Samantha Cristoforetti, è trentina la prima italiana nello spazio

Da il 6 luglio 2012

%name Samantha Cristoforetti, è trentina la prima italiana nello spazioÈ’ prevista nel novembre 2014 la missione che vedrà la prima donna italiana nello spazio, l’astronauta trentina Samantha Cristoforetti, dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa). L’annuncio è stato dato a Roma dal presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi), Enrico Saggese. Samantha Cristoforetti, capitano dell’Aeronautica Militare Italiana, raggiungerà la Stazione Spaziale Internazionale (Iss) a bordo della navetta russa Soyuz, per una missione di lunga durata.

1 200x300 Samantha Cristoforetti, è trentina la prima italiana nello spazio«Gli ultimi tre anni come astronauta europea sono stati un incredibile momento di crescita personale e professionale», ha osservato Samantha Cristoforetti dopo l’annuncio della missione che vedrà nel 2014 la prima donna italiana nello spazio. «Ora sono di nuovo emozionata di continuare questo viaggio con l’obiettivo di essere al servizio dell’Italia e dell’Europa come membro dell’equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale», ha proseguito. «Sono grata all’Agenzia Spaziale Italiana, all’Agenzia Spaziale Europea e all’Aeronautica Militare Italiana per questa opportunità», ha sottolineato l’astronauta. «Come abitanti privilegiati temporanei di un avamposto dell’umanità nello spazio, faremo ogni sforzo per condividere la missione e portare con noi virtualmente praticamente tutti coloro che vogliono unirsi al nostro viaggio».

Sopravvivere l’inverno russo

di Samantha Cristoforetti

Il 18 gennaio Thomas e ho partecipato a un programma di due giorni la sopravvivenza di formazione che è obbligatoria per tutti i membri dell’equipaggio Soyuz ed è pensato per fornire gli astronauti e cosmonauti le competenze e la fiducia necessaria per sopravvivere nella (..continua clicca su leggi tutto) stagione fredda. Mentre le squadre di soccorso in genere arrivano sul sito di atterraggio della Soyuz anche prima che la capsula ha fatto contatto con il terreno in caso di una discesa pianificata, un rientro d’emergenza non pianificata è una possibilità in qualsiasi momento durante il volo autonomo, o mentre attraccato a ISS. Nel peggiore dei casi, anche durante la salita iniziale come conseguenza del fallimento del razzo.

Ecco il mio tentativo di condividere con voi la nostra esperienza nei boschi che circondano City Star.

Blog 4 small1 199x300 Samantha Cristoforetti, è trentina la prima italiana nello spazioCome l’incendio (Credit: GCTC)

Ho potuto vedere per sempre la danza ipnotica delle fiamme. Eppure, il mio orologio notte ora è finita: è ora di svegliarsi il mio compagno di squadra e cercare di dormire un po ‘. Come Thomas allunga le sue membra, rigidi dal freddo e frugale il materasso di foglie e rami, faccio una chiamata rapida radiofonica segnalare che la nostra squadra sta facendo bene. Ieri, durante la nostra prima notte di sopravvivenza, la procedura è diversa: flessibile e senza contatto con le squadre di soccorso, ci sarebbe fare tre chiamate Mayday nel ciechi ad ogni ora, con intervalli di 2 minuti. Procedura inutile ora, dal momento che sono stati localizzati!

Ieri sera abbiamo preso contatto simulato con un elicottero di soccorso. Su loro richiesta, abbiamo acceso il fuoco di segnalazione e di un chiarore notte in modo da poter individuare la nostra posizione. Come previsto, ci hanno detto che avremmo salvato solo il mattino successivo e così eccoci qui, nel nostro tepee, in quella che oggi è soprattutto un esercizio di pazienza e la resistenza a freddo.

 

Blog 5 small1 300x240 Samantha Cristoforetti, è trentina la prima italiana nello spazioThomas raccolta di legna da ardere (Credit: GCTC)

La verità da raccontare, non possiamo davvero lamentarci. Si tratta di -15 ° C questa sera quasi senza vento, neve sul terreno è gambaletto. Mi rallegro per nostra fortuna quando penso dei conti molti degli equipaggi che passano attraverso la loro formazione in petto alta neve e -30 ° C.Anche così, sembrava un compito arduo avanti quando, due giorni fa, siamo stati aiutati in tute di volo dei Sokol e ha detto di salire in un vecchio modulo di discesa Soyuz, che giaceva su un fianco nella zona di sopravvivenza. In attesa dentro di noi, confezionato nel piccolo volume a disposizione, lo standard di kit di sopravvivenza Soyuz e di tempo freddo abbigliamento. Che ci attende fuori, il paracadute e corde, tre rivestimento dei sedili che normalmente rimozione dai posti a sedere e coscia-alta impermeabile calzature che normalmente tagliati fuori dalla tuta di sopravvivenza Forel acqua.

Thomas è entrato per primo. Trovare lui stranamente appollaiato sopra il pannello di controllo, mi accovacciarsi in un angolo, cercando di fare spazio per il nostro comandante, Sergey, per entrare così e chiudere il portello dietro di lui. A q Radio uick chiamata, e la formazione ha inizio.

Blog 1 small1 300x248 Samantha Cristoforetti, è trentina la prima italiana nello spazioThomas entrando nel modulo di discesa (Credit: GCTC)

Mantenere asciutto, la stimolazione noi stessi in modo da non sudare, è stato presentato come il numero uno dei consigli per prevenire l’ipotermia ed è una risoluzione brillantemente presente nella mia mente. Ciò nonostante, dopo pochi minuti siamo tutti in un bagno di sudore. Nel volume limitato, cerchiamo e svela le componenti del nostro abbigliamento invernale di sopravvivenza, ognuno contrassegnato con il nostro nome: la tuta jumper, il maglione, la giacca leggera, il complesso di spessore, la giacca pesante. E poi guanti, cappello, calzature. Come posso aiutare Sergey fuori dal Sokol e cercare di superare gli elementi di abbigliamento adeguati, non posso aiutare a essere grati che nessuno di noi è particolarmente grande!

Nel momento in cui facciamo la nostra strada nel bosco, dopo aver raccolto l’ingranaggio sopravvivenza e il paracadute nelle fodere sedile, abbiamo circa 4 ore di luce sinistra.

Blog 12 small 199x300 Samantha Cristoforetti, è trentina la prima italiana nello spazioIl tepee (Credit: GCTC)

Noi non devono preoccuparsi del cibo, in quanto vi è sufficiente disponibilità per almeno tre giorni, ma dovremo lavorare rapidamente per avere il nostro rifugio, il nostro fuoco di segnalazione e la nostra legna pronta da sera. Sergey vede un buon posto per il nostro accampamento: due alberi dritti a circa due metri la distanza eter per la nostra tettoia per ripararsi, abbondanza di spazio nella parte anteriore per costruire il nostro tepee il giorno successivo l’area che sarà riscaldato dal fuoco di questa sera, in una radura circa 100 metri di distanza per il nostro fuoco di segnalazione.

Con lo stile di leadership risoluta, ma affettuosamente grazia che Thomas ed io sono presto ad apprezzare, Sergey distribuisce i compiti e ottiene il lavoroin corso. Un pilota Blackjack ex Air Force russa, il nostro comandante ha grandi competenze esterne e di un istinto naturale per prendersi cura dei bisogni di tutti. Un’altra grande fortuna, e uno che sarà fondamentale nel creare l’atmosfera dolce e caldo tra di noi che rimarrà come ricordo caro.

Blog 6a small 199x300 Samantha Cristoforetti, è trentina la prima italiana nello spazioCostruire la tettoia al riparo (Credit: GCTC)

Condivisione di un coltello e un machete dagli attrezzi di sopravvivenza, usiamo i rami di medie dimensioni e corda paracadute per costruire il quadro della nostra lean-to riparo. Abbiamo poi coprire sia il pavimento e il tetto con un numero considerevole di rami e foglie e capo vigilia solida tutto in materiale paracadute e telo di sopravvivenza riflettente. Non è un palazzo, ma lo farà, e io effettivamente ottenere qualche ora di dormire stanotte, in stint da 20 a 30 minuti.

Nessun confronto, naturalmente, con il nostro rifugio per la seconda notte. Con tutta la giornata a nostra disposizione, l’istruzione è di costruire un tepee. Dopo la costruzione della struttura conica con 6 tronchi lunghi, si avvolgere il paracadute intorno: uno strato interno inferiore, circa alto torace, e uno strato esterno superiore, che lascia un’apertura nella parte superiore. Inserendo 30cm lunghi bastoni tra i due strati, creiamo uno spazio per l’aria fresca di fluire in, mentre il fumo del fuoco viene evacuato dalla apertura superiore.

Blog 15 small 300x199 Samantha Cristoforetti, è trentina la prima italiana nello spazioSimulazione di una gamba rotta (Credit: GCTC)

Così eccomi qui, passando la radio a Thomas e cercando di andare a dormire. In poche ore sarete contattati da l’elicottero di soccorso e dare un azimut da seguire per l’area di recupero.Sappiamo dal briefing che uno di noi dovrà simulare un arto rotto, quindi dovremo pali pronti a fare una barella improvvisata da un rivestimento del sedile.

Una volta che tutto è finito, credo che si accende un razzo di segnalazione in festa. E un ultimo pensiero come scivolare in un sonno leggero: lasciare che la formazione post-sauna domani sarà bello e caldo!

Blog 16 small 300x199 Samantha Cristoforetti, è trentina la prima italiana nello spazioCelebrando fine della formazione con un tocco (Credit: GCTC)Segui gli altri post di Samantha Cristoforetti

7428861810 164c41e75b z Samantha Cristoforetti, è trentina la prima italiana nello spazio

Questo articolo è già stato letto 2833 volte!

Commenti

commenti

About PredazzoBlog.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi