Olimpiadi invernali in TV: Claudia Morandini di Predazzo racconta Sochi su Cielo

Da il 1 febbraio 2014
claudia morandini predazzo blog

Claudia Morandini al termine della carriera agonistica, ha da qualche anno iniziato un’avventura professionale ricca: conduttrice per Eurosport, Rai Sport, Sky Sport. Ora sarà nel team di cronisti Sky in vista di Sochi 2014.

La bella ragazza bionda di Predazzo ha prestato la sua voce forte e decisa in tutte le cerimonie ufficiali di premiazione ai  Campionati del Mondo Fiemme 2013 , delle Universiadi 2013 ed ha condotto la cerimonia ufficiale di apertura dei Campionati del Mondo JR Fiemme 2014.

Dalle piste di sci, vissute e sofferte come atleta portabandiera dei colori nazionali, a conduttrice e cronista capace di raccontare le emozioni col piglio di chi le ha provate davvero. Claudia Morandini, campionessa di sci alpino, è pronta, dal 7 febbraio, a imbarcarsi per Sochi nella squadra di telecronisti di Cielo, («Una full immersion totale», dice), affrontando il bello della diretta come avrebbe affrontato una porta di slalom speciale.
Perché il segreto di un bravo narratore è lo stesso di un atleta coscienzioso: «Rimuovere tutto ciò che ti sta attorno e concentrarti sui dettagli con un approccio semplice, diretto, cercando di portare il pubblico allo stesso livello di coinvolgimento che vivi tu, in prima persona».

claudia morandini Olimpiadi invernali in TV: Claudia Morandini di Predazzo racconta Sochi su Cielo

Ad accompagnarci in questo viaggio sportivo ci sarà quindi Claudia Morandini che, a fianco di Luca Sgarbi, presenterà le gare olimpioniche su Cielo che dedicherà all’evento oltre 100 ore di diretta con commenti, ospiti importanti, aggiornamenti e interviste (qui tutti i dettagli sulla programmazione).

«Sono molto felice, è un periodo positivo. Cielo mi ha scelta non tanto in veste di ex atleta ma apprezzando la mia nuova dimensione professionale. La sfida per me è cercare di raccontare al meglio tutte le categorie sportive presenti a Sochi, non soltanto lo sci alpino, che è la disciplina che conosco meglio».

Come vede la squadra olimpica italiana?
«Non sono tanti gli atleti che si presentano come grandi favoriti ma, essendo un evento olimpico, confido in piacevoli sorprese. Sarò la prima tifosa».

Sochi non sarà soltanto un evento sportivo. Controversie socio-politiche sono pronte a far da corollario alla manifestazione.
«È prevedibile. Certi argomenti, con l’approssimarsi di grandi manifestazioni come quella di Sochi, si inseriscono innescando polemiche e dibattiti. Mi auguro che l’attenzione mediatica rimanga focalizzata sugli atleti e sull’aspetto agonistico, rendendo l’evento principalmente una festa sportiva. Capace, perché no, di sensibilizzare l’informazione anche su altre tematiche, ma solo in senso positivo e propositivo».

Inevitabile chiederle un raffronto tra l’affrontare una competizione da atleta protagonista e raccontarla per la tv.
«Dei legami ci sono. Il cronista cerca di percepire le emozioni provate dall’atleta al momento della gara. Essendo stata atleta a mia volta, so bene di che cosa si tratta. Il grande campione avverte l’adrenalina di un momento che potrebbe cambiargli l’esistenza. Si focalizza sulla competizione, è come se entrasse in una bolla per estraniarsi da tutto e da tutti. Credo che il segreto sia entrare in empatia con quelle sensazioni e cercare di raccontarle con un linguaggio semplice, avvicinandosi al pubblico senza costruzioni o costrizioni».

Un po’ come sta impostando la sua carriera di giornalista sportiva, cercando di acquisire visibilità gradualmente, senza costruzioni velleitarie.
«Preferisco definirmi conduttrice sportiva. Non sono giornalista. Da quel punto di vista, cerco di pensare giorno per giorno. Ho fatto tanta gavetta, scegliendo una crescita graduale ma costante, senza eccessivi picchi iniziali. Non ho obiettivi o sogni nel cassetto specifici. Voglio trovare però il mio posto nel mondo della conduzione sportiva. Cercherò di meritare ogni occasione che mi capiterà».

Occasioni che abbracceranno settori anche diversi dagli sport invernali.
«Il bello di lavorare a eventi sportivi per la tv è il potersi trasformare ogni volta. Ciò permette di acculturarti e conoscere le specifiche tecniche di ogni argomento trattato. Sarebbe un guaio, per una donna, non dimostrarsi preparata nell’affrontare un argomento sportivo».

claudia morandini predazzo blog Olimpiadi invernali in TV: Claudia Morandini di Predazzo racconta Sochi su Cielo

Intende dire che a una donna certi errori non verrebbero perdonati?

«Il mondo sportivo è un mondo maschile, dicendolo non si rivela un mistero. Si tratta di un retaggio culturale diffuso. Dunque, nei confronti di una conduttrice donna, c’è sempre maggior attenzione nel giudizio e nella critica. L’essenziale è essere preparati, conoscere la materia trattata e il linguaggio con cui trattarla. Diciamolo, le figure femminili, nel commentare lo sport, sono sempre utili e dovrebbero trovare più spazio».

Allora mi costringe a fare il malizioso. Oltre alla sua brillante carriera sportiva, pensa che l’essere giovane, bella e bionda possa aiutarla nel farsi strada in tv?
«Non lo nego, l’aspetto aiuta, essere telegenici è un punto di partenza. Non nascondo che mi abbia aiutata molto, soprattutto agli inizi. Poi però arriva sempre il fatidico momento della verità: se non sei preparata sull’argomento, le critiche piovono a maggior ragione».

Ogni tanto capita, a qualche conduttrice, di ricevere critiche. Specie nel mondo sportivo calcistico, passione incontrastata del teledipendente medio italico.
«Mi piacerebbe tanto che i cosiddetti “sport minori” godessero di pari dignità col calcio e non venissero seguiti solo in occasione dei grandi eventi. In questo senso, sport come il ciclismo riscuotono parecchi consensi anche al di fuori della cerchia degli appassionati. Per quanto riguarda lo sci, molto dipende dal carisma dei protagonisti. Personaggi come Alberto Tomba o Deborah Compagnoni hanno saputo unire l’Italia intera. Erano autentiche bombe mediatiche. Vale anche per altre discipline, penso a Valentino Rossi nel motociclismo».

Il carisma mediatico di un campione è qualcosa che si può anche costruire nel tempo?
«Dipende dalla personalità del singolo atleta. Ci sono campioni, vincenti e affermati, che non amano la ribalta mediatica e tendono a essere più schivi. L’universo social può aiutare a avvicinare il pubblico alla conoscenza degli atleti. Ma col carisma ci devi nascere. E, soprattutto, devi vincere».

Le capita mai di ripensare alla sua carriera agonistica?
«Gli anni più belli del mio passato di sciatrice sono stati quelli del mio salto dalla Squadra B alla Squadra A. Nel complesso, avrei potuto raccogliere risultati migliori. Il rimpianto è non aver vissuto al meglio la dimensione della Coppa del Mondo. Forse non ero pronta a livello mentale. Ma quell’esperienza mi consente oggi di gestire con più consapevolezza la mia seconda carriera».    G.G.

cielo sky claudia morandini predazzo blog Olimpiadi invernali in TV: Claudia Morandini di Predazzo racconta Sochi su Cielo

claudia morandini sito predazzo blog1 Olimpiadi invernali in TV: Claudia Morandini di Predazzo racconta Sochi su Cielo

 

bannerone english sport camp fiemme Olimpiadi invernali in TV: Claudia Morandini di Predazzo racconta Sochi su Cielo

 

Questo articolo è già stato letto 50373 volte!

Commenti

commenti

About PredazzoBlog.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi