eternità!”. Chiara Badano ascolta queste parole in un incontro del Movimento, nel 1983.  Ne sarà l’incarnazione viva.

A sorpresa, a 17 anni, un dolore acuto, mentre gioca a tennis. Le ricerche, poi la diagnosi: un tumore osseo tra i più dolorosi. Alla notizia seguono 25 minuti di lotta interiore, poi il suo sì a Gesù. Non si è più voltata indietro. Ben presto si dilegua ogni speranza di guarigione. Chiara perde l’uso delle gambe. E ad ogni nuova ‘sorpresa’ della malattia: “Per Te, Gesù, se lo vuoi Tu lo voglio anch’io!”

%name 25 settembre la beatificazione di Chiara Luce Badano (1971 1990). Video. Segui la diretta su internet.Subentra una grave emorragia. E’ in pericolo di vita. I gen fanno turni di preghiera tutta la notte.
I medici si chiedono se lasciarla morire o procedere alla trasfusione tentando di salvarla, ma rimettendo così in moto anche le sofferenze. Decidono per la vita. Chiara vivrà ancora un anno, decisivo per lei.

E’ l’anno di un’ardita scalata, in cordata con Chiara Lubich, con i suoi genitori, con gli altri giovani che condividono i suoi stessi ideali, sino alle vette dell’unione con Dio che traspare dal suo volto  luminoso, nonostante i dolori della malattia.

Dopo una notte difficile, confida: “Soffrivo molto fisicamente, ma l’anima cantava”.  Chi va a farle visita col desiderio di darle coraggio, ne esce sconvolto e cambiato: è Chiara che contagia con la sua serenità e pace. Non di rado c’è chi dice d’aver sperimentato il Paradiso.

Uno dei medici, non credente e critico nei confronti della Chiesa: “Da quando ho conosciuto Chiara qualcosa è cambiato dentro di me. Qui c’è coerenza, qui del cristianesimo tutto mi quadra”.

%name 25 settembre la beatificazione di Chiara Luce Badano (1971 1990). Video. Segui la diretta su internet.Chiara Lubich, rispondendo alla sua ultima lettera le scrive: “Dio ti ama immensamente, e vuole farti sperimentare gocce di Cielo. Il tuo viso così luminoso dice il tuo amore per Gesù. ‘Chiara Luce’ è il nome che ho pensato per te. Ti piace? E’ la luce di Dio che vince il mondo”!

Chiara Luce è proiettata sino all’ultimo ad amare chi le sta accanto, a comunicare a più giovani possibile  l’ideale che la anima, a dare Dio a chi è alla ricerca. E’ la vigilia della sua “partenza”, saluta tutti i presenti ad uno ad uno, ma i giovani con un amore speciale. Lascia a loro una consegna: “I giovani sono il futuro. Io non posso più correre, però vorrei passare loro la fiaccola come alle Olimpiadi. Hanno una vita sola e vale la pena di spenderla bene”. Poi scompiglia i capelli della mamma: “Ciao! Sii felice, perché io lo sono.”

E’ il 7 ottobre 1990 quando Chiara Luce conclude la sua avventura terrena.  Aveva atteso questo momento come incontro con lo Sposo. Aveva trasformato la sua passione in un canto nuziale. Per il suo funerale aveva pensato a tutto: ai canti, alle preghiere dei fedeli, ai fiori, alla pettinatura, al vestito che aveva desiderato bianco, da sposa. Alla mamma aveva detto: “Quando mi vestirai non dovrai piangere, ma dire: Adesso Chiara Luce non soffre più, vede Gesù”. Quel giorno moltissimi i giovani. Il vescovo di Acqui,  mons. Livio Maritano: “La gioia era dominante, stranamente unite lacrime e sorrisi”. Immediato l’eco della straordinarietà della sua breve esistenza.  Molti cambiano vita. Innumerevoli le testimonianze.

Il vescovo l’aveva conosciuta personalmente. Cogliendo tutto il valore della sua testimonianza per i giovani e per la Chiesa, prende l’iniziativa e porta avanti la causa di beatificazione che ha un iter particolarmente rapido: poco più di 10 anni.

Il 25 settembre 2010 la beatificazione. Si annunciano in migliaia, giovani e non, da tutto il mondo. E collegamenti internet e TV.

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=25yMMNq_Vlk]

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=lPRy4ggpujo]

Questo articolo è già stato letto 3186 volte!

Commenti

commenti

About PredazzoBlog.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi