Lago di Forte Buso: una centralina sotto la diga

Da il 28 gennaio 2009

cant%2520del%2520gal%2520%2520%2520%252025%252004%252006%2520052 Lago di Forte Buso: una centralina sotto la digaPREDAZZO – A valle della diga di Forte Buso, Primiero Energia spa potrà realizzare una centrale idroelettrica. La giunta provinciale ha espresso sul progetto una valutazione positiva, legata ad alcune prescrizioni sulla compatibilità ambientale secondo il parere del Comitato provinciale per l’ambiente. Il progetto dovrà essere riformulato, considerando per il calcolo del deflusso minimo vitale del rio Ceremana dei valori modulati nelle varie stagioni dell’anno; inoltre, il deflusso del rio Valon dovrà essere rilasciato direttamente dall’opera di presa sul rio medesimo. Gli impatti dell’opera vengono giudicati come molto contenuti, in quanto il punto di prelievo è collocato nell’edificio esistente della stazione di pompaggio al piede della diga, e la condotta di 60 metri verrà interrata. L’edificio centrale, su tre piani e quasi totalmente interrato, sarà collocato poco a monte della zona dove riaffiora l’alveo originario del torrente Travignolo, in sinistra idrografica. L’edificio emergerà solo nella parte rivolta verso il torrente e le parti a vista saranno rivestite con pietra locale. Per ridurre gli impatti, durante i lavori è previsto l’utilizzo della teleferica per il trasporto dei materiali, per salvaguardare la riserva «Palù dei Mugheri», oltre all’inerbimento della parte pianeggiante corrispondente al primo tratto della condotta forzata, una volta ultimate le opere. La realizzazione costerà alla spa circa 1 milione 600 mila euro. La piccola centrale nascerà a valle della diga di Forte Buso, che alimenta la centrale di Caoria, utilizzando il deflusso minimo vitale rilasciato nel rio Travignolo e recuperando il 10-15% dell’energia persa con il rilascio. La produzione stimata è di 3 milioni 100 kWh/anno con una potenza media prodotta di 371 kW e una installata di 600. A titolo esemplificativo, l’energia prodotta coprirebbe le esigenze continuative di circa duecento famiglie.

Questo articolo è già stato letto 2601 volte!

Commenti

commenti

About mauro morandini

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi