Paolo Brosio: la svolta della mia vita è iniziata davanti al Cristo Pensante delle Dolomiti

Da il 7 settembre 2010

paolo brosio e pino dellasega 300x225 Paolo Brosio: la svolta della mia vita è iniziata davanti al Cristo Pensante delle DolomitiCAVALESE. Dalla cocaina alla fede, dalle tangenti di Milano ai santuari dedicati alla Madonna: ecco la vita di Paolo Brosio che venerdì sera in un Palacongressi pieno zeppo (pubblico anche in piedi) ha incantato, commosso e divertito cinquecento spettatori. Con una confessione: «Cari fiemmesi, la mia svolta religiosa è cominciata qui da voi».  Piazza di Predazzo, 25 luglio del 2008: c’era da benedire il Cristo Pensante che doveva ancora essere trasportato sul Castellazzo in elicottero. Paolo Brosio – all’epoca famoso giornalista di Linea Verde – era in zona e i vertici dell’Apt gli chiesero se voleva intervenire per dire due parole al pubblico: «Parlai – dice Paolo Brosio – e forse proprio quel giorno, con quel discorso, cominciò la svolta della mia vita».  Una svolta che Brosio ha raccontato nel libro “A un passo dal baratro”, presentato venerdì sera assieme al libro di Pino Dellasega che al Cristo Pensante e al suo trekking ha dedicato un’opera edita da Valentina Trentini.  Cristo Pensante a parte, la serata di Brosio ha seguito un copione che i fan sempre più numerosi del giornalista-presentatore ormai conoscono a menadito: un racconto coinvolgente su come si passa da cocaina, donne, sesso e soldi a una vita diversa orientata alla fede e ai viaggi (che Brosio organizza) a Medjugorie. Una montatura? Un modo di catturare l’attenzione? Sospetti che anche i più critici nei confronti del giornalista-convertito alla religione ormai hanno abbandonato. sala del lettore palacongressi cavalese 300x225 Paolo Brosio: la svolta della mia vita è iniziata davanti al Cristo Pensante delle Dolomiti E’ finita con la coda dei fiemmesi a farsi firmare il libro dall’autore, dopo un’ora e mezza di monologo (con intermezzi in lacrime) e un’altra ora dedicata al dibattito concentrato per lo più sulla Madonna bosniaca: è lì – giura Brosio – che si concentra ai giorni nostri il miracolo di Maria.  Per Piero Degodenz, presente in sala come padrone di casa in quanto presidente dell’Apt assieme al direttore Bruno Felicetti, un grande successo: per Brosio ecco un omaggio d’artigianato tipico, in segno d’amicizia, come per renderlo cittadino onorario della valle.  Una grande pubblicità anche per quel Cristo in cima al Castellazzo a cui anche Famiglia Cristiana ha dedicato nelle settimane scorse un ampio servizio e che è diventato meta di pellegrini sempre più numerosi. Per chi volesse saperne di più: www.trekkingdelcristopensante.it.

Il Trentino — 05 settembre 2010

Questo articolo è già stato letto 2936 volte!

Commenti

commenti

About PredazzoBlog.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi