Assolto con formula piena il casaro di Predazzo

Da il 9 giugno 2015
formaggio fassa

Questo articolo è già stato letto 81227 volte!

Si è chiuso in Tribunale a Trento con un’assoluzione «perché il fatto non sussiste» il procedimento penale che vedeva un casaro accusato di furto di formaggio.

Predazzo, ex casaro del caseificio della Val di Fassa che era accusato di essersi appropriato di un grosso quantitativo di formaggio. L’uomo è finito a giudizio dopo che già la Procura aveva chiesto l’archiviazione di tutte le accuse nei suoi confronti. Il caseificio aveva presentato opposizione e il gip aveva disposto il giudizio. La difesa, sostenuta dall’avvocato Monica Baggia, aveva depositato indagini difensive, in particolare le deposizioni dell’ex presidente e di alcuni dipendenti del caseificio con sede a Pozza di Fassa, per dimostrare che era prassi consolidata che i dipendenti potessero trattenere e portare a casa il formaggio invecchiato male, e dunque non più commerciabile, ma ancora commestibile.

Non solo, la difesa ha anche dimostrato che il casaro talvolta faceva delle consegne e quindi portava ai clienti alcune forme. L’accusa, del resto, non ha trovato elementi a sostegno dell’imputazione. Il casaro, al quale erano state chieste le dimissioni, adesso potrà fare causa civile.

formaggio fassa Assolto con formula piena il casaro di Predazzo

 

Commenti

commenti

About PredazzoBlog.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi