Brasile, foresta amazzonica in pericolo e ambientalisti uccisi. Firma la petizione internazionale on line

Da il 30 giugno 2011

foresta amazzonica Brasile, foresta amazzonica in pericolo e ambientalisti uccisi. Firma la petizione internazionale on line

Negli ultimi trent’anni un’area di foresta amazzonica grande quanto la Francia è andata distrutta e ora una legge brasiliana appena approvata minaccia l’inizio di un nuovo periodo di deforestazione selvaggia. Intanto gli attivisti anti-disboscamento stanno ‘misteriosamente’ scomparendo.

L’Amazzonia è in serio pericolo: una delle due camere del Congresso del Brasile ha deciso di cestinare le leggi che oggi proteggono la foresta. Se non agiremo immediatamente la gran parte del polmone verde del nostro pianeta potrebbe essere distrutta.

La decisione ha scatenato un’ indignazione diffusa e manifestazioni in tutto il paese. E la tensione sta crescendo: nelle ultime settimane molti ambientalisti sono stati uccisi, probabilmente da criminali commissionati dai latifondisti che disboscano illegalmente le foreste. Il tempo stringe, e ora stanno cercando di mettere a tacere ogni opposizione proprio mentre la legge è in discussione al Senato. Ma la Presidente Dilma può mettere il proprio veto, se solo riusciremo a convincerla che deve respingere le pressioni politiche nel paese e mostrarsi invece una leader a livello mondiale.

Il 79% dei brasiliani è in favore del veto di Dilma contro la modifica delle leggi che proteggono le foreste, ma le loro voci si scontrano con quelle della lobby dei latifondisti. Ora sta a noi alzare la posta e fare della protezione dell’Amazzonia una battaglia globale. Uniamoci in un appello enorme per fermare gli omicidi e la deforestazione illegale, e soprattutto per salvare l’Amazzonia.

A questo scopo la ONG Avaaz sta raccogliendo le firme per una petizione che ha già superato le 500.000 sottoscrizioni e verrà consegnata alla Presidente Brasiliana. Perché in gioco non c’è solo il futuro del Brasile ma il futuro di tutto il pianeta.

FIRMA ANCHE TU LA PETIZIONE ON LINE

La Foresta Amazzonica, sembra inutile dirlo, è fondamentale per la vita dell’intero pianeta, lo insegnavano anche a scuola. È, infatti, la più grande foresta pluviale del mondo – 370 milioni di ettari – capace di produrre ben il 20% del nostro ossigeno e vede scorrere nei suoi fiumi un quinto dell’acqua dolce del Pianeta. Senza la foresta amazzonica, la Terra non sarebbe come la conosciamo e sicuramente anche tutto il nostro parlare di energie rinnovabili o di lotta ai cambiamenti climatici e all’effetto serra non avrebbe più alcun senso.

%name Brasile, foresta amazzonica in pericolo e ambientalisti uccisi. Firma la petizione internazionale on lineNonostante questo, sono decenni che la Foresta Amazzonica rimpicciolisce sotto i colpi dei grandi proprietari terrieri e delle compagnie multinazionali che da quei terreni vogliono ricavare legno, campi per coltivare, costruire o su cui vogliono pascolare animali. Fino ai primi anni 70′ il 99% della foresta amazzonica era praticamente intatto, negli ultimi 30 anni oltre 55 milioni di ettari di foresta – un’area grande quanto la Francia – sono stati distrutti. Ora, se mai fosse possibile, la situazione potrebbe peggiorare.

Il mese scorso il Congresso Brasiliano ha approvato una legge che cancella le poche tutele della grande foresta e come se non bastasse condona ogni passata violazione di queste leggi. Finora agricoltori e allevatori avevano il divieto assoluto di sradicare un’area maggiore di un quinto di foresta nei loro terreni; avevano l’obbligo, per gli stessi, di mantenere intatta una parte cospicua di mata (foresta brasiliana atlantica) – tra il 20% e l’80% a seconda delle zone – quale ‘riserva integrale’ e il veto assoluto di entrare per motivi diversi dallo studio nell’ambito delle PPA (le aree protette permanenti) di maggiore pregio e dagli ecosistemi più fragili.

%name Brasile, foresta amazzonica in pericolo e ambientalisti uccisi. Firma la petizione internazionale on lineA onor del vero bisogna precisare che le leggi sul disboscamento sono da tempo aggirate in Brasile o sono comunque molto difficili da far rispettare soprattutto nelle zone più profonde dell’Amazzonia dove da anni si vive una deforestazione selvaggia che non compare nelle statistiche ufficiali.

Con lo scaldarsi del dibattito sulla legge in oggetto molti ambientalisti hanno preso fortemente posizione contro i proprietari terrieri i quali dalla loro hanno solo le ragioni del denaro che portano al Brasile e dell’economia che trainano con livelli record di esportazione negli ultimi anni. Argomenti che scaldano i cuori dei membri del congresso, ma non convincono quelli della gente comune che si sta mobilitando in modo sempre più deciso (il 79% dei brasiliani è contro la deforestazione).

deforestazione amazzonica Brasile, foresta amazzonica in pericolo e ambientalisti uccisi. Firma la petizione internazionale on lineForse per questo motivo, negli ultimi mesi diversi attivisti per l’ambiente sono morti o sono stati uccisi in condizioni molto particolari. L’ultimo caso è quello dei da Silva, Jose Claudio Ribeiro e sua moglie Maria do Espirito Santo, che sono stati uccisi solo un mese fa durante un’imboscata nello stato di Parà. Ma il loro è solo uno dei tanti nomi che già l’anno scorso la Commissione pastorale della Terra aveva trovato elencato in una lista di 125 persone “indicate per essere uccise” e che pian piano stanno effettivamente scomparendo. “L’assenza di autorità statale porta alla deforestazione illegale – spiega Valdimir Ferreira, consigliere municipale di Nova Ipixuna -. Da Silva aveva iniziato una lotta contro le compagnie forestali e i potenti proprietari terrieri. E loro hanno ordinato di ucciderlo”.

Insomma, l’Amazzonia brucia, chi lotta per lei muore e il Brasile con una riforma del codice forestale pare voler cancellare quel poco di legislazione che al momento esiste. L’unica speranza ormai è quindi che il Presidente Dilma Rousseff, coerentemente sia con la politica protezionistica del suo predecessore e mentore Lula, sia con quanto da lei stessa dichiarato in passato, ponga il veto alla legge. Sappiamo però quanto sia difficile resistere alle pressioni delle lobby del legno e per questo è necessario che in tutto il mondo ci si mobiliti per convincere la Segnora Rousseff a porre il veto.

A questo scopo la ONG Avaaz sta raccogliendo le firme per una petizione che ha già superato le 500.000 sottoscrizioni e verrà consegnata alla Presidente Brasiliana. Perché in gioco non c’è solo il futuro del Brasile ma il futuro di tutto il pianeta.

FIRMA ANCHE TU LA PETIZIONE ON LINE

Questo articolo è già stato letto 2575 volte!

Commenti

commenti

About PredazzoBlog.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi