Giovanni Paolo II – 2 aprile 2010 quinto anniversario dalla morte. Testimonianza del cardinale Angelo Comastri. Video

Da il 2 aprile 2010

Wojtyla%2520 Giovanni Paolo II   2 aprile 2010 quinto anniversario dalla morte. Testimonianza del cardinale Angelo Comastri. VideoMesse, momenti di preghiera, mostre, libri, incontri culturali: sono molteplici i modi con i quali fedeli cattolici e non si apprestano, in tutto il mondo, a commemorare il quinto anniversario della morte di Giovanni Paolo II, avvenuta il 2 aprile 2005. Alla vigilia di questo evento, Alessandro Gisotti ha raccolto la testimonianza del cardinale Angelo Comastri, vicario generale del Papa per lo Stato della Città del Vaticano, che ritorna con la memoria a quei momenti indelebili vissuti 5 anni fa: listen Giovanni Paolo II   2 aprile 2010 quinto anniversario dalla morte. Testimonianza del cardinale Angelo Comastri. Video R. – Sono indimenticabili, quei momenti, anche perché sono momenti nei quali ognuno ha qualcosa di suo da ricordare. Io ricordo l’incontro che ebbi con il Santo Padre Giovanni Paolo II, ormai sulla soglia dell’eternità, il primo aprile 2005. Venni chiamato dall’allora segretario, mons. Dziwisz, che mi disse: “Il Santo Padre sta morendo. Se vuole, venga a prendere l’ultima benedizione”. Feci una corsa come non ho mai fatto, per raggiungere l’appartamento del Papa. Quando mi trovai accanto al suo letto, mi inginocchiai e mons. Dziwisz, toccando il braccio del Papa, lo scosse un po’ e gli disse: “Padre Santo, c’è qui Loreto” – perché io venivo da Loreto. Il Papa aprì gli occhi, mi guardò e disse sottovoce: “No, San Pietro!”: quindi ricordò – era lucidissimo! – che io avevo lasciato Loreto ed ero venuto a San Pietro e che lui mi aveva dato questo incarico. Allora, mi feci coraggio e chiesi: “Padre Santo, mi dia una benedizione per questa nuova missione alla quale mi ha chiamato!”. Lo vedo ancora: tentò di alzare la mano destra, che era gonfia. Alzò la mano soltanto di due o tre centimetri, poi la mano ricadde. Io allora dissi: “Padre Santo, la benedizione è già partita dal cuore, io la custodisco come un tesoro prezioso. La ringrazio”. Questo è l’ultimo ricordo, indelebile, che porto con me. D. – A cinque anni dalla morte, la presenza di Giovanni Paolo II nella vita di una moltitudine di persone è ancora vivissima: basta affacciarsi la mattina a San Pietro, per vedere le migliaia di pellegrini che ogni giorno fanno la fila per passare poi solo qualche secondo davanti alla tomba di Giovanni Paolo II. Perché, secondo lei? R. – E’ vero: la folla di pellegrini continua ininterrotta. Molto spesso, al mattino, io mi fermo per una breve preghiera davanti alla tomba di Giovanni Paolo II e osservo i volti, guardo i volti e noto emozione. All’inizio, forse, c’era un po’ di curiosità; oggi c’è soprattutto devozione e desiderio di raccogliere in qualche modo il profumo che viene dalla tomba, che viene quindi dalla testimonianza di Giovanni Paolo II. Anch’io mi chiedo perché: sicuramente, perché Giovanni Paolo II è stato un modello di vita spesa per il bene. Oggi la società, purtroppo, è dominata da modelli vuoti, da modelli insignificanti, da modelli che – come fuochi artificiali – appaiono per un momento sullo schermo televisivo e poi spariscono. Giovanni Paolo II era un uomo che sapeva perché viveva e per chi viveva. Si vedeva che era mosso da un ideale, era mosso da un progetto di vita; era un uomo che si spendeva per l’ideale a cui aveva legato la sua vita, e il suo ideale era Gesù! A vedere un uomo così determinato nel vivere il proprio ideale di vita, indubbiamente oggi commuove, perché è raro trovare persone così! E credo che la gente, soprattutto i giovani, vengano da lui per cercare – in qualche modo – di carpire il segreto di questa vita e – in qualche modo – imitarla. D. – Di Giovanni Paolo II è stato detto e scritto di tutto. Ma qual è, secondo lei, il messaggio, la testimonianza più forte che ha lasciato all’umanità? R. – A mio giudizio è il coraggio. Il coraggio di testimoniare la fede in un mondo che sembra molto spesso indifferente e ostile alla fede. Io non dimenticherò mai che il 16 ottobre 1978 improvvisamente in Piazza San Pietro, quando si affacciò questo nuovo Papa che per tutti era una sorpresa – “un Papa venuto da lontano”, come lui stesso disse – tuonò in Piazza San Pietro la sua testimonianza di fede gridando: “Sia lodato Gesù Cristo!”. A me venne in mente un altro momento della storia della Chiesa, la Pentecoste dell’anno Trenta, quando a Gerusalemme il primo Papa, Pietro, uscendo dal Cenacolo, senza paura, in Gerusalemme, cioè in quella città che aveva condannato Gesù, senza paura, gridò il nome: “Gesù di Nazareth, che voi avete crocifisso, è risorto!”. La storia cristiana è iniziata con questo grido di Pietro. Ebbene, il 16 ottobre 1978 a me sembrò che quel grido ritornasse, che nella voce di Giovanni Paolo II ritornasse il coraggio delle origini, il coraggio degli inizi: “Sia lodato Gesù Cristo! Non abbiate paura di lui! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo!”. Tutta la sua vita si è mossa all’interno di questo coraggio. Ha gridato la sua fede in un mondo che sembrava addormentato o indifferente, e dovunque sia passato, ha scosso le coscienze. D. – “Totus tuus”. Giovanni Paolo II è anche il Papa mariano per antonomasia. Ha qualche ricordo, anche personale, di questa dimensione davvero particolare della figura di Karol Wojtyla? R. – Io ero in piazza San Pietro il 25 marzo 1984, quando Giovanni Paolo II consacrò il mondo alla Madonna e consacrò in modo particolare la Russia alla Madonna. Ebbene, il 25 marzo di quell’anno, nessuno poteva immaginare che cosa avrebbe significato quella consacrazione. Però – e questa è storia! – subito dopo, in Russia va al potere Michail Gorbaciov e inizia il pacifico processo di autodemolizione dell’impero del comunismo ateo: qualcosa di incredibile, di impensabile, di imprevedibile! E non solo: l’8 dicembre 1991 – siamo sempre negli anni di Giovanni Paolo – festa dell’Immacolata Concezione di Maria, in una riunione dei leader delle più importanti repubbliche della vecchia Urss, viene deciso lo smantellamento dell’Unione Sovietica. Il fatto stupì il mondo intero e lasciò tutti con il fiato sospeso, addirittura anche quei leader che erano lì presenti … Lo stesso Michail Gorbaciov, nel 2001, sul Corriere della Sera, ha rilasciato questa dichiarazione: “Ancora oggi – sono parole sue – non riesco a capire quello che passò per la testa dei deputati russi, ucraini e bielorussi in quell’8 dicembre 1991”. Dieci anni dopo, Gorbaciov ancora se lo chiedeva. Ma io credo che alla radice di tutto ci sia stato quell’atto di devozione mariana di Giovanni Paolo II: si è affidato a Maria, obbedendo all’invito di Gesù che ci ha presentato Maria come nostra Madre quando a Giovanni ha detto: “Giovanni, ecco tua madre!”. Giovanni Paolo II ha preso sul serio questa consegna di Gesù e ce l’ha dimostrato in mille maniere. Ma quel giorno, questa devozione mariana è diventata storia che ancora segna la storia del nostro tempo. D. – Karol Wojtyla e Joseph Ratzinger sono legati da un profondo, indissolubile legame di amicizia in Cristo. Cosa pensa di chi, anche ultimamente, ha voluto contrapporre le due figure? R. – Contrapporre le due figure è impossibile e impensabile. Tra Karol Wojtyla e Joseph Ratzinger c’è un’amicizia, un’amicizia di fede e quindi una continuità di fede che nessuno potrà mai mettere in discussione. Poi, è chiaro, le persone sono diverse, come sono diversi i fiori, come sono diversi i paesaggi … Dio non fa nulla in fotocopia! Sono due persone diverse, ma c’è una continuità di fede, una continuità di passione per il Vangelo, una continuità di dedizione alla Chiesa, una continuità di stile profetico che accomuna i due P
ap
i. E questo è uno spettacolo che commuove nel quale noi leggiamo con sicurezza la mano della Provvidenza che guida la Chiesa e guida quindi anche il Papato.
 
[youtube OL1w7QTtS_E&feature=related]

Questo articolo è già stato letto 2319 volte!

Commenti

commenti

About mauro morandini

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi