“Dopo il Nauno e lo Scec perché no il ‘Lagorino’?” La moneta locale per un’economia di relazioni.

Da il 13 aprile 2013
LAGORINO MONETA LOCALE

PREDAZZO – I luoghi della sobrietà Giovedì 18 aprile – ore 20.30 

Incontro con Angelina Pisoni referente di Arcipelago Scec in Trentino-Alto Adige

Si è parlato molto in questi tempi di Euro e di ritorno alla Lira. Ma si è tornati a parlare anche della moneta locale, seppure spesso con obiettivi del tutto diversi come la recente proposta del governatore della Lombardia. In Italia sono numerose le esperienze dei diversi movimenti locali che da anni utilizzano strumenti di scambio, utilizzati su base volontaria, con cui è possibile scambiare beni e servizi . LAGORINO MONETA LOCALE 300x231 “Dopo il Nauno e lo Scec perché no il ‘Lagorino’?” La moneta locale per un’economia di relazioni.

Tra questi c’è anche il “Nauno” in val di Non e lo Scec la “Solidarietà ChE Cammina”, un “arcipelago” nazionale con ramificazioni nelle diverse realtà locali. In Trentino è presente nella valle dei Laghi. La referente del Trentino Alto Adige di Arcipelago Scec è Angelina Pisoni, che è anche presidente Banca della Banca del tempo della valle dei Laghi. Angelina Pisoni sarà a Predazzo giovedì 18 aprile alle ore 20.30 nell’aula magna del municipio per l’ennesimo incontro del progetto “I luoghi della sobrietà”.

Una serata dal titolo provocatorio. “Dopo il Nauno e lo Scec perché nò il Lagorino?”: Insomma, se in Anaunia hanno inventato il Nauno perché non pensare al “Lagorino” nelle valli dell’Avisio?

Lo scopo ovviamente è quello, innanzitutto, di spiegare cos’è la moneta locale, ma anche di verificare la possibilità di un utilizzo dello Scec o di altra valuta locale nelle nostre valli.

Lo Scec è uno strumento di pagamento, che riduce il costo della merce senza intaccare il compenso dell’esercente che lo accetta in percentuale assieme

all’euro. E’ una cartonota priva di interessi che non crea debito, perchè è di

proprietà di chi la possiede. Ha valore nel momento che la si usa. E’ uno sconto che non muore alla cassa, ma cammina tra fruitore e esercente, creando un circolo virtuoso di solidarietà in cui nessuno ci perde e tutti ne traggono beneficio. Ha lo scopo di aumentare il potere di acquisto, sviluppare l’economia locale e trattenere la ricchezza sul territorio, il che significa investimenti e posti di lavoro.

Lo Scec non è propriamente una moneta locale, è organizzato secondo un modello diverso, basato sul concetto di riduzione di prezzo in Euro in maniera molto simile ai meccanismi della grande distribuzione, il Buono Locale di Solidarietà, lo SCEC, è presente in diverse regioni ed è interscambiabile all’interno del sistema Arcipelago Scec.

Chi vuole capirne di più è invitato alla serata di giovedì 18 aprile a Predazzo. La partecipazione è libera, gratuita e gradita.

moneta locale lagorino predazzo blog “Dopo il Nauno e lo Scec perché no il ‘Lagorino’?” La moneta locale per un’economia di relazioni.

moneta locale lagorino 1 predazzo blog “Dopo il Nauno e lo Scec perché no il ‘Lagorino’?” La moneta locale per un’economia di relazioni.

Questo articolo è già stato letto 3582 volte!

Commenti

commenti

About PredazzoBlog.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi