Predazzo, Giunta Bosin a carte scoperte

Da il 2 febbraio 2012

giunta predazzo sindaco maria bosin lucio dellasega giuseppe facchini chiara bosin predazzoblog Predazzo, Giunta Bosin a carte scopertePREDAZZO – Sala consiliare gremita martedì sera a Predazzo per l’incontro pubblico con i cittadini promosso dal’Amministrazione comunale.

Un incontro molto positivo, come ha confermato il convinto applauso finale degli intervenuti, con un’ampia carrellata di dati, presentati dalla giunta su quanto realizzato in questo primo anno e mezzo di legislatura, e molti impegni concreti per il futuro. Ha aperto la serata il sindaco Maria Bosin,
che si è dichiarata «orgogliosa  della mia maggioranza e del lavoro di gruppo portato avanti fin qui», senza nascondere le difficoltà nelle quali si trovano un po’ tutte le amministrazioni pubbliche in questo non facile momento della nostra storia. Ha quindi anticipato alcuni dati del prossimo bilancio 2012, decurtato dalla Provincia di 170.000 euro sulle entrate correnti. Le entrate per gli investimenti sono pari complessivamente a 8.465.000 euro (3.360.000 euro dal budget provinciale, 2.360.000 sul fondo investimenti minori, 750.000 dal Bim dell’Adige e 2.000.000 derivanti da canoni aggiuntivi), mentre ammontano a 3.178.000 euro le entrate correnti, 1.200.000 dall’Ici, 1.380.000 dal fondo perequativo, 200.000 dalle centraline, 90.000 dai dividendi da partecipazioni a varie società, 100.000 dai fabbricati, 23.000 da canoni riguardanti l’occupazione di suolo pubblico. In uscita, sono previsti 2.700.000 euro di spese correnti, delle quali 2 milioni per il personale, 190.000 per la gestione calore, 120.000 per la pubblica illuminazione e 200.000 concernenti una rata di mutuo. Il sindaco ha fatto anche un accenno alla nuova Imu, che viene a sostituire l’Ici e che, ha sottolineato, «toccherà pesantemente tutti, senza che al Comune arrivi praticamente
nulla». Maria Bosin ha anche richiamato la recente proposta di un nuovo parcheggio sotterraneo, vicino alla vecchia stazione, presentata alla Provincia (si attende una risposta in tempi brevi), preferibile ai due parcheggi di testata previsti dal piano stralcio, lontani dal centro abitato, e
la scelta recente  di impedire sale giochi a meno di 300 metri dai luoghi sensibili. Decisione nettamente condivisa da gran parte dei censiti.
Poi il via alle relazioni dei singoli assessori. Il vicesindaco ed assessore ai lavori pubblici Renato Tonet ha illustrato i nuovi interventi del 2012, in diverse zone del paese, per acquedotti, fognature, illuminazione pubblica, marciapiedi ed arredo urbano. Giuseppe Facchini ha analizzato le iniziative concretizzate nel comparto turistico, sottolineando la fruttuosa collaborazione con il vicino Comune di Ziano ed il grosso impegno di molti volontari. Lucio Dellasega, assessore alla cultura, ha richiamato i risultati già conseguiti (la recente convenzione per il Museo, il finanziamento per completare l’esposizione museale nell’interrato, il recupero della stazione del vecchio trenino di Fiemme, il progetto della biblioteca, gli interventi sulle scuole) e gli impegni per il recupero del patrimonio artistico, ricordando l’utilizzo della Sala Rosa per 173 giorni e dell’aula magna per 37 serate. Chiara Bosin, assessore all’ambiente, ha sottolineato gli interventi di riqualificazione ambientale, realizzati ed in progetto, l’approvazione del Pric (Piano destinato ad un capillare controllo  della pubblica illuminazione), il Piano di efficienza energetica già finanziato per tutti gli edifici pubblici e l’attenzione del Comune per la prima casa. Giovanni Maffei si è soffermato sulle politiche sociali e della sanità (ospedale e casa della salute) e sui problemi del cimitero, oggetto recente di una delibera consigliare di approvazione del progetto di riordino       e (se sarà necessario) di eventuale ampliamento. Roberto Dezulian ha parlato di sport (con particolare riferimento ai lavori presso il centro del salto, in vista dei Mondiali del 2013) e di foreste. Infine il consigliere Luciano Florio ha confermato i lavori in corso per la sistemazione della ex stazione ferroviaria  (la spesa è di 322.000 euro) ed il consigliere delegato alle politiche giovanili Giovanni Aderenti ha chiarito le quattro linee guida che hanno ispirato la sua attività con i giovani: educazione ambientale, educazione civica e sensibilizzazione sui temi della vita sociale, servizi (con il nuovo Centro giovani inaugurato l’anno scorso) e cittadinanza attiva. Poi gli interventi del pubblico su diversi temi. A tutti hanno dato esaurienti risposte il sindaco e la giunta.

Mario Felicetti

Questo articolo è già stato letto 2546 volte!

Commenti

commenti

About Mario Felicetti

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi