VAL DI FIEMME: Il cammino verso i Mondiali di Sci Nordico del 2013 è già iniziato

Da il 25 novembre 2008
  • Mancano 4 anni ai Mondiali del 2013 ma il comitato ha già riunito i capiservizio
  • Saranno istituiti corsi per accrescere le conoscenze linguistiche e informatiche
  • Un protocollo d’intesa con obiettivo il miglioramento della qualità della vita
  • I Mondiali un trampolino di lancio per la promozione della località
  • %name VAL DI FIEMME:  Il cammino verso i Mondiali di Sci Nordico del 2013 è già iniziato“L’assegnazione del terzo Mondiale è un successo di tutti noi, ora dobbiamo rimboccarci le maniche”. Così il presidente del comitato Nordic Ski Fiemme, Pietro De Godenz, ha aperto il primo incontro con i capiservizio in vista dei Mondiali di sci nordico del 2013, assegnati alla Val di Fiermme il 29 maggio scorso in occasione dell’annuale congresso della FIS, tenutosi a Città del Capo, in Sudafrica. “Sono felice per le adesioni ricevute – ha poi aggiunto De Godenz -. Grazie per averci confermato che siete disponibili a riprendere il cammino insieme”.

    Mancano ancora oltre quattro anni alla terza rassegna iridata della storia fiemmese (le due precedenti nel 1991 e nel 2003), ma per un grande evento serve anche una grande organizzazione, quella che ha permesso alla località trentina di ottenere ben tre campionati del mondo nel volgere di 23 anni.

    Così De Godenz, dopo i ringraziamenti iniziali, ha illustrato le variazioni all’interno del consiglio di amministrazione, partendo da un commosso ricordo di Paolo “Nele” Zorzi, una delle anime del comitato fiemmese, scomparso il 12 maggio scorso dopo aver lottato contro una malattia incurabile. Al suo posto, in qualità di responsabile delle risorse umane (e dunque degli oltre 1000 volontari), ci sarà Mauro Dezulian, mentre il settore marketing sarà coordinato da Sandro Pertile in collaborazione con Bruno Felicetti e forte del supporto di Marisa Giacomuzzi (che sarà la vice di Pertile) e Davide Gabrielli. Coordinatrice sport sarà Cristina Bellante, mentre Dino Degaudenz sarà responsabile della parte salto.

    Organizzazione, prima di tutto, la stessa che è stata sottolineata ed apprezzata dai vertici della FIS, come ha ricordato il segretario generale Angelo Corradini il quale, dopo aver illustrato il progetto di massima in chiave 2013 con una presentazione video, ha riportato ai presenti i commenti positivi della FIS sia in sede del primo sopralluogo del settembre scorso, sia in occasione della “final inspection” di Liberec (prossima sede dei Mondiali, febbraio 2009), così come all’ultimo consiglio della FIS tenutosi il 15 novembre scorso a Levi, in Finlandia.

    Corradini ha poi espresso la soddisfazione del comitato per essersi visto assegnare fino al 2013 (anno dei Mondiali) le due tappe conclusive del Tour de Ski, alle quali si aggiungono le due gare annuali di Coppa del Mondo di combinata nordica (anch’esse confermate fino al 2013), mentre la Coppa del Mondo di salto tornerà nel 2011 e nel 2012. Per quanto riguarda il rinnovo delle infrastrutture, poi, Corradini ha ricordato che la Provincia autonoma di Trento contribuirà in larga parte al finanziamento, così come i Comuni della Val di Fiemme.

    “I Mondiali sono un trampolino di lancio per la promozione della valle in ambito turistico – ha sottolineato Bruno Felicetti, a fianco di Pertile nel settore marketing e direttore dell’Apt della Val di Fiemme -, nonché un’occasione per migliorare le strutture. Non dimentichiamoci che la strada di fondovalle è stata realizzata nel 1991, proprio in occasione dei primi Mondiali fiemmesi”.

    A tal proposito, è già stato stilato e sottoscritto un protocollo d’intesa tra tutti gli enti istituzionali coinvolti nell’evento, ovvero la Provincia Autonoma di Trento, i Comuni della Valle di Fiemme, il Comprensorio della Valle di Fiemme, la Magnifica Comunità di Fiemme, l’Azienda per il Turismo di Fiemme e il C.O. dei Campionati Mondiali di sci nordico 2013. Protocollo che ha come obiettivo principale quello di un miglioramento della qualità della vita di chi vive e vivrà in Val di Fiemme anche dopo il 2013.

    Un progetto che necessita di essere affiancato da un’adeguata crescita culturale, come sottolineato dal responsabile del settore formazione e progetti speciali Ernesto Rigoni. “Saranno istituiti degli appositi corsi di formazione – ha ribadito Rigoni -, tramite i quali dovremo mirare ad accrescere le nostre conoscenze linguistiche, informatiche e relazionali, senza dimenticare l’importanza di temi come la sicurezza e l’ambiente. Un progetto che partirà nel 2009 e che mira ad accrescere il patrimonio culturale dei fiemmesi”.

    Poi un occhio al prossimo appuntamento sportivo, ovvero quello con le due tappe finali del Tour de Ski (3-4 gennaio), la speciale rassegna inserita nel calendario di Coppa del Mondo di sci di fondo. L’attenzione è focalizzata soprattutto sulla “final climb” del Cermis (domenica 4 gennaio), la terribile salita (3,650 km con punte del 28% di pendenza) che decreterà il terzo vincitore del Tour. Spettacolo che la scorsa stagione chiamò in Val di Fiemme circa 20 mila spettatori, per i quali quest’anno è stato studiato un apposito evento parallelo: il Tour de Gusto. “Cosa succede se il Tour de Ski finisce di essere una sorpresa?  – ha puntualizzato Sandro Pertile, responsabile marketing -. Pertanto da una gara sportiva bisogna creare un evento, anche per chi non è appassionato di questo sport e rivolgendosi a target sportivi diversi”. Cosa già accaduta in occasione del “talk show” di presentazione delle finali del Tour de Ski e della Marcialonga, grazie agli interventi del commentatore tecnico RAI ed ex ciclista professionista, Davide Cassani, e dell’ex maratoneta Orlando Pizzolato.

    Lungo la “final climb”, tornando al Tour del Gusto, ci saranno quindi della speciali postazioni, come ad esempio la “posta” del cacciatore, quella del boscaiolo ed altre ancora, legate alle origini fiemmesi, con degustazione di prodotti tipici, musica ed animazione a tema.

    Un ulteriore motivo di richiamo per il grande pubblico, così come per quello atteso alla due giorni di Coppa del Mondo di combinata nordica (10-11 gennaio) quando, al termine della gara del sabato (10 gennaio), verranno organizzati dei momenti di intrattenimento.

    A fine incontro, dunque, è stata consegnata una copia del rapporto del C.O. dei Mondiali di Liberec, opportunamente tradotto in italiano, ad ogni caposervizio. Per iniziare a “studiare” e tornare ancora una volta protagonisti nel 2013.

    Info: www.fiemme2013.com

    Questo articolo è già stato letto 2036 volte!

    Commenti

    commenti

    About mauro morandini

    Commenta

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

    Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi