25° anniversario della catastrofe del 19 luglio 1985 in Val di Stava

Da il 19 luglio 2010

Stava – Poco prima di mezzogiorno del 19 luglio 1985 crollano le discariche della miniera di Prestavel. 180.000 metri cubi di fango, 268 morti, 4 chilometri di devastazione. “Quella della Val di Stava – ricorda il presidente della Fondazione Stava 1985 Graziano Lucchi in occasione del  25° anniversario della catastrofe – è una delle più gravi catastrofi industriali mai verificatesi in Italia. Oggi ne conosciamo la genesi, le cause e le responsabilità.”

Le discariche di miniera di Prestavel servivano per depositare i fanghi residuati dalla lavorazione della fluorite estratta in quattro diverse miniere, due delle quali in Alto Adige. Le discariche – si legge nella relazione della Commissione ministeriale d’inchiesta – erano state progettate, costruite e gestite “in modo da non offrire quei margini di sicurezza che ci si attende da opere che possono mettere a repentaglio l’esistenza di intere comunità. L’argine superiore in particolare era mal fondato, mal drenato, staticamente al limite. Non poteva che crollare alla minima modifica delle sue precarie condizioni di equilibrio.”

Malgrado già 10 anni prima del crollo una verifica di stabilità, emersa poi nel corso del processo, avesse accertato che le due discariche non garantivano sufficienti margini di sicurezza, i responsabili proseguirono nell’ampliamento in assenza di ogni serio controllo da parte delle Autorità competenti. E infine il crollo. Il 19 luglio 1985 alle ore 12, 22 primi e 55 secondi cede l’arginatura del bacino superiore che crolla sul bacino inferiore che a sua volta crolla. 180 mila metri cubi di fango si riversano a valle alla velocità di 90 chilometri orari, distruggono l’abitato di Stava, numerose costruzioni lungo la Val di Stava e la via Mulini a Tesero, devastano in meno di 3 minuti un’area di circa 450 mila metri quadri.

“Abbiamo imparato a convivere con il nostro dolore, afferma Lucchi. Siamo riusciti anche a trarre da questa tragedia una lezione positiva.” A Stava vengono studiosi da tutto il mondo, il Consiglio Nazionale delle Ricerche ha pubblicato un libro con tutti gli studi scientifici compiuti per spiegare le cause e la dinamica del crollo. Si vuol far in modo che dalla conoscenza si passi alla prevenzione. Un Centro di documentazione e il sito web in italiano, inglese e tedesco servono da monito. “Ciascuno – sottolinea Lucchi – deve essere cosciente delle proprie personali responsabilità.”

Altre informazioni su www.stava1985.it

25° ANNIVERSARIO DELLA CATASTROFE DI STAVA
SABATO 17 LUGLIO 2010 ore 21 – Tesero – Teatro Comunale
prima rappresentazione teatrale “Stava, 19 luglio 1985” testo di Luisa Pachera, a cura del GAD Città di Trento
DOMENICA 18 LUGLIO 2010 ore 9.40 – RAI TRE a diffusione regionale
Trasmissione televisiva “Terra di montagna” dedicata all’anniversario
ore 15 – Tesero – Teatro Comunale convegno su “Memoria e rinascita” Il progetto memoria “Stava 1985”
Il libro “Stava/Tesero – La ricostruzione e la memoria – 1985-2010”
ore 20.30 – dalla località Pesa in Val di Stava Via Crucis con arrivo alla Chiesetta della Palanca
LUNEDÌ 19 LUGLIO 2010, ANNIVERSARIO DELLA CATASTROFE ore 10 – Tesero – Chiesa Parrocchiale
Santa Messa di Suffragio e processione con preghiera al Cimitero delle Vittime adiacente alla Chiesa di San Leonardo
Il rito sarà presieduto dall’Arcivescovo di Trento mons. Luigi Bressan
ore 12.15 – Stava – Chiesetta “La Palanca” Deposizione di un mazzo di fiori al monumento dono delle Popolazioni del Vajont
ore 12.45 – Stava – Centro di documentazione
Inaugurazione mostra fotografica su “Memoria e rinascita”
GIOVEDÌ 29 LUGLIO 2010 ore 21.00 – Cavalese – Pieve di S. Maria Assunta
Concerto corale-strumentale dedicato alle Vittime della Val di Stava Ensemble “Canticum Novum” di Moena
Ensemble “Unterberger” della Scuola di musica “Il Pentagramma”
VENERDÌ 30 LUGLIO 2010 ore 21.00 – Rovereto – Campana dei Caduti – Colle di Miravalle
Rappresentazione teatrale “Stava, 19 luglio 1985” testo di Luisa Pachera, a cura del GAD Città di Trento
Il Centro di documentazione a Stava è aperto al pubblico tutti i giorni dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18. Il 19 luglio il Centro è aperto dalle 13 alle 15.30 e dalle 18 alle 20.
Il sentiero della memoria sul Monte Prestavèl richiede 2/3 ore di facile camminata. La guida è disponibile presso il Centro di documentazione e le APT della Valle.

25° ANNIVERSARIO DELLA CATASTROFE DI STAVA   SABATO 17 LUGLIO 2010 ore 21 – Tesero – Teatro Comunale prima rappresentazione teatrale “Stava, 19 luglio 1985” testo di Luisa Pachera, a cura del GAD Città di Trento   DOMENICA 18 LUGLIO 2010 ore 9.40 – RAI TRE a diffusione regionale Trasmissione televisiva “Terra di montagna” dedicata all’anniversario  ore 15 – Tesero – Teatro Comunale convegno su “Memoria e rinascita” Il progetto memoria “Stava 1985” Il libro “Stava/Tesero – La ricostruzione e la memoria – 1985-2010”  ore 20.30 – dalla località Pesa in Val di Stava Via Crucis con arrivo alla Chiesetta della Palanca   LUNEDÌ 19 LUGLIO 2010, ANNIVERSARIO DELLA CATASTROFE ore 10 – Tesero – Chiesa Parrocchiale Santa Messa di Suffragio e processione con preghiera al Cimitero delle Vittime adiacente alla Chiesa di San Leonardo Il rito sarà presieduto dall’Arcivescovo di Trento mons. Luigi Bressan  ore 12.15 – Stava – Chiesetta “La Palanca” Deposizione di un mazzo di fiori al monumento dono delle Popolazioni del Vajont  ore 12.45 – Stava – Centro di documentazione Inaugurazione mostra fotografica su “Memoria e rinascita”   GIOVEDÌ 29 LUGLIO 2010 ore 21.00 – Cavalese – Pieve di S. Maria Assunta Concerto corale-strumentale dedicato alle Vittime della Val di Stava Ensemble “Canticum Novum” di Moena Ensemble “Unterberger” della Scuola di musica “Il Pentagramma”   VENERDÌ 30 LUGLIO 2010 ore 21.00 – Rovereto – Campana dei Caduti – Colle di Miravalle Rappresentazione teatrale “Stava, 19 luglio 1985” testo di Luisa Pachera, a cura del GAD Città di Trento   Il Centro di documentazione a Stava è aperto al pubblico tutti i giorni dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18. Il 19 luglio il Centro è aperto dalle 13 alle 15.30 e dalle 18 alle 20. Il sentiero della memoria sul Monte Prestavèl richiede 2/3 ore di facile camminata. La guida è disponibile presso il Centro di documentazione e le APT della Valle.

Questo articolo è già stato letto 2539 volte!

Commenti

commenti

About PredazzoBlog.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi