Fiemme a misura di famiglia. Dopo Rendena e val di Non nasce il terzo Distretto Famiglia del Trentino

Da il 26 novembre 2010

C’è il Comune di Cavalese, ma anche la Magnifica Comunità di Fiemme, la Società impianti a fune “Alpe Cermis”, il Comitato Mondiali Ski Fiemme 2013, una scuola materna, una cassa rurale, alberghi, ristoranti, cooperative sociali, associazioni: tutti con un obiettivo, quello di fare qualcosa di concreto per le famiglie. Dunque anche la Valle di Fiemme, dopo l’Alta Val Rendena e la Valle di Non, diventerà un Distretto Famiglia. Ad essersi incamminati, quali organizzazioni ed enti battistrada, in un percorso di certificazione territoriale familiare, al fine di accrescere, tramite il rafforzamento del sistema dei servizi e delle iniziative per la famiglia, l’attrattività territoriale, nonché sostenere lo sviluppo locale, sono 24 tra soggetti pubblici e privati. Un Distretto Famiglia, quello della Valle di Fiemme, che nasce ufficialmente oggi con l’approvazione da parte della Giunta provinciale, su proposta del presidente Lorenzo Dellai e dell’assessore alle politiche sociali Ugo Rossi, del relativo schema di accordo volontario d’area.

L’accordo si pone quattro obiettivi fondamentali, gli stessi attorno ai quali hanno già trovato un’unità d’intenti i soggetti pubblici e privati dei due Distretti Famiglia già attivati:
- implementare processi di responsabilità territoriale familiare, sperimentando nuovi modelli di collaborazione tra i diversi soggetti firmatari dell’accordo;
- dare attuazione ai contenuti del Libro Bianco sulle politiche familiari e per la natalità “La famiglia risorsa del territorio. Trentino amico della famiglia” per le parti direttamente riferibili al “Trentino Distretto per la famiglia” adottato nel luglio 2009 dalla Giunta provinciale;
- attivare in Valle di Fiemme, con il forte coinvolgimento degli attori del territorio, il laboratorio sulle politiche familiari, per sperimentare ed implementare modelli gestionali, modelli organizzativi e di valutazione delle politiche, sistemi tariffari e politiche di prezzo, per promuovere il benessere familiare sostenendo il capitale sociale e relazionale del territorio;
- implementare sul territorio gli standard familiari sugli ambiti di intervento già adottati dalla Provincia Autonoma di Trento sul tema delle famiglie per la famiglia, nonché sperimentare sul campo nuovi standard familiari con l’obiettivo di supportare concretamente il processo di definizione delle linee guida per la Certificazione territoriale familiare.
Le organizzazioni che sul territorio hanno espresso apprezzamento ed interesse alla proposta di aderire all’accordo volontario di area per favorire lo sviluppo in Valle di Fiemme del Distretto famigliasono 24 e precisamente:
Provincia Autonoma di Trento
Consigliera di parità
Comune di Cavalese
Forum Trentino Associazioni Familiari
Magnifica Comunità di Fiemme
Cassa Rurale Centro Fiemme-Cavalese
Apt Val di Fiemme Spa
Impianti a fune “Alpe Cermis” Spa
Comitato Mondiali Ski Fiemme 2013
Centro d’arte contemporanea
Scuola Materna di Cavalese e Masi
Cooperativa Sociale “Progetto 92”
Cooperativa Sociale “Oltre”
Cooperativa Sociale Tagesmutter “Il Sorriso”
Hotel “Bellavista”
Hotel “La Roccia”
Hotel “Azalea Park”
Associazione Sportabili onlus
Associazione “Io”
Esercenti Cavalese
Ristorante “La Stregona”
Pizzeria “El Calderon”
Gelateria, pasticceria “Kiss”
Società Fiemme Servizi Spa

Articolo a cura di Michele Malfer

Questo articolo è già stato letto 2048 volte!

Commenti

commenti

About PredazzoBlog.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi