Giornata Internazionale della famiglia, 15 maggio 2010

Da il 14 maggio 2010

14903 immagine famiglia Giornata Internazionale della famiglia, 15 maggio 2010  La Giornata Internazionale della famiglia si celebra ogni anno il 15 maggio. La Giornata è stata proclamata dall’Assembla Generale delle Nazioni Unite (A/RES/47/237) nel 1993 e riflette l’importanza che la comunità internazionale attribuisce alla famiglia.

La Giornata Internazionale offre l’opportunità di promuovere la consapevolezza delle problematiche relative alla famiglia, aumentando la conoscenza dei processi sociali, economici, e demografici che colpiscono le famiglie.

La Giornata potrebbe diventare un’opportunità per tutti i paesi di dimostrare il loro sostegno alle famiglie.

 I governi , le organizzazioni non governative, le scuole e i singoli individui sono invitati a celebrare tale ricorrenza per promuovere una migliore comprensione delle funzioni, dei problemi, e dei bisogni legati alla famiglia.

 

 

“Famiglia a colori: il futuro dell’Italia è interculturale”

 

Il tema proposto dall’ONU per la Giornata 2010 è “L’impatto delle migrazioni sulle famiglie nel mondo”, che il Forum Italiano delle associazioni familiari ha scelto di assumere, in considerazione del contesto nazionale ed internazionale con cui oggi il mondo intero si confronta, un contesto caratterizzato da imponenti movimenti migratori, individuali, familiari e collettivi.

In questo scenario la famiglia può essere soggetto di mediazione interculturale, quindi veicolo di integrazione, perché già naturalmente si configura come luogo di mediazione al proprio interno tra sessi e tra generazioni e – nel caso dell’interfaccia con le persone straniere – può ampliare questa primaria capacità, ovvero può aprirsi anche alla diversità etnica, diventando ponte culturale che promuova forme di inclusione, di integrazione e di cittadinanza delle persone e delle famiglie immigrate.

Il titolo, “Famiglia a colori: il futuro dell’Italia è interculturale”, intende sottolineare la interculturalità come valore e la dimensione familiare – per le famiglie dei migranti e per quelle del Paese ospitante – come luogo privilegiato di “incontro pacifico”.

Questo articolo è già stato letto 1749 volte!

Commenti

commenti

About mauro morandini

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi