Valle di Fiemme: Avisio, torrente martoriato e senza pace

Da il 10 giugno 2009

 avisio Valle di Fiemme: Avisio, torrente martoriato e senza paceNon sono i versi un poema di vago stile romantico ma il preciso e diretto grido d’allarme che i pescatori fiemmesi lanciano sullo stato di salute del corso d’acqua nel suo tratto centrale, tra Moena e Molina di Fiemme. E non si tratta di un primo allarme ma, invece, dell’ennesimo avvertimento sullo stato di degrado in cui versa il torrente.
 Sotto accusa sono i repentini e violenti temporali che provocano la discesa di grandi quantità d’acqua ma anche di altri materiali franosi dai rivi laterali verso l’Avisio. Ma la colpa non è solo “oggettiva” del maltempo, dicono i pescatori attraverso un loro portavoce, aggiungendo i problemi che vengono anche dallo svaso effettuato ogni due anni circa, a primavera, della diga di Pezzè e che puntualmente trasforma il colore dell’acqua verso tinte sul marrone intenso.
 E poi i lavori realizzati ogni anno in vari punti lungo il corso del torrente: a Ziano, a Lago o da altre piccole vallate laterali per centraline o lavori di sistemazione degli argini oppure per il parcheggio di fondovalle degli impianti del Cermìs vicino a Masi.
 Nel torrente martoriato da questi continui “attacchi”, è chiaro che la micro fauna ittica ne risente. Con problemi evidenti anche per progetti come quello della trota marmortata o altri di riproduzione promossi, in forma totalmente volontaria, dalle associazioni pescatori di Predazzo e Cavalese.
 Uno stato di cose dannoso per il fiume ma in seconda battuta penalizzante anche per i tantisismi pescatori residenti ed ospiti.
 Pescatori che, evidenziati i problemi, passano al “contrattacco” con proposte ben precise: ovvia quella di una maggiore preservazione del corso d’acqua ma al suo fianco, ad esempio, si chiede la possibilità di andare in deroga alle condizioni poste dalla categoria A della carta ittica, nella quale rientra il tratto di Avisio tra Moena e Molina di Fiemme, permettendo l’immissione di trote adulte fario in modo da infoltire la popolazione ittica.
 Questa immissione non andrebbe a minare i progetti di riproduzione, come quello della trota marmorata, e permetterebbe ai pescatori di poter esercitare al meglio questa loro passione.
 Poi i pescatori si domandano come mai il tratto in Val di Fassa dell’Avisio dalla diga del Fedaia e fino a monte di Moena sia in carta ittica di categoria B, proprio per il fatto di trovarsi a valle di un impianto idroelettrico, ed invece il tratto fiemmese che si trova a valle di non una ma due dighe, Pezzè e Fortebuso, di fatto sia di categoria A.
 Una situazione inspiegabile per la quale i pescatori si aspettano delle risposte ben precise ed una maggiore tutela del corso d’acqua in primis per la sua integrità e poi per le aspettative dei pescatori.

Il Trentino, Michele Zadra

Questo articolo è già stato letto 2254 volte!

Commenti

commenti

About mauro morandini

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi