29 maggio ore 9.01 forte scossa di terremoto avvertita in gran parte del Nord Italia

Da il 29 maggio 2012

246447 367428299981940 134572506600855 1005635 1586663793 n 29 maggio ore 9.01 forte scossa di terremoto avvertita in gran parte del Nord ItaliaUna scossa di 40 secondi ha fatto tremare il nord Italia di magnitudo 5.8 con epicentro in Emilia Romagna avvertita chiaramente anche sulle Dolomiti in Valle di Fiemme.

M5.8 – 3km SSE of Medolla (MODENA), Italy
2012-05-29 07:00:03 UTC (9:00 italiane)

Una seconda scossa di magnitudo 4.0 è stata avvertita 7 minuti dopo alle ore 09.07.21 con lo stesso epicentro nella provincia di Modena.

L’epicentro è stato localizzato a Porggio Rusco, al confine tra le province di Mantova e Modena. Il sisma è stato avvertito in tutto il nord Italia, da Milano (dove alcuni stabili, soprattutto quelli più vecchi sono stati evacuati) a Ravenna. La gente è fuggita in strada anche a Bologna. Si temono nuovi crolli nelle zone già colpite dal sisma. Da una prima ricognizione è crollato un’altra parte della Rocca Estense di San Felice.

La terra ha tremato per diversi secondi in maniera prolungata, sussultoria e ondulatoria.

577616 394623253907300 115751425127819 1027286 1865884115 n 29 maggio ore 9.01 forte scossa di terremoto avvertita in gran parte del Nord Italia

Le foto del crollo del cupolino di Santa Barbara a Mantova (Foto Mirko Di Gangi)

536263 394583143911311 229670081 n 29 maggio ore 9.01 forte scossa di terremoto avvertita in gran parte del Nord Italia

560776 393043454065280 903835601 n 29 maggio ore 9.01 forte scossa di terremoto avvertita in gran parte del Nord Italia

TETTONICA DELLA PIANURA PADANA

in rosso le linee di faglia, ne abbiamo una anche sotto Milano. Quelle dovute al sovrascorrimento dell’Appennino verso nord al di sotto della Pianura Padana sono divise in 5 grandi famiglie: da est verso ovest abbiamo le  (continua clicca su leggi tutto) Pieghe Adriatiche, le Pieghe Romagnole, le Pieghe Ferraresi (quelle attivate da questo terremoto), le Pieghe Emiliane che sono quelle che coinvolgono la Lombardia fino a Pavia e Lodi e le Pieghe del Monferrato in Piemonte. Quelle invece dovute al sovrascorrimento delle Alpi verso sud (anche questo sepolto al di sotto della pianura) prendono il nome di Omoclinale Alpina, che è quella che passa anche per Milano e a cui è associato ad esempio il terremoto del 1396 che distrusse Monza (magnitudo richter maggiore di 6).
La Pianura Padana risulta quindi stretta in una specie di “tripla tenaglia” con gli Appennini che spingono da sud, le Alpi che spingono da nord e l’Adriatico che spinge da est. I dati satellitari GPS indicano che la Pianura Padana viene compressa di circa 1 cm l’anno, mentre le Alpi e gli Appennini crescono di circa 1 o 2 metri al secolo. Le stelle gialle indicano i terremoti di notevole magnitudo avvenuti in Pianura padana nell’ultimo anno, 2011-2012. Come si vede sono dovuti all’attivazione delle Pieghe Ferraresi.
Per spiegare questo “triplo movimento” che avviene al di sotto della Pianura Padana dobbiamo pensare all’Italia come il luogo di scontro tra due placche tettoniche, la Zolla Africana che spinge da sud e quella Euro Asiatica che spinge da nord. Nel Mediterraneo queste due zolle si scontrano subendo una rotazione antioraria. Da una parte la zolla africana risalendo l’Adriatico si incunea da est dentro la Pianura Padana (frecce grandi arancioni), dall’altra la zolla Euro Asiatica scendendo dall’Europa occidentale entra nel Mediterraneo dove ruota e risale da SW (frecce grandi blu). La frizione tra queste due zolle continentali (di uguale densità) ha portato quindi alla formazione della catena Alpina che continua poi, piegandosi ad “S” a causa della rotazione descritta, nella catena Appenninica.

Si ringrazia l’autore del testo e dell’immagine, Michi Boncristiano http://www.facebook.com/boncry.

319836 420566754641212 255672651130624 1319034 1125629674 n 29 maggio ore 9.01 forte scossa di terremoto avvertita in gran parte del Nord Italia

MOSTRUOSE CREPE NELLE CAMPAGNE DI SAN CARLO (FRAZIONE DI SANT’AGOSTINO, PROVINCIA DI FERRARA). SITUAZIONE SEMPRE PIU’ DIFFICILE IN EMILIA ROMAGNA

 

Questo articolo è già stato letto 1674 volte!

Commenti

commenti

About PredazzoBlog.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi