Predazzo, Vertikal Kilometer del Latemar 2011 La cronaca, le foto, le classifiche e le interviste

Da il 28 agosto 2011
vertical km partenza mass start predazzo blog

Questo articolo è già stato letto 2384 volte!

URBAN ZEMMER E ERIKA FORNI VINCONO IL VERTICAL KILOMETER DEL LATEMAR E CONQUISTANO IL TRICOLORE ZEMMER FA IL NUOVO RECORD

Urban Zemmer, come da pronostico ha vinto oggi, facendo il poker e stabilendo il nuovo record della gara, il Vertical Kilometer del Latemar, alla sua quattordicesima edizione. Con questa vittoria l’alto atesino di Castelrotto si è laureato campione italiano di Vertical Kilometer. Tra le donne si è aggiudicata la competizione ed il tricolore la piemontese di Alagna Valsesia Erika Forni, che ha bissato il successo dello scorso anno. Zemmer, del Team La Sportiva Bogn da Nia, ha vinto d’autorità, dimostrando di essere il numero uno in campo nazionale, ma è in grado di esprimersi benissimo anche in ambito internazionale. L’alto atesino ha battuto il forte Roland Clara, pure lui dell’Alto Adige, della nazionale di sci di fondo, in gara con i colori delle Fiamme Gialle. Nelle prime battute della competizione, il via ai 1670 metri del Gardonè, nel tratto meno ripido si è portato in testa ai 160 skyrunners Clara, mentre Zemmer che di solito parte piano ha lasciato fare, poi quando il percorso si è fatto ripido Clara ha visto rinvenire Zemmer, che lo ha affiancato e quindi superato. Erano ad un terzo del tracciato del Vertical del Latemar e da quel momento Zemmer ha fatto gara solitaria fino al traguardo passando agilmente dal prato alle balze rocciose del Latemar, giungendo al rifugio Torre di Pisa (2670 metri) in 35’ 41” facendo segnare il nuovo record della -clicca su leggi tutto per continuare l’articolo e vedere classifiche e foto-

gara. Zemmer ha battuto di 6” il record già suo, stabilito nel 2009. Sicuramente il miglioramento del record da parte di Zemmer è dovuto anche allo stimolo che ha avuto da parte di Clara, che nella prima parte gli ha fatto da lepre ed è arrivato in seconda posizione con il tempo di 36’27”. Il forte fondista della nazionale B Stefano Gardener della Cornacci, ha conquistato il terzo posto staccato dal vincitore di 2’19”. Quarta piazza per l’atleta di casa il fiemmese Paolo Larger, del team La Sportiva Hartmann, che non è uno specialista dei Vertical in 38’12”, quinto posto per il falcadino del Dolomiti Ski Alp Alessandro Follador, in 38’16”, sesto il pinetano Marco Facchinelli in 38’20”, che ha preceduto Mirco Mezzanotte, ritornato skyrunner dopo i buoni risultati in bicicletta, al Torre di Pisa in 38’22”. Ottavo posto per Henry Hofer, nono lo sci alpinista e ciclista Ivo Zulian, decimo lo sci alpinista fiemmese della Cauriol Thomas Trettel. La gara femminile è vissuta nella prima parte sul duello tra la fiemmese del Bela Ladinia Nadia Scola e la vincitrice dell’edizione 2010 del Vertical Kilometer del Latemar Erka Forni. La Scola ha preso la testa della gara staccando nel primo tratto la Forni, che nella seconda parte della gara ha provato a forzare il ritmo ed è riuscita a raggiungere e passare la fassana. La piemontese della Skyruners Valsesia ha guadagnato qualche metro rispetto alla sua avversaria giungendo al traguardo in 48’55”, vincendo per il secondo anno consecutivo il Vertical del Latemar ed aggiudicandosi il titolo tricolore della specialità. La Scola ha pagato alla Forni 10”. Terzo posto per l’alto atesina dell’AVS Jenesien, Irene Senfter in 50’26”. Quarta la trentina dell’atletica Cembra Francesca Simoni in 51’24”, quinta Clara Bettega del Lavazè Varena, in 51’27”. Al sesto posto si è classificata Elisabeth Benedetti della Cauriol, in 52’8”, settima la fassana del Bela Ladinia Michela Rizzi.

La quattordicesima edizione del Vertical del Latemar è stata una grande giornata si sport, favorita da una tempo splendido, con un cielo limpido, che ha regalato al Torre di Pisa un panorama mozzafiato con una temperatura fresca, che ha favorito nella loro ascesa i concorrenti. Nella classifica tricolore riservata ad atleti iscritti alla FIS (Federazione italiana skyrunners) tra gli uomini medaglia d’oro è Zemmer, medaglia d’argento Paolo Larger e medaglia di bronzo è Marco Facchinelli. Nella classifica femminile la campionessa è Erika Forni, medaglia d’argento è Nadia Scola, mentre il bronzo è di Irene Senfter.

Di seguito le classifiche e le immagini inviateci dalla nostra inviata Claudia Boschetto ed Ugo Merlo che ringraziamo per la collaborazione.

classifiche_14_vertical_latemar

INTERVISTE AL XIV VERTICAL KILOMETER DEL LATEMAR Urban Zemmer tricolore, record e poker, al Vertical del Latemar. “Oggi è stata una buona giornata questa gara mi piace molto, è uno dei Vertical più belli in assoluto e non lo dico perché lo vinco da quattro anni. Sono partito assai tranquillo ho lasciato fare a Clara, che ha preso la testa della corsa, sono rinvenuto dopo. Come al solito nel primo tratto qui al Latemar parto piano prendo il mio ritmo quando il tracciato diventa più ripido. Sono contento di aver vinto il titolo tricolore ed anche per il nuovo record, che ho ritoccato di poco, ho migliorato a 41 anni . Clara è raggiante. “ Sono molto contento, arrivare secondo dietro ad Urban Zemmer è per me un grande onore, lui è senza dubbio il più forte, direi che nei Vertical è al momento imbattibile. Io amo questa gara e quando posso venire a farla il calendario degli impegni della nazionale di sci nordico me lo permettono vengo volentieri, mi piace molto, oggi poi la giornata è davvero stupenda”. Erika Forni, anche lei al settimo cielo. “E’ stata dura, la Scola mi ha impegnato molto nella prima parte della gara è andata in testa e mi ha anche staccata. Poi da metà ho trovato il ritmo giusto e sono riuscita a raggiungerla e superarla, arrivando al traguardo con alcuni secondi di vantaggio su di lei”. Nadia Scola la fassana che fa sci alpinismo ed è sempre presente quando c’è da fare fatica al Torre di Pisa dice. “E’ stata una bella gara nella prima parte sono andata in testa, ma la Forni mi ha presa dopo metà gara e mi ha superata. Il secondo posto è per me un buon risultato onore alla Forni.” Paolo Lorenzetti, alla guida del comitato organizzatore capeggiato dalla Sat di Predazzo assieme alla Dolomitica, in la collaborazione con l’Azienda di promozione turistica del capoluogo fiemmese, la società impianti Latemar 2200, la Regola Feudale, sul cui terreno si gareggia ed il comune di Predazzo è soddisfatto. “Abbiamo vissuto una bella giornata di sport con protagonisti grandissimi atleti e le montagne che dominano Predazzo, dove sono emersi i valori agonistici di questo bravissimi skyrunners e la valenza tecnica del nostro tracciato, ancora una volta all’altezza del tricolore. Il Gruppo del Latemar poi oggi ci ha regalato una giornata splendida da incorniciare.

About Mauro Morandini