Un viaggio video fotografico di tre appassionati della natura incontaminata di Fiemme

Da il 1 gennaio 2009

1337891797 Un viaggio video fotografico di tre appassionati della natura incontaminata di FiemmeUn libro di belle (alcune perfette) fotografie e un dvd di ricche ed emozionanti riprese, illustrano la fauna del Lagorai. Il libro con video si intitola “Fauna del Lagorai” e per i tipi di Papergraf propone una narrazione complessa (a volte disordinata, come lo è la vita animale, troppo esorbitante per comprimerla) della vita alpina, nella sua essenza più profonda, dentro la catena montuosa più selvaggia del Trentino. Gli autori sono tre appassionati di fotografia e cinepresa, quanto di animali e montagna, residenti in due paesi ai piedi della catena montuosa oggetto dell’opera: Ziano di Fiemme e Tesero. Sono Adriano Agnoli, Faustino Piazzi, Silvano De Marco. Completa le fotografie che, se pur bellissime e ricche di dettagli interessanti, resta vagamente statica, il filmato, che scorre denso e cattura l’attenzione, riuscendo lentamente ma ineluttabilmente a trascinare dentro il ritmo della vita selvaggia delle nostre Alpi, che forse troppo spesso residenti e turisti danno per scontata. Non ci sono particolari effetti speciali, né musiche empatiche ad inquinare i sensi: è sufficiente la competente descrizione di quello che vive attorno a noi (se sappiamo guardare, ascoltare, concentrarci), rappresentato non per tipologia di ambienti (come spesso si fa) ma nel modo più ovvio, in cui lo percepiamo in montagna: per differenti quote, dal fondovalle del merlo acquaiolo e dell’airone cinerino, alla mezzamontagna fino alla dimensione alpina di marmotte e camosci. Ad ogni quota corrisponde un mondo diverso, con animali, adattamenti, difficoltà e opportunità differenti. Foto e riprese mostrano la scansione (in assenza dell’uomo) di una ricchezza animale e ambientale, che spesso trascuriamo e che (come ricordano gli autori) nelle altre aree della nostra provincia risulta molto disturbata dall’uomo e dal turismo di massa. Le Alpi sono la regione con la maggiore biodiversità in Europa e custodiscono adattamenti evolutivi straordinari e anche veri e propri relitti glaciali, come la vulnerabile pernice bianca (ben rappresentata da foto e immagini), il cui habitat rischia però di essere trasformato e compromesso dal cambiamento climatico. Dai gesti spettacolari dei grandi mammiferi come il cervo o degli uccelli appariscenti come il gallo cedrone nelle arene di canto o l’aquila al nido, fino al dettaglio delle vite degli elusivi marassi o dei tritoni alpini e di piccoli uccelli come i regoli, foto e immagini in movimento riescono nell’intento dichiarato dagli autori: sorprendere e far comprendere l’importanza, la bellezza ma anche la fragilità di così tante, diversificate forme di vita. Le immagini scelte dagli autori per concludere il video evocano dichiaratamente due temi: la speranza di saper conservare un ambiente irripetibile e la responsabilità di scegliere il futuro che avremo nelle Alpi e in Trentino. Sono riprese eseguite altrove, di tre specie oggi scomparse dal Lagorai ma che potrebbero tornare: la lontra, la lince, l’orso bruno. Le recenti segnalazioni di un esemplare di lontra in Alto Adige e di un esemplare di lince in Trentino sembrano una promessa di un possibile ritorno e del possibile mantenimento di un ambiente integro, complesso e ricco di biodiversità, nel Lagorai innanzitutto, luogo oggetto di sogni di nuovi Parchi Naturali. Due foto da sole valgono tutta l’opera: la bellezza dell’incredibile piumaggio mimetico di un esemplare di francolino di monte, sorpreso, fragile, alla cova, e l’abilità leggera e magnifica del volo in acqua di un merlo acquaiolo, fotografato in evoluzione in un torrente.

Questo articolo è già stato letto 1727 volte!

Commenti

commenti

About mauro morandini

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi