Predazzo, I «catanaòc» hanno portato il divertimento

Da il 23 agosto 2009

catanaoc Predazzo, I «catanaòc» hanno portato il divertimentoPREDAZZO – Serata spettacolare venerdì a Predazzo, in occasione della prima edizione di «Catanàoc in festa», che quest’anno è venuta a sostituire il giro dei «Dodes Masi», per l’organizzazione del nuovo comitato manifestazioni locali. Un intero rione coinvolto, quello di «Piè di Predazzo», in tutti i suoi angoli più tradizionali, nei vicoli (appunto i «catanàoc»), negli avvolti, tra i suoi rustici e le abitazioni del passato, per vivere insieme, residenti e ospiti, l’atmosfera tipica dei tempi andati, con ben trentuno postazioni di antichi mestieri (malghèri, lavandaie, boscaioli, spaccalegna, freladòri, vale a dire i lavoratori del fieno, tisleri, che significa falegnami, addetti alla battitura della falce tradizionale, oggi sempre più in disuso, e filatori della lana) che si sono accompagnati a tanti stand gastronomici, dove numerose associazioni del paese hanno distribuito i più diversi piatti della tradizione locale.

 E ancora il mercatino degli anziani della Casa di riposo, gli apicoltori, i pescatori, il gioco della morra, numerosi gruppi musicali, «Eros e Oscar» (bellunesi affezionati da anni del paese), i travolgenti «Pazedins» di Canazei, il «Quartetto Malgola», il terzetto Morandini-Dellagiacoma-Longo, il coro Negritella, il coro «Edelweiss» e le voci bianche di «Magico Incanto». Una serata che non ha consentito ad alcuno di annoiarsi, preparata con cura e conclusa alla grande, per la unanime soddisfazione di centinaia di persone che hanno affollato il rione. Anche il tempo è stato clemente, limitandosi ad un cielo imbronciato. Particolarmente soddisfatta l’assessore al turismo Manuela Felicetti , che ha corso per tutta la sera da una postazione all’altra, ben assistita dei suoi collaboratori più stretti Cristian Guadagnini, Davide Stoffie e Stefania Rea . «Ringrazio tutti coloro che hanno reso possibile questa manifestazione – ha detto alla fine, – il Comune di Predazzo, l’assessorato provinciale, la Cassa Rurale di Fiemme, l’Apt, il Bim Adige, i figuranti dei mestieri di una volta, le orchestrine e, in particolare, tutti i residenti di Piè di Predazzo, per la loro disponibilità e anche per la loro pazienza». L’anno prossimo toccherà al rione di «Ischia».

 Mario Felicetti l’Adige

Questo articolo è già stato letto 2871 volte!

Commenti

commenti

About mauro morandini

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi