Cavalese, scintille sul bilancio

Da il 16 gennaio 2009

84 42 Cavalese, scintille sul bilancioMancava Luigi Casanova (costretto a letto da un improvviso attacco febbrile), ma è stata ugualmente vivace e spesso polemica, con improvvisi innalzamenti di voce, interruzioni ed anche attacchi personali equamente distribuiti tra le parti, la seduta del consiglio comunale di Cavalese, nel corso della quale è stato approvato, a maggioranza, il bilancio di previsione 2009. Protagonista assoluto della serata, il consigliere di minoranza della lista «Amministrare insieme Cavalese» Maurizio Tavernar , che si è più volte scontrato con il sindaco e con quasi tutti gli assessori, mettendo in seria difficoltà il presidente del consiglio Carmelo Zini , che ha fatto fatica a mantenere il dibattito entro i binari di un civile confronto di idee ed alla fine, rivolto a Tavernar, è sbottato: «Pochi sarebbero disposti a fare questo mestiere con elementi del genere». «In passato» la risposta del consigliere, al termine della seduta, «sono successe delle cose anche peggiori». A volte, per la verità, il dibattito è andato decisamente sopra le righe, mettendo a disagio lo stesso pubblico presente, insolitamente numeroso. Al centro della seduta il bilancio di previsione, illustrato dal sindaco Walter Cappelletto . Il documento pareggia sulla cifra di 17.092.301 euro. «Un bilancio responsabile» lo ha definito il primo cittadino «predisposto sulla base di risorse certe, nel rispetto del patto di stabilità voluto dalla Provincia. Calano le entrate, ma siamo impegnati a portare a termine i progetti del nostro programma elettorale, polo scolastico di Masi e ristrutturazione e riqualificazione della piscina su tutti». Richiamando il protocollo d’intesa firmato in autunno con la Provincia, assieme agli altri Comuni della valle e all’Apt, Cappelletto ha analizzato gli aspetti previsionali più importanti del documento contabile, soffermandosi in particolare sulla piscina (oggetto di ripetute annotazioni polemiche soprattutto da parte di Tavernar, che ha giudicato «dannose» determinate soluzioni), sui problemi del traffico, sugli aspetti turistici (un centinaio le manifestazioni previste per la prossima estate, tra l’altro con una settimana dedicata all’infanzia e una mostra sulle Dolomiti, patrimonio dell’umanità), sulle iniziative energetiche («Cavalese è uno dei Comuni d’Italia con la pià alta autosufficienza energetica»), sugli aspetti urbanistici (oggi, venerdì 16 gennaio, il commissario ad acta Mario D’Andrea , ex sindaco di Borgo, approverà la prima adozione della variante al Piano Regolatore Generale), sull’asilo nido di Castello (per la sua realizzazione, Cavalese interviene con una quota di 287.000 euro) e su altre tematiche legate all’istruzione, ai giovani, all’agricoltura. Per quanto riguarda le spese di investimento, complessivamente pari a 6.006.275 euro, in evidenza 1.280.000 euro destinati al nuovo polo scolastico di Masi (alla fine costerà 3.900.000 euro, spalmati su tre anni), 2.280.000 per la piscina (il costo finale è previsto in 4.900.000 euro, con un contributo provinciale pari a 3.685.000 euro), 281.000 euro per il completamento del restauro della scuola materna, 590.000 euro per il parcheggio di via Rocca, 162.000 per la sistemazione del tetto di Casa Firmian, 200.000 per il nuovo macello, 50.000 per la progettazione del potenziamento della centralina idroelettrica in località «Tabià», con la prospettiva di aumentare da 800.000 a oltre 3 milioni di kilovattora la produzione annua di energia. Intenso, come era prevedibile, il dibattito.

Mario Felicetti

Questo articolo è già stato letto 1851 volte!

Commenti

commenti

About mauro morandini

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi