Il Papa in Terra Santa: Amman, Gerusalemme e Betlemme, tappe verso un’intesa migliore con l’islam.

Da il 5 maggio 2009

papa%2Brabbino Il Papa in Terra Santa: Amman, Gerusalemme e Betlemme, tappe verso un’intesa migliore con l’islam.Sia nel mondo musulmano che in quello cristiano, il pellegrinaggio di Benedetto XVI in Terra Santa suscita aspettative per l’impatto che avrà sulle relazioni tra l’islam e il cattolicesimo.
In questo viaggio, il Papa compirà gesti estremamente significativi: per la seconda volta nel suo pontificato entrerà in una moschea, ad Amman; incontrerà i leader religiosi islamici a Gerusalemme e a Betlemme; visiterà la Cupola della Rocca nella Spianata delle Moschee della Città Santa, un gesto che Giovanni Paolo II non ha compiuto nella sua visita del 2000.
Il fatto che il pellegrinaggio inizi questo venerdì con la Giordania aiuterà senz’altro a promuovere queste relazioni. Padre Federico Lombardi S.I., direttore della Sala Stampa della Santa Sede, in un incontro svoltosi lunedì con i giornalisti ha constatato che Abdallah II bin al-Hussein, monarca del Regno Hashemita, ha deciso di eludere il protocollo per esprimere la sua vicinanza al Papa durante la visita nel Paese.
Il re, che accompagnato dalla regina Rania ha partecipato ai funerali di Giovanni Paolo II, non solo ha previsto di accogliere il Papa nella cerimonia di benvenuto, che avrà luogo all’aeroporto internazionale Queen Alia di Amman alle 14.30 dell’8 maggio, ma, con un gesto del tutto inusuale, si recherà con la regina a congedarsi dal Pontefice l’11 maggio.
Padre Lombardi ricorda che il re sta dando un forte impulso al dialogo tra i credenti con iniziative come il Messaggio di Amman (“Amman Message”), rivolto al mondo musulmano per trovare un consenso che ponga al margine l’estremismo violento, e il Messaggio Interreligioso di Amman (“Amman Interfaith Message”), diretto in particolare al cristianesimo e all’ebraismo, per promuovere la pace e i valori condivisi all’interno dell’islam e condivisibili con le altre religioni.
Il portavoce vaticano ha ricordato che tra i consiglieri del re in questo campo spicca il principe Ghazi bin Muhammad, coordinatore dell’iniziativa internazionale “A Common Word”, il manifesto di 138 leader e saggi islamici (oggi i firmatari sono molti di più) scritto dopo gli attacchi contro Benedetto XVI per il discorso di Ratisbona (12 settembre 2006), che nel novembre scorso ha contribuito a creare il Forum Cattolico-Musulmano a Roma.
Nel suo sforzo per promuovere le buone relazioni con i fedeli musulmani, il 9 maggio il Papa visiterà la moschea Al-Hussein Bin Talal di Amman, inaugurata dallo stesso re Abdallah II nel 2006 e dichiarata quella “ufficiale” del Paese (è anche la più grande). Benedetto XVI ha visitato per la prima volta come Papa un luogo sacro per l’islam recandosi alla Moschea Blu di Istanbul il 30 novembre 2006.
In seguito, il Santo Padre incontrerà i leader religiosi musulmani della Giordania, il Corpo diplomatico e i rettori delle università del Paese nel patio esterno della moschea, il momento più solenne del viaggio nel Paese per analizzare la questione del dialogo interreligioso.
Dopo essere atterrato in Israele, il secondo giorno di visita a Gerusalemme il Papa compirà gesti inediti di rispetto per i seguaci del profeta Maometto: la mattina del 12 maggio visiterà la Cupola della Rocca (nota anche come la moschea di Omar), sulla Spianata delle Moschee, accompagnato dal Gran Muftì di Gerusalemme, Muhammad Ahmad Husayn.
Per i musulmani la “rocca”, che si trova al centro della moschea, è il luogo dal quale Maometto sarebbe salito al cielo. Anche per gli ebrei è un luogo sacro, perché era parte del Tempio di Salomone. Per i cristiani rappresenta un ricordo delle visite di Gesù al Tempio.
Il Gran Muftì Muhammad Ahmad Husayn, sunnita, è considerato la suprema autorità giuridico-religiosa a Gerusalemme e del popolo arabo-musulmano in Palestina.
Un altro importante momento per il dialogo con i musulmani avverrà in occasione della visita del Papa a Betlemme, dove riceverà il benvenuto il 13 maggio da Abu Mazen, presidente dell’Autorità Nazionale Palestinese. Dopo aver visitato il Campo di rifugiati Aida, in quella località, il Papa incontrerà il Presidente nel Palazzo presidenziale e converserà con rappresentanti palestinesi musulmani di Gaza e della West Bank, invitati dal Presidente.

© Copyright Zenit

Questo articolo è già stato letto 1576 volte!

Commenti

commenti

About mauro morandini

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi