Predazzo, avvisi della Parrocchia 1 – 8 settembre

Da il 2 settembre 2013
predazzo digiuno per la pace con papa francesco

Sabato 7 settembre, giornata di digiuno e di preghiera per la pace – vedi locandina

Con lunedì riprende l’orario normale delle SS. Messe feriali e precisamente lunedì, martedì e mercoledì ad ore 18.00, giovedì e venerdì ad ore 8.15

In preparazione al primo venerdì del mese, giovedì dalle ore 22.00 alle ore 23.00 ci sarà la celebrazione dell’ora del Getsemani con la S. Messa e l’Adorazione silenziosa

Domenica prossima ad ore 15.00 celebrazione comunitaria del battesimo.

predazzo digiuno per la pace con papa francesco Predazzo, avvisi della Parrocchia 1   8 settembre

 L’invito del Papa a osservare, il 7 settembre, una giornata di digiuno e di preghiera per la pace in Siria, lanciato domenica all’Angelus in piazza San Pietro, è stato accolto con grande rispetto ed attenzione nel mondo, e non solo tra i cristiani. Il Papa all’Angelus si era detto “profondamente ferito” per quanto sta accadendo in quel “martoriato Paese” e in altri luoghi di conflitto. Per questo ha dato appuntamento in piazza San Pietro dalle 19 alle 24 per la preghiera, estendendo l’invito a tutti i cristiani, ai fedeli di altre religioni e ai non credenti.

“Mai più la guerra! Mai più la guerra! La pace è un dono troppo prezioso, che deve essere promosso e tutelato”, ha scandito il Papa, con toni inusualmente gravi e solenni. “Quanta devastazione, quanto dolore – ha sottolineato – ha portato e porta l’uso delle armi in quel martoriato Paese. Con particolare fermezza condanno l’uso delle armi chimiche. Pensiamo quanti bambini – ha esclamato – non potranno vedere la luce. C’è un giudizio di Dio e anche un giudizio della Storia sulle nostre azioni a cui non si può sfuggire!. Guerra chiama guerra, violenza chiama violenza! Con tutta la mia forza chiedo alle parti in conflitto di ascoltare la voce della propria coscienza, di non chiudersi nei propri interessi ma di guardare all’altro come ad un fratello e di intraprendere con coraggio e decisione la via dell’incontro e del negoziato, superando la cieca contrapposizione”.

Quindi il richiamo alla comunità internazionale perché compia ogni sforzo, promuova senza indugio iniziative chiare per la pace, basate sul dialogo e sul negoziato per il bene dell’intera popolazione siriana.
All’invocazione del Papa si è aggiunta la voce del segretario del Pontificio Consiglio Giustizia e Pace, monsignor Mario Toso, ai microfoni della Radio Vaticana: “La via di soluzione dei problemi della Siria non può essere quella dell’intervento armato. La situazione di violenza non ne verrebbe diminuita. C’è, anzi, il rischio che deflagri e si estenda ad altri Paesi”. Il drammatico appello lanciato ieri da Papa Francesco, per monsignor Toso ricorda anche lo “spirito d’Assisi” che “si è sperimentato – e continua a propagarsi – nel mese dell’ottobre 2011, attorno a Papa Benedetto XVI, continuando le giornate promosse da Giovanni Paolo II”. C’è bisogno di “segni di pace”, che, dice il vescovo, “muovono le persone più dei bei discorsi. C’è bisogno di essere pellegrini della verità, pellegrini della pace. La costruzione della pace dipende dalla ricerca appassionata della verità sull’uomo, sul mondo e su Dio. Dipende, in particolare, dalla comunione con Lui, dalla preghiera che si traduce in atti di giustizia”.

In molti hanno già accolto l’invito del Papa a una giornata di impegno per la pace. E non solo cattolici.
Il Gran mufti di Siria, Ahmad Badreddin Hassou, leader spirituale dell’islam sunnita in Siria, “è profondamente colpito dall’appello del Papa per la pace in Siria, e ha espresso il desiderio di essere presente in San Pietro per la veglia di preghiera per la pace in Siria”. Lo ha sottolineato l’agenzia Fides, precisando che “una richiesta esplorativa in tal senso è stata inviata dal leader islamico al Nunzio Apostolico a Damasco”, mons. Mario Zenari, e nei prossimi giorni “si valuterà, da ambo le parti, la fattibilità di questo desiderio. Anche se, per ragioni logistiche o di altro genere, questa eventualità non si verificherà, il mufti ha detto alla sua comunità a Damasco di “accogliere l’appello, esteso da Papa a tutte le religioni, a pregare per la pace in Sirià”. I musulmani siriani saranno invitati a pregare per la pace il 7 settembre, “in comunione e simultaneamente al Papa, nelle moschee a Damasco e in tutto il territorio nazionale. Secondo il mufti, ‘tutti avvertono che il Papa è un padre, che ha a cuore il futuro del popolo siriano tutto e che vuole proteggere tutta la società siriana, nelle sue diverse componenti, perchè non sia distrutta da divisioni religiose e dal radicalismò. I musulmani siriani – continua Fides – vedono il Papa come ‘vero leader spirituale, libero da interessi politici, individuali o collettivi, come leader che parla per il vero bene del popolo siriano”.

La Giornata di preghiera annunciata dal Papa è un gesto straordinario di pace, che conferma il grande amore di Francesco per questa terra martoriata. Invitiamo tutti, cattolici, ortodossi, musulmani e non credenti a pregare con noi per la pace in Siria e Medio Oriente”. È quanto afferma all’agenzia missionaria AsiaNews
Gregorio III Laham, patriarca greco-cattolico di Antiochia, di tutto l’Oriente, di Alessandria e di Gerusalemme dei Melchiti in merito alla Giornata di preghiera per la Siria guidata dal Papa che si terrà in tutto il mondo il 7 settembre. Il prelato, citato anche dalla Radio Vaticana, sottolinea che tutte le parrocchie della Chiesa greco melchita in Medio Oriente e nel mondo hanno già iniziato i preparativi per rispondere all’iniziativa: “In Siria – continua Gregorio III – terremo aperte le nostre chiese fino a mezzanotte, per permettere a tutti (cattolici, ortodossi e musulmani) di pregare. Le veglie si terranno ovunque sia possibile, anche se vi fossero meno 10 persone a parteciparvi”. Per Gregorio III, la vicinanza di Francesco e della Chiesa è fondamentale per tutta la popolazione siriana – cristiana e musulmana – che senza un sostegno rischia di perdere la speranza. Il patriarca spiega che l’8 settembre ricorre la festa della Natività di Maria, molto sentita in Medio Oriente, soprattutto in Siria e Libano. “Noi ci affidiamo alla Madonna – conclude – al digiuno e alle veglie di preghiera vi saranno celebrazioni speciali nel santuario di Saidnaya (Damasco) e nei vari luoghi di culto mariani sparsi per il Libano”.

Alcune diocesi hanno iniziato a rilanciare l’invito del Papa. Tra le prime, quella di Monreale, con l’arcivescovo Antonino Dolce che ha invitato la Comunità diocesana ad aderire alla giornata di digiuno e preghiera “per impetrare dal Signore il dono della pace, in particolare per il popolo siriano. Pertanto, è opportuno che nel pomeriggio di sabato in ogni singola chiesa sia fatta un’ora di adorazione dinanzi al SS. Sacramento solennemente esposto. Il Vescovo presiederà il momento di preghiera che sarà concluso con la celebrazione dei vespri, alle ore 17, nella Basilica Cattedrale”. Anche Bergamo parteciperà alla giornata di digiuno e preghiera. Il vescovo Francesco Beschi ha invitato la cittadinanza a riunirsi dalle 18 alle 24 nella centrale chiesa delle Grazie.

Il segretario generale della Cei Mariano Crociata ha inviato a tutte le Diocesi alcuni suggerimenti per l’organizzazione della giornata.

Accogliendo il drammatico appello di Papa Francesco per la pace in Siria, don Julián Carrón, presidente della Fraternità di Cl, ha dichiarato: «Il Papa si appella all’esigenza di pace che si annida nel cuore di ogni uomo per rivolgere un drammatico richiamo alla pace in Siria, e al tempo stesso offre un criterio per affrontare il conflitto: non è mai l’uso della violenza che porta alla pace, ma l’incontro e il negoziato. Si potrà raggiungere una soluzione pacifica solo se tutti guardiamo l’altro non come un nemico da eliminare, ma come un fratello: “Non è la cultura dello scontro, la cultura del conflitto quella che costruisce la convivenza nei popoli e tra i popoli, ma questa: la cultura dell’incontro, la cultura del dialogo; questa è l’unica strada per la pace”. Accogliamo questo pressante invito del Papa e sosteniamo il suo grido − “Mai più la guerra! Un Appello che nasce dall’intimo di me stesso!” −, unendoci alla sua preghiera con l’offerta delle nostre giornate, mentre aspettiamo di partecipare con tutti i fratelli e gli uomini di buona volontà alla grande giornata di digiuno e di preghiera convocata per sabato 7 settembre a Roma, aderendo alle iniziative delle diocesi nel mondo».
“L’uso delle armi ce lo insegna la storia, non solo non risolve il male ma lo aggrava”.

Don Luigi Ciotti, fondatore del Gruppo Abele, commenta così l’appello di Papa Francesco contro la guerra in Siria. E, in una nota, chiede un’adesione profonda la Sua proposta di digiunare – e pregare – il 7 settembre per scongiurare l’ipotesi di un intervento armato. “La situazione di quel Paese – osserva don Ciotti – è drammatica, e l’inerzia sarebbe segno di viltà e indifferenza. Ma l’uso delle armi, ce lo insegnano le tragedie recenti dell’Afghanistan, dell’Iraq, della Libia, non solo non risolve il male ma lo aggrava”.

Le Suore Carmelitane scalze in Terrasanta, religiose di clausura, accolgono “con intensa partecipazione” l’appello di Papa Francesco a una speciale preghiera per la pace in Siria. Contattata dall’Agenzia Fides, suor Angela, superiora del Convento delle Carmelitane scalze di Haifa, spiega: “Abbiamo ascoltato l’appello del Papa, che ci ha colpito e profondamente commosso, soprattutto quando dice ‘dal fondo del mio essere’. Accogliamo con attenzione e viva partecipazione le forti parole di Papa Francesco. a Siria è nel nostro cuore e continueremo a pregare in modo incessante per la pace. Saremo pienamente unite al Papa. Pregheremo, secondo le indicazioni dei nostri Vescovi di Terrasanta, simultaneamente con la veglia di preghiera sabato 7 settembre in pizza san Pietro. Preghiamo e speriamo che il Signore illumini le menti dei decisori, di quanti hanno nelle loro mani le sorti dei popoli. E’ ancora possibile fermare la guerra e costruire la pace in Siria”.

“Quella del 7 settembre sarà una giornata importante. E spero che ci saremo tutti. Ciascuno a suo modo, con il suo credo e le sue convinzioni”: è l’invito di Flavio Lotti, coordinatore della Tavola della pace alla quale aderiscono le principali associazioni pacifiste. Lotti sottolinea che sarà la prima grande manifestazione di pace contro la guerra in Siria e che “l’ha indetta ieri con grande forza e coraggio Papa Francesco, rompendo il silenzio e l’inazione generale che da lungo tempo circonda questa tragedia”. Dunque, “non c’è spazio per nessun distinguo, chi vuole sinceramente la pace non può che partecipare”. “Papa Francesco invita tutti a una giornata di preghiera e di digiuno. Il digiuno – spiega Lotti – è, prima ancora che un atto di rinuncia materiale al cibo, un gesto di vicinanza a tutti quei bambini, quelle donne e quegli uomini che sono precipitati nell’inferno della guerra in Siria, in Medio Oriente, e nel mondo intero”. Ma il digiuno, sottolinea, è “anche un atto politico contro una politica che minaccia di trascinarci in un nuovo conflitto mondiale”, è “un gesto di protesta contro l’ingiustizia dilagante e contro l’ipocrisia che l’accompagna e cerca di coprirne i responsabili” nonchè “un atto di penitenza, di autocritica, di riconoscimento delle proprie responsabilità. Chi digiuna riconosce di non aver fatto abbastanza, di essere in qualche misura “corresponsabile”. Forse non potevamo fare altro ma, di fronte a tragedie così grandi, non ci possiamo autoassolvere”.

L’Azione Cattolica Italiana, come tutte le Ac del mondo riunite nel Forum Internazionale di Azione Cattolica, condivide il grido della pace di cui Papa Francesco si è fatto interprete. “Aderendo alla proposta e all’intenzione di Papa Francesco – si legge in una nota -, i ragazzi, i giovani e gli adulti di Azione Cattolica di tutta Italia, condividendo la troppo lunga sofferenza di tutta la popolazione siriana, in particolare di tanti bambini, parteciperanno alla giornata di digiuno e di preghiera per la pace in Siria, nel Medio Oriente e nel mondo. Offriamo la nostra concreta disponibilità a contribuire all’organizzazione in tutte le parrocchie e le diocesi del Paese di questo momento di preghiera e di incontro, alla vigilia della ricorrenza della Natività di Maria, Regina della Pace.

“La comunità francescana del Sacro Convento ha accolto l’invito del Papa, consapevole che le armi della
preghiera e del digiuno sono la strada che permettono di sminare il cuore dell’uomo”. Lo riferisce padre Enzo Fortunato, direttore della sala stampa del convento di Assisi. Il digiuno è un piccolo gesto, molto semplice ma allo stesso tempo con un significato molto profondo – riferisce padre Fortunato – il digiuno aiuta a dominare gli egoismi dell’uomo. Rinunciando a qualcosa aiutiamo a far uscire il male dalla nostra vita”. “In questi giorni, oltre al digiuno – spiega – in comunione con la diocesi comunicheremo anche gli atti liturgici che organizzeremo per la pace in Siria”.

“La Caritas accoglie prontamente l’invito del Papa al digiuno e alla preghiera”. Lo afferma il direttore della Caritas italiana, don Soddu. “È tornata a levarsi alta la voce di papa Francesco contro ogni forma di violenza; per questo – aggiunge – ho deciso di indire per tutta la Chiesa, il 7 settembre prossimo una giornata di digiuno e di preghiera per la pace in Siria, in Medio Oriente, e nel mondo intero, e invito ad unirsi a questa iniziativa, nel modo che riterranno più opportuno, i fratelli cristiani non cattolici, gli appartenenti alle altre Religioni e gli uomini di buona volontà”.

La Comunità di Sant’Egidio accoglie “con riconoscenza e totale sostegno” l’invito di papa Francesco. Sabato 7 settembre a Roma, in piazza San Pietro e negli oltre 70 paesi del mondo in cui è presente e opera, la Comunità – si legge in un comunicato – si riunirà per pregare e per ripetere con forza e convinzione il grido del papa: “Non è mai l’uso della violenza che porta alla pace. Guerra chiama guerra, violenza chiama violenza”. La Comunità di Sant’Egidio – ricorda il comunicato – è impegnata nella preparazione del XXVII Incontro Internazionale per la Pace, che si svolgerà a Roma dal 29 settembre al 1 ottobre sul tema “Il coraggio della speranza: religioni e culture in dialogo”. Sarà un’occasione per sottolineare ancora una volta, insieme al papa, che “non la cultura del conflitto, ma la cultura dell’incontro e del dialogo costruisce la
convivenza tra i popoli, unica strada per la pace” conclude la nota.

Papa Francesco: la maldicenza uccide

02/set/2013

Nella sua vita terrena Gesù ha affrontato le lodi ma anche la maldicenza. Un fenomeno, quest’ultimo, che riguarda tutti noi. Lo ha sottolineato papa Francesco nell’omelia della messa del mattino.

“Ma, guardate com’è cambiata la cosa: cominciarono con bellezza, con ammirazione, e finivano con un crimine: volendo uccidere Gesù. Questo per la gelosia, l’invidia, tutte queste cose … Questa non è una cosa che è successa duemila anni fa: questo succede ogni giorno nel nostro cuore, nelle nostre comunità. Quando in una comunità si dice: “Ah, che buono, questo che è venuto da noi!”. Se ne parla bene il primo giorno; il secondo, non tanto; e il terzo si incomincia a spettegolare e finiscono spellarlo ..”

 

Questo articolo è già stato letto 19712 volte!

Commenti

commenti

About PredazzoBlog.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi