A Cavalese il nuovo musical degli Juntos: “SONO FORSE IO”

Da il 13 ottobre 2008

sono forse io A Cavalese il nuovo musical degli Juntos: “SONO FORSE IO”Sabato 18 ottobre al Palacongressi di Cavalese ore 10.30 per le scuole superiori  ed alle ore 21.00 per tutti  il gruppo Juntos  presenta il nuovo musical:    “SONO FORSE IO ?”.

Il gruppo si affida all’idea di uno degli autori dello spettacolo precedente (“Fuorilegge per la Vita”), Antonio Giovannini (fratello di don Gigi), portando sul palco sedici brani che riportano l’attenzione dello spettatore al bene più grande che l’umanità possiede: il nostro pianeta.
 
Il musical, legato da alcuni accenni al testo biblico che accompagna con un sottile filo tutto il percorso, offre molteplici spunti per una riflessione: le risorse del pianeta, la povertà, lo sfruttamento dei minori, l’influenza delle multinazionali, il potere del denaro, l’indifferenza nei confronti delle persone più sfortunate…

“Sono forse io?” risponde Caino al Signore che chiede dove sia Abele;
così “Siamo forse noi?” responsabili di altri uomini che loro malgrado non hanno di che sopravvivere?

“Sono forse io?” chiede Pietro a Gesù durante l’ultima cena quando si parla di un traditore;
così “Siamo forse noi” che tradiamo i nostri fratelli più poveri ogni volta che non pensiamo a cosa compriamo, a cosa scartiamo, a come utilizziamo le cose?
L’uomo ricco si affanna ogni giorno alla ricerca del piacere, del bello, del buono; cerca in continuazione le cose più costose senza pensare che a volte a produrle sono bambini schiavi, persone che vengono sottopagate, che non hanno altra alternativa che vendere i loro figli per sopravvivere…
L’uomo povero ogni giorno cerca disperatamente di non morire, lavora per infinite ore e non sempre ha di che mangiare, muore di malattie che nei Paesi ricchi sono curabili semplicemente.
Cose che senz’altro si vedono anche in TV, ma questo musical vuole essere anche un momento per capire cosa può fare ognuno di noi nel suo piccolo per migliorare non sempre e solo la nostra esistenza, ma anche quella di chi è dall’altra parte del mondo, per allungare la vita della Terra sulla quale viviamo e dalla quale traiamo nutrimento e materie prime.
Si alza un canto che ringrazia il Signore per le risorse che ha donato al nostro pianeta,
risorse che però non sono illimitate e che forse… stanno finendo!
Ma allora cosa possiamo fare noi?

Scegliere di vivere in sobrietà: rinunciando all’ultimo modello di cellulare, all’auto più  potente e costosa, al cibo più ricercato, all’avere per l’essere, vivendo una vita più semplice con un’occhio anche a chi soffre.

Ogni piccola scelta condiziona così la vita nostra e degli altri. Anche in un contesto piccolo come “fare la spesa”, abbiamo il potere della scelta: comprare o meno beni che sappiamo essere prodotti da bambini in condizioni disumane, sfruttando al massimo le risorse naturali, mette nelle nostre mani la scelta, dato che siamo noi che paghiamo in moneta per quel bene. Lo spettacolo è caratterizzato dall’ alternarsi di momenti profondamente toccanti e colmi di sofferenza e momenti di riflessione con un pizzico di comicità, momenti di preghiera e momenti di speranza, fino al raggiungimento di una realtà che resta ancora crudele:   Milioni di persone vivono in condizioni disumane, muoiono per malattie che a noi sembrano banali; ai bambini è negato il diritto di giocare perchè devono lavorare; i Paesi ricchi vendono armi a chi assolda i bambini per fare la guerra; e ancora una volta una voce si leva: “Ho tanta fame”

Ingresso ad offerta libera che sarà devoluta a sostegno di una missione in Africa.

 www.juntos.it           

Questo articolo è già stato letto 1897 volte!

Commenti

commenti

About mauro morandini

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi