Orsa attacca uomo in Trentino. E’ giusto abbattere l’orsa? Sondaggio

Da il 16 agosto 2014
orsa daniza e cuccioli in trentino

Si prospetta l’abbattimento dell’orsa Daniza che ha ferito un fungaiolo nei boschi di Pinzolo mentre fotografava i suoi cuccioli.

Apriamo un sondaggio tra i nostri lettori per vedere quanti sono a favore della soppressione dell’orsa Daniza e quanti invece la vorrebbero salvare.

 

E’ già stato dimesso, Daniele Maturi. Il fungaiolo che nei pressi di Pinzolo ha avuto un incontro ravvicinato con Daniza se l’è cavata con 40 punti di sutura, e ha varcato la soglia del Pronto Soccorso di Tione con delle fasciature a braccia e gambe.
Mamma orsa ha reagito con grande senso del territorio alla presenza dell’intruso nello spazio limitrofo ai suoi tre cuccioli. Ora, va specificato un aspetto della questione: gli orsi sono animali con territori individuali di parecchi chilometri quadrati. Ed in quest’ottica i trenta metri cui si è trovato il malcapitato raccoglitore di funghi sono equivalenti a pochi centimetri per una mamma “umana”, se così vogliamo dire.
La reazione di Daniza, quindi, seppur potenzialmente letale, nella pratica è stata decisamente armonica con la propria natura a detta di molti esperti. Da questa considerazione è nata la sfuriata in salsa social dei molti trentini e turisti che hanno preso di mira i due principali responsabili, e cioé il presidente della regione Trentino Alto Adige Ugo Rossi, e l’assessore all’ambiente Michele Dallapiccola.

orsa daniza e cuccioli in trentino Orsa attacca uomo in Trentino. E giusto abbattere lorsa? Sondaggio

Quest’ultimo ieri sera ha dichiarato ai microfoni Rai di aver inserito nell’ordinanza di cattura anche l’opzione dell’abbattimento, a tutela dei propri uomini. Non l’avesse mai fatto: l’uccellino di twitter si è ben presto tramutato in una voliera di cardellini, ed una tonnellata di cinguettate l’ha investito in pieno. Nemmeno la pagina fans di Rossi ( GUARDA ) gode di miglior fortuna, invasa dalla protesta di decine di organizzazioni animaliste e di turisti inferociti pronti a boicattare la regione a statuto speciale per lidi più rispettosi dei propri valori. Non bastassero le iniziative precedenti, da facebook parte l’invito ad un mail bombing collettivo ( LEGGI )
La domanda che pare rimanere nell’aria è la seguente: perché stendere e finanziare un programma di reinserimento di orsi se poi gli stessi animali non sono liberi di esprimersi secondo il proprio istinto? Delle due l’una: o non si reinserisce, o si comprende che un animale che per 14 anni non ha mai dato segni di fastidio possa incorrere in un misunderstanding con quale bipede umano.

Mi sono difeso a calci e pugni. Queste le prime parole, uscendo dal pronto soccorso, di Daniele Maturi, il 38enne di Pinzolo aggredito da Daniza, l’orsa incontrata con i cuccioli nel bosco.

 I precedenti:

In queste ore è stata anche aperta una petizione su Avaaz per salvare l’orsa Daniza dall’abbattimento. Se vuoi puoi firmare anche tu CLICCANDO QUI

Aggiornamento musicale:

Ahi se ci Bego – L’Orsa – #iostocondaniza

Questo articolo è già stato letto 73488 volte!

Commenti

commenti

About PredazzoBlog.it

13 Commenti

  1. Massimo

    16 agosto 2014 at 18:39

    l orso avrà attaccato per difendere i suoi piccoli come fa una buona
    madre. Avranno sbagliato chi ha reintrodotto l orso ma chi adesso pensa
    di risolvere tutto uccidendo Daniza è cosciente che lascia tre orsetti “orfani “siamo noi che abbiamo invaso l habitat dell orso e di tutti gli altri animali selvatici con impianti piste ecc .
    Se vogliamo continuare cosi,catturiamo tutti gli animali e portiamoli in
    uno zoo potremo fare poi quello che vogliamo .Avremo cosi le Dolomiti
    patrimonio dell unesco belle ma vuote, solo perché il Dio soldo vuole
    cosi

  2. giancarlo

    17 agosto 2014 at 22:07

    ma che razza di domande idiote! Uno invade uno spazio di un animale notoriamente pericoloso, viene giustamente aggredito… e si lamenta pure! Ma dove vivi, Sulla luna? invece di lamentarti per due graffi, ringrazia che sei ancora vivo, stupido cialtrone! E poi “è giusto abbatterla”? provate a rispondere a queste semplici (per me) domande: se io entro in casa vostra senza permesso, voi cosa fate a me? Se voi fate lo stesso con me e io vi lascio andare senza farvi troppo male, voi cosa fate? Tornate per uccidermi?

    • Giada

      2 novembre 2015 at 15:41

      Questi sono modi di dire per dire che il bosco non è più casa vostra, ma non è così.
      Se io ti metto un lupo con i piccoli in giardino dicendo che è casa loro cosa fai? Cerchi di cacciarli via o te ne vai tu? In fondo la tua casa è stata costruita dove c’erano prima selve, animali selvatici e lupi.
      Ma si pubblicano solo i post a favore della proliferazione indiscriminata dei selvatici?

  3. carlotta

    18 agosto 2014 at 22:20

    Da abbattere sarebbe chi è andato a disturbarla, è ovvio che un orsa con i cuccioli attacca per difenderli.
    La cosa più assurda è che il protocollo dice di allontanarla e per colpa di una persona senza cervello verrà tolta dal suo habitat e messa in uno zoo. Complimenti !!!!!

    • angelo

      26 agosto 2014 at 20:40

      Concordo e aggiungo che quel personaggio pseudo fungaiolo non trova altro modo che farsi pubblicità…sei un fallito…e te lo dice un Trifulau…(tartufaio) !

    • Silvan

      2 novembre 2015 at 15:34

      Ma nello zoo ci siamo noi, grazie a questi ragionamenti, complimenti!

  4. Raffaele

    19 agosto 2014 at 23:12

    Anziché frignare per due graffi che hai rimediato ringrazia il cielo che sei ancora tutto intero! Anche mio nipote di cinque mesi sa che non bisogna mai avvicinarsi ai cuccioli di un’orsa! E adesso vorresti pure la testa di Daniza? Ma nasconditi che è meglio!

  5. anna

    21 agosto 2014 at 12:57

    Io promuoverei una petizione per allontanare dal trentino quello stupido cercatore di funghi. E poi, ammesso che non uccidano l’orsa, una volta catturata dove la vorrebbero portare????? e i cuccioli?????

  6. Paolo

    25 agosto 2014 at 10:22

    Io sono un grande appassionato di osservazioni naturaliste, escursionismo e trekking e scialpinismo. Ho un lavoro che mi consente di “lavorare a distanza” e così da una decina d’anni mi sono potuto trasferire a vivere in un paesino di montagna del parco nazionale d’Abruzzo. Passo la vita in montagna. Ho incontrato gli orsi decine di volte, anche mamme con due cuccioli, anche a pochi metri di distanza. Ho seguito sempre le regole da applicare in questi casi e non mi è mai successo niente. Ho fatto anche tante escursioni e trekking nel parco del brenta rilevando spesso tracce (orme su neve e fatte) di orsi ed è’ sempre stata una grandissima emozione. Comunque chi va in terra di orsi sa che si accolla qualche rischio, ma è come un fantastico viaggio nella nostra preistoria umana. Gli orsi sono il mistero dei boschi, sono la natura, sono la vita.

    • Giada

      2 novembre 2015 at 15:29

      Quella non è terra di orsi, è territorio nazionale di tutti e tutte le persone. Che hanno diritto naturale di passarvi, andarvi ad abitare e di difendersi. Se l’uomo doveva considerare l’ambiente naturale in cui è nato terra di belve feroci poteva anche spararsi, uccidersi, comunque.
      Invece oggi si vuole considerare così, forse perché non vive più libero nel suo vero ambiente,, ma in gabbie di pochi metri quadri con davanti solo delle immagini.

  7. tatiana

    11 settembre 2014 at 12:08

    provo solo schifo!!!! mamma orsa uccisa!!!!!!!!! trentino vergogna!!!!!!!!!!!!!!!!

    • gigliola

      16 settembre 2014 at 21:27

      Dispiace anche a me che sia stata uccisa , ma adesso basta ! Ne ho sentite di tutti i colori ! Quella specie di signora che alla televisione ha detto cne non bisogna più venire in Trentino e non si devono più portare i soldi in questa regione , dico che conti fino a 10 prima di dire cavolate per non dire una parola peggio! Ma non ha altro da fare nella vita ?

  8. Francesco Errante

    11 settembre 2014 at 13:21

    meglio abbattere il fungaiolo… potrebbe provarci nuovamente.

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi