Veneto e Trentino fanno la guerra ai meteo amatoriali – Sondaggio

Da il 9 aprile 2013

Questo articolo è già stato letto 3899 volte!

Non bastavano le guerre “normali”….ora arriva anche la guerra per il “meteo”. Eh sì, perchè alcune regioni italiane (Veneto e Trentino su tutte) sono arrabbiatissime per il fatto che, spesso, vengono diffuse previsioni metereologiche che si rivelano “totalmente sbagliate”, provocando danni indiretti al settore del turismo.
Capita, infatti, che molti italiani rinuncino al weekend sulla neve di fronte a “messaggi funesti”, mentre, poi, un bellissimo sole scalda i pendii delle montagne incantate.
«I siti nazionali», ha dichiarato Tiziano Mellarini, assessore provinciale a Trento con delega al turismo, «spesso sbagliano le previsioni e condizionano le scelte dei turisti.  Ho intenzione di confrontarmi con Zaia (Presidente Regione Veneto) al più presto, ha continuato l’assessore, «e magari intavolare un’azione comune. Finora non siamo mai arrivati alle azioni legali», ha minacciato Mellarini, «ma ora che non siamo più soli potremmo pensarci».
%name Veneto e Trentino fanno la guerra ai meteo amatoriali   Sondaggio
Il riferimento è alle recenti dichiarazioni di Patrizia Rinaldis, Presidente dell’Associazione alberghiera di Rimini che ha denunciato gravi perdite economiche in seguito ai clamorosi sbagli “meteo” durante l’importantissimo (per il turismo) ponte pasquale: «Nessuno vuole imbrigliare la corretta informazione», ha affermato la Presidente «ma le disdette seguite alle previsioni meteo hanno creato un danno pesantissimo a livello patrimoniale. Se facciamo i conti della serva», ha insistito il presidente dell’Associazione, «considerando 30 persone ad albergo per due giorni, per trecento alberghi e a  una media di 45 euro, siamo sugli 800 mila euro di buco;con l’indotto, si arriva sul milione di euro».
In questi tempi di crisi, dove le prenotazioni per gli Hotel sono in diminuzione e molti alberghi presentano conti in rosso o addirittura sono costretti a chiudere, anche il “meteo” rappresenta una voce importante per la sopravvivenza di questi impianti.
Naturalmente, è arrivata prontamente anche la risposta della “difesa”. Antonio Sanò, direttore del celebre portale www.ilmeteo.it, ha promesso ulteriori sforzi in tal senso:  «Il nostro obiettivo è fare previsioni sempre più precise, perché se sbagliamo il danno più grosso lo arrechiamo a noi stessi. Comunque a fine mese lanceremo un nuovo servizio, una sorta di semaforo di affidabilità sulle previsioni da consultare sempre, ma in particolare nei mesi pazzi come questo, dove può accadere che si dia pioggia e poi arrivi il sole».

OFFLINE IL BOLLETTINO METEO DI PREDAZZO METEO

Dopo anni di prezioso e gratuito servizio, il dott. Michele Gravina di Predazzo toglie il bollettino meteo dal suo sito www.predazzo-meteo.it seguito ogni giorno da migliaia di persone.
In seguito alle polemiche insorte riguardo ai siti meteo amatoriali che a detta di diversi finirebbero per creare confusione e allarmismo ingiustificato tra la popolazione, con conseguenti danni per il turismo, ho deciso che nei prossimi giorni eliminerò il bollettino, da me redatto, dal mio sito www.predazzo-meteo.it.
Sinceramente non vorrei ritrovarmi con una denuncia per un qualcosa che ho fatto sempre e solo per passione e senza alcun fine di lucro (tutt’altro..se posso dirla tutta i soldini li ho sempre tolti di tasca mia senza chiedere niente a nessuno, com’era giusto che fosse.).
In questi anni ho cercato sempre di rispettare il ruolo e l’importanza degli enti istituzionali, non mi sono mai permesso di criticare o di sostituirmi a chi è ufficialmente preposto a svolgere il ruolo di previsore. Questo desidero sia chiaro a tutti.
Ringrazio tutti coloro che in questi anni mi hanno seguito manifestando anche il proprio apprezzamento per ciò che ho provato a fare.
Ovviamente mi duole prendere una decisione del genere ma non posso rischiare di trasformare una passione in un motivo di preoccupazione.
L’ultima cosa che voglio è ritrovarmi in un’aula di tribunale perchè ho previsto neve a 1500 metri e poi è nevicato a 1000.  Sono certo che mi capirete. La home del sito è stata modificata. Da oggi troverete i dati in diretta e l’immagine della web aggiornata. Un saluto a tutti e grazie ancora. Michele Gravina.
predazzo meteo Veneto e Trentino fanno la guerra ai meteo amatoriali   Sondaggio
Da parte nostra ringraziamo ancora il dott. Gravina per la sua disponibilità a concedere le immagini della sua web-cam   su  PredazzoBlog.it 

 

Commenti

commenti

About PredazzoBlog.it

6 Commenti

  1. MICHELANGELO

    9 aprile 2013 at 18:17

    Stando così le cose, si potrebbero invitare gli albergatori a cimentarsi con le previsioni del tempo: magari finirebbero loro sul banco degli imputati da parte dei clienti che si sono fidati del bel tempo previsto e invece si sono trovati in mezzo al vento e alla pioggia!
    Anche Zaia e Mellarini potrebbero dedicarsi a questo nuovo impegno …!
    Come si fa a insinuare che i meteorolgi seri (di professione o non), viste la dichiarazioni del dott. Gravina e anche di altri con esperienza pluridecennale, possano essere incriminati: il cliente non è libero di cambiare idea per motivi validi? Chi può stabilire se la previsione è sbagliata o giusta sapendo che il tempo fa quello che vuole perché … è rimasto da sposare!!!

  2. Graziano

    9 aprile 2013 at 19:27

    Concordo con quanto ha scritto il Dott. Gravina e Michelangelo…
    Visto come stanno le cose potrebbero intentare una azione legale anche nei confronti di “Frate Indovino” che non sempre azzecca le previsioni …

  3. cesare

    10 aprile 2013 at 09:17

    E’ incredibile cosa andiamo a scovare per complicarci e complicare agli altri la vita, di giorno in giorno, come se non esistessero altre cose ben più serie da porre sul piatto! Da che mondo è mondo si sa che le previsioni in questione, e non solo amatoriali, sono puramente indicative: a volte ci “azzeccano” ed altre no. C’è chi vi crede ed altri, forse i più, che sono scettici. E’ un po’ lo stesso discorso, fatte pur le debite differenze sostanziali e di serietà, degli oroscopi. Qualcuno li legge fra le altre notizie, libero di farvi affidamento, altri no. E così, per le previsioni del tempo. Non credo, che il turista che usufruisce delle proprie ferie una volta all’anno, rinunci per lo meno a cambiare il suo ambiente, condizionato dalle previsioni meteorologiche. Lui parte comunque, almeno cambia aria, concedendo un periodo, più o meno lungo che sia, al suo andamento normale di vita di casa o di lavoro.
    Evidentemente l’attuale crisi economica, che è presente per tutti, va a fare pensare ad ogni cosa, anche la più impensabile per la preoccupazione. Questi pensieri, da parte di qualcuno (leggi certi albergatori od operatori turistici), non sono venuti in mente, guarda caso, prima d’ora, od anche se c’erano, non sono stati mai evidenziati. Eventualmente erano solo oggetto di discussione, solo “pour parler”, come si dice.
    Lasciamo che coloro che sia appassionano del tempo possano liberamente continuare a farlo. Solo i creduloni possono prendere come categoriche ed esatte certe cose, che, lo sanno tutti, si trovano solo sulle ginocchia di Giove! Il tempo, infatti, come è noto, col variare dei venti e la sua mutevolezza puo’ sempre ca,mbiare. Non per nulla si suol dire che una persona può avere l’umore variabile come il tempo!
    Mi associo, quindi, ai precedenti pareri espressi.
    Cesare

  4. Francesco

    10 aprile 2013 at 14:32

    Buona giornata a tutti,
    da alcuni anni seguo il.meteo.it del quale sono anche meteoreporter.Devo dire che mentre alcuni anni orsono il meteo era molto più preciso anche a livello locale.Purtroppo da 2 anni le previsioni locali sono spesso errate(non vorrei dire pilotate)forse perchè i programmi di analisi meteo provengono dall’America.Cosa si può pretendere da un programma americano che non conosce la Nostra Orografia nè le Variabili,come le influenze delle Lagune lungo le coste Venete?Vengono considerate le influenze della Luna?
    Consideriamo che l’Alta marea crea una relativa Alta Pressione?Consideriamo che l’acqua lagunare è più soggetta a variazioni termiche rilevanti per la meteorologia?Non ci si può fidare dei calcoli cibernetici di oltre Oceano!!!!!

  5. mario

    13 aprile 2013 at 21:47

    averser le finestre e vardar fora come na olta.
    al dì de ancoi i pensa sol a denunciarte . quanche era soen se se le faseva fora ‘n tra omeni, ades te tires en peto e i te denuncia

  6. marion

    17 aprile 2013 at 00:17

    E’ che la gente vuole pianificare tutto e non le va mai bene nulla. C’è anche da dire che ultimamente tutti si lanciano a fare gli esperti anche se non capiscono nulla di alte e basse pressioni, e che esistono a livello locale siti “pessimisti” e siti “ottimisti”. In linea di massima oggi le previsioni sono più sicure che anni fa, poi è vero che qui in valle se a Pardac el piof de segur le fin dala galeria e en fora ghe el sol…..

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi