Bellamonte, la sintesi del Convegno Abitare la Terra e la Città

Da il 11 ottobre 2016
abitare-la-terra-convegno-bellamonte

Dal 23 al 26 agosto 2016 si è svolto a Bellamonte presso la sala polifunzionale “Aldo Moro” il Convegno sul tema: “Abitare la terra. Abitare la città”, promosso dalla Fraternità Francescana e Cooperativa sociale Frate Jacopa, con il patrocinio del Comune di Predazzo.

Il Convegno, ormai al suo 4° appuntamento in questa cattedrale naturale delle Dolomiti, sta diventando un cammino in progressione sui temi della custodia del creato e dell’umano per nuovi stili di vita più fraterni e solidali. Nell’introdurre i lavori la Presidente nazionale Argia Passoni ha posto l’attenzione sull’esigenza di un abitare più umano nella complessità del tempo presente, a fronte di una società sempre più frammentata e di una relazionalità sempre più anonima. Si tratta di ripensare l’abitare, che deve ritrovare le sue profonde radici antropologiche e teologiche per poter passare da un abitare difensivo ed escludente ad un abitare accogliente, proteso al futuro, capace di umanizzare la vita, la città, il mondo.

È un cambiamento di rotta da porre in atto che riguarda tutti gli uomini e le donne del pianeta, ma che ci riguarda particolarmente come  cristiani, chiamati come siamo a rispondere in prima istanza dello statuto creaturale, da cui dipende il vero ben-essere dell’umanità. Il nostro Convegno vuole intraprendere una riflessione in questa direzione – ha detto A. Passoni – per sollecitare alla presa di coscienza della responsabilità dell’abitare, tanto più importante oggi di fronte all’avanzare di un abitare che favorisce la costruzione di identità effimere basate sul consumo e sul virtuale, e dunque sempre più esposte alla manipolazione e sempre più incapaci di prossimità.

Non a caso i sociologi oggi parlano di “non luoghi”, spazi connotati dall’estraneità, dalla provvisorietà, privati di senso di appartenenza. Lo stesso paesaggio delle periferie è uniforme, senza centri di riferimento per la vita comunitaria. I luoghi di riferimento diventano così i centri commerciali, non le piazze, non la chiesa, non le istituzioni. E nella forma sempre più artificiale delle megalopoli si rende evidente di pari passo la scomparsa di Dio e la scomparsa della città come luogo sociale. È uno scenario che ci rimanda quasi plasticamente ai due modelli emblematici di città che la Bibbia ci presenta: Babele, progetto idolatrico autoreferenziale con la conseguente estraneità distruttiva, e Gerusalemme, il progetto alternativo di città che richiama invece alla consapevolezza che costruire la città non dipende solo dagli uomini.

abitare la terra convegno bellamonte Bellamonte, la sintesi del Convegno Abitare la Terra e la Città

Questo articolo è già stato letto 74758 volte!

Commenti

commenti

About PredazzoBlog.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi