Papa Benedetto 16° in partenza per L’Africa

Da il 16 marzo 2009

elenco 22020 Papa Benedetto 16° in partenza per L’AfricaDal 17 al 23 marzo il Santo Padre sarà in visita in Camerun e Angola, per il primo Viaggio Apostolico in terra africana da quando è stato eletto alla carica pontificia. Benedetto XVI verrà accolto dai fedeli e dai rappresentanti delle comunità cristiane a Yaoundè e a Luanda.

Quasi un miliardo di persone, 1800 lingue ed etnie, un’aspettativa di vita di 46 anni contro i 79 dei Paesi ricchi occidentali, oltre 400 milioni di persone che vivono sotto la soglia della povertà. Primati di guerre, malattie, corruzione. Ma anche di futuro: più della metà della popolazione è composta da bambini che non hanno ancora compiuto 17 anni. Sono le cifre dell’Africa, dove il Papa si recherà, per la prima volta nel suo pontificato, dal 17 al 23 marzo.

Benedetto XVI è reduce da settimane intense: prima le polemiche dopo la sua revoca della scomunica ai lefebvriani, poi la lettera inviata a tutti i vescovi e seguita da un’attestazione di stiam da parte della Chiesa, che gli si è stretta attorno. Tutto ciò, per ora, sarà lasciato a Roma, per un viaggio che porterà Benedetto XVI nel cuore di un continente attraversato da guerre, epidemie, miserie, e tuttavia desideroso di riscatto e di un avvenire diverso.

Porterò in Africa la verità di Cristo. Il Papa farà tappa in Camerun e Angola. “Con questa visita – ha però affermato ieri il pontefice durante l’Angelus in piazza San Pietro – intendo idealmente abbracciare l’intero continente africano: le sue mille differenze e la sua profonda anima religiosa; le sue antiche culture e il suo  faticoso cammino di sviluppo e riconciliazione; i suoi gravi problemi, le sue dolorose ferite e le sue potenziali speranze”. Benedetto XVI ha aggiunto che non ha altro da offrire all’Africa se non la verità di Cristo, capace però di rinnovare il continente, “perché genera una irresistibile forza di pace  e di riconciliazione profonda e radicale”.

“La Chiesa – ha ricordato – non persegue obiettivi economici, sociali e politici”. “Giustizia, riconciliazione e pace”, saranno le sue tre parole d’ordine. Le stesse degli episcopati cattolici africani impegnati a ricostruire le loro società dai saccheggi coloniali, da classi politiche locali corrotte e inadeguate, da epidemie che hanno mietuto milioni di vittime (solo per l’Aids sono 17 milioni i morti africani) e da guerre sanguinarie senza scopo e senza fine. Solo nel recente conflitto nella Repubblica democratica del Congo hanno perso la vita più persone che durante la Seconda Guerra Mondiale, anche se in pochi nel mondo occidentale se ne sono accorti.

L’Africa che attende il Papa. In Angola, dove il Papa farà tappa,  la guerra civile, durata 27 anni, si è conclusa solo nel 2002 ed ha lasciato dietro di sè macerie, milioni di morti e orfani. Mentre Benedetto XVI  sbarca in Africa, decine di conflitti sono tuttora in corso, a partire dal Darfur. Ieri, alla vigilia della partenza, Benedetto XVI ha detto di pensare soprattutto “alle vittime della fame, delle malattie, dei conflitti fratricidi  e di ogni forma di violenza che purtroppo continua a colpire adulti e bambini, senza risparmiare missionari, sacerdoti, religiosi, religiose e volontari”.

Camerun  e Angola, i due paesi scelti dal Papa, rispecchiano nel bene e nel male il Continente. Il Camerun con le sue 250 etnie, le sue divisioni linguistiche e la sua pluralità religiosa. L’Angola con le sue incredibili ricchezze naturali, (su cui hanno già messo le mani  Stati Uniti e Cina) le sue povertà estreme, la voglia di ricostruire. Molti saranno i momenti simbolici del viaggio pontificio: dall’incontro con il mondo dei malati al rito solenne per consegnare le linee guida del prossimo Sinodo africano (a Yaoundè-Camerun); dall’udienza alle “mamas”, le donne africane, fino alla messa con i giovani nello stadio, a Luanda, Angola. Alle nuove generazioni africane, il Papa dovrà saper parlare in modo particolarmente convincente. In loro è il domani dell’Africa ed anche della Chiesa cattolica, cresciuta -
nei decenni post-conciliari – a ritmi impensabili altrove e che può contare oggi sul 17% dell’intera popolazione continentale.

 —————————————–

Mercoledì 18 Marzo 2009

No alla imposizione di modelli culturali che ignorano il diritto alla vita. Cure gratis per i malati di aids     
Il Papa Benedetto XVI ha dato inizio al suo undicesimo viaggio Apostolico. Atterrato  all’aeroporto di Yaoondè in Camerun, il Pontefice è stato accolto dal Presidente della repubblica di quel Paese, Paul Biya. Nel suo discorso di saluto, dopo aver benedetto l’Africa e il Camerun, Papa Benedetto XVI ha detto che la Chiesa in Africa “ non propone nuove forme di oppressione,ma la libertà orgogliosa dei figli di Dio. No alla imposizione di modelli culturali che ignorano il diritto alla vita, dice no alle amare rivalità interculturali o interreligiose, ma raccomanda la rettitudine ,la pace e la gioia del regno di Dio, la civiltà dell’amore”. Riferendosi ai tanti malati di Aids ha proposto che “ le cure per i malati di Aids siano gratis”. Nel volo che lo trasportava in Africa il Papa aveva detto di no alla diffusione dei preservativi e che non si sente affatto solo, in riferimento alle ultime polemiche sulla revoca della scomunica ai …

… quattro Vescovi tradizionalisti. In quanto alla prossima Enciclica sociale si è appreso che la stessa era già pronta, ma ne è stata rinviata la pubblicazione a seguito della crisi economica. Il Papa mostrerà ai vescovi africani l’Instrumentum Laboris relativo al prossimo Sinodo per l’Africa che si terrà in Vaticano.

Bruno Volpe

Questo articolo è già stato letto 2898 volte!

Commenti

commenti

About mauro morandini

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi