Predazzo, arriva il Giro d’Italia 2009: 5^ tappa – San Martino di Castrozza – Alpe di Siusi, passando per la Valle di Fiemme.

Da il 12 maggio 2009

simoni21.thumbnail Predazzo, arriva il Giro d’Italia 2009: 5^ tappa   San Martino di Castrozza   Alpe di Siusi, passando per la Valle di Fiemme.La quinta tappa del Giro d’Italia, partenza da San Martino di Castrozza e arrivo sui 1844 metri dell’Alpe di Siusi dopo 125 km, è la prima con arrivo in salita e chiude il tradizionale appuntamento – anticipato già all’inizio quest’anno – con le Dolomiti, le montagne rosa.   DIRETTA TV RAI SPORT

5a alpe siusi 13 maggio.thumbnail Predazzo, arriva il Giro d’Italia 2009: 5^ tappa   San Martino di Castrozza   Alpe di Siusi, passando per la Valle di Fiemme.IL PERCORSO – Subito dopo il via da San Martino di Castrozza si deve completare la salita verso il passo Rolle, circa otto chilometri con strada all’insù prima d’affrontare un lungo tratto di discesa.  Si penetra nel cuore del parco naturale di Paneveggio con la più estesa foresta dell’intera catena delle Alpi, quindi Bellamonte e Predazzo. Tesero e Cavalese sono le località attraversate prima del passaggio nella provincia di Bolzano per San Lugano e la lunga discesa in Val d’Adige, su Ora. Un tracciato solitamente percorso dal Giro in senso opposto. Dopo Ora si percorre la Strada del Vino per Caldaro, prima di giungere a Bolzano. Da Prato all’Isarco la strada comincia a salire con costanza, con pendenze variabili passando per Fié allo Sciliar, Siusi e quindi iniziare il tratto terminale della salita verso l’Alpe di Siusi, nel comune di Castelrotto.

Da Prato (Blumau), mancheranno “solo” 24 km, capaci però di scavare distacchi pesanti per via delle percentuali (11% il picco, 6,11% la media) e del dislivello, ben 1513 metri.

Pur essendo un po’ in anticipo per influire sulla vittoria finale, la tappa odierna potrebbe “tagliare” qualche pretendente, magari non ancora al top della condizione. Occhio quindi a chi aspetta la terza settimana, potrebbe scottarsi.

La quinta tappa, breve ma difficile, si concluderà sull’Alpe di Siusi. 25 chilometri di sofferenza, dove i big onoreranno il Centenario della nascita della Corsa Rosa, che cade proprio domani

media sh5v1fz8 Predazzo, arriva il Giro d’Italia 2009: 5^ tappa   San Martino di Castrozza   Alpe di Siusi, passando per la Valle di Fiemme.

La San Martino di Castrozza-Alpe di Siusi, una delle più brevi frazioni in linea del 92° Giro d’Italia, sarà la tappa della verità. Una tappa corta, niente a che vedere con i classici “tapponi” di quasi 250 Km con 5-6 colli da superare strada facendo. Ma sono proprio le tappe montane in formato “small” come questa a fare più male del previsto poiché, proprio col miraggio del basso chilometraggio, si tende a lasciare la località di partenza con medie già elevate, arrivando ai piedi dell’ascesa finale con molti corridori già parecchio provati. 

Riguardo a questo, ecco due esempi: Nel 1996 il russo Tonkov balzò in testa alla classifica (e ci rimase fino alla fine, a parte la breve parentesi di Olano dopo la tappa del Pordoi), al termine di una frazione di 115 Km che proponeva le ascese ai colli di San Bernardo e Casotto prima dell’arrivo in salita a Pratonevoso. Ancor più corta, appena 85 Km, fu la Piamborno-Montecampione (arrivo ad Alpiaz), la “minitappa” che permise al francese Hinault di conquistare il suo secondo Giro d’Italia.

Nel caso della quinta frazione del Giro del Centenario, però, difficilmente la partenza sarà a razzo, poiché nei primi 8 Km si pedalerà verso i quasi 2000 metri del Passo Rolle.

Scavalcato il Rolle si effettuerà una lunga discesa verso la foresta di Paneveggio, che condurrà il gruppo nella Val di Fiemme, che sarà raggiunta in quel di Predazzo. Tratto pianeggiante in cui si incontreranno Tesero e Cavalese poi, dopo 21km, altra discesa che termina ad Ora, centro industriale situato 20 Km a sud del capoluogo provinciale Bolzano. Il gruppo poi transiterà per il capoluogo, effettuando un ampio giro ad arco che costeggia il Lago di Caldaro e poi, in vetta ad una breve e pedalabile ascesa, la celebre “Strada del Vino”, che corre parallela al tracciato dell’Adige e che attraversa le terre di produzione del Gewürztraminer. Superata Bolzano, ecco cominciare la salita che Ottone Brentari definì “L’Alpe più bella e vasta di tutte quelle del Tirolo”: l’Alpe di Siusi. Lunga circa 25 chilometri, è ripartita in tre tronconi: il primo ha una pendenza media del 7,2% (7,4 km di lunghezza), il secondo è un falsopiano che dura fino a Siusi, il terzo ha una pendenza che arriva all’11% (10 km). Quanto basta per capire che per coloro che ambiscono alla classifica generale non sarà possibile nascondersi.

Di certo non vorrà farlo Gilberto Simoni, che è solito allenarsi su queste montagne, ma non sarà il solo. Usciranno allo scoperto Basso, Leipheimer, Menchov, Sastre e Cunego, oltre a Di Luca. Insomma tutti i big usciranno allo scoperto nella frazione che è di fatto il vero Centenario della Corsa Rosa: il 13 Maggio 1909 infatti si tenne la partenza del Primo Giro d’Italia.

Le prime 10 posizioni al termine della quarta tappa:
1  DI LUCA Danilo          ITA     LPR      4:15:04         
2  GARZELLI Stefano        ITA     ASA       
3  PELLIZOTTI Franco       ITA     LIQ         
4  SOLER Juan M.           COL     BAR   
5  SIMONI Gilberto         ITA     SDA   
6  LEIPHEIMER Levi         USA     AST   
7  LOVKVIST Thomas         SWE     THR       
8  BASSO Ivan              ITA     LIQ   
9  MENCHOV Denis           RUS     RAB       
10 ARROYO DURAN David      ESP     GCE   

Maglia rosa:
Thomas LOVKVIST

Maglia ciclamino
Alessandro PETACCHI

Maglia verde
Danilo DI LUCA

Maglia bianca
Thomas LOVKVIST

Itmsport

Questo articolo è già stato letto 4723 volte!

Commenti

commenti

About mauro morandini

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi