Amico Sole, l’importanza della luce naturale nelle nostre case.

Da il 11 ottobre 2010

%name Amico Sole, limportanza della luce naturale nelle nostre case.

Le città sono sempre più inquinate e con un’altissima densità di costruzioni. Gli scarichi delle industrie e delle auto riducono la durata e l’intensità della luce del giorno fino al 50%, le nostre case si fanno sempre più ombra l’una con l’altra. Spesso anche una cattiva progettazione impedisce alla luce del sole di entrare all’interno di un edificio perché non tiene conto della corretta esposizione al sole, non prevede sufficienti aperture verso l’esterno, ignora la presenza di edifici o alberi troppo vicini, sottovaluta l’eccessiva sporgenza di tetti e balconi. Ecco che il nostro organismo si ammala e arriva anche il cattivo umore.

L’importanza della luce naturale – L’organismo umano, nel corso dei millenni, si è adattato alla Natura e ai suoi ritmi: in particolare, molte delle nostre funzioni vitali si sono adeguate alle caratteristiche della luce solare, alle sue variazioni d’intensità e di colori nell’arco della giornata, al “ciclo naturale” luce-buio. Il nostro corpo è in grado di percepire e reagire all’energia trasportata da tutte le radiazioni solari, “visibili” (luminose) e “non visibili” (ultraviolette e infrarosse). Così, sotto forma di raggi ultravioletti, la radiazione solare regola la produzione ormonale e stimola la formazione di vitamina D3, importante per la crescita delle cellule e delle ossa; sotto forma di infrarossi, rafforza il sistema immunitario, influenza la circolazione del sangue e il metabolismo; sotto forma di raggi luminosi, infine, sincronizza il nostro orologio biologico con quello solare adeguando in questo modo i ritmi dell’organismo a quelli della Natura, in particolare al ciclo giorno-notte. Molte delle nostre attività fisiologiche funzionano ritmicamente, con alti e bassi nell’arco delle 24 ore: come il ritmo sonno-veglia, la secrezione di ormoni, la temperatura corporea, la pressione arteriosa, la moltiplicazione delle cellule. In particolare, il ritmo naturale buio-luce regola il sonno e la veglia: al buio viene prodotta la melatonina, l’ormone sonnifero che favorisce il sonno.

Vivere in ambienti poco luminosi può causare perciò una serie di patologie più o meno gravi. E può renderci anche di cattivo umore. Infatti, anche il nostro umore si altera in funzione della quantità di luce a cui siamo esposti: la luce naturale, sia diretta che riflessa, stimola la produzione di serotonina, il neuro-trasmettitore la cui carenza determina proprio la depressione.

%name Amico Sole, limportanza della luce naturale nelle nostre case.Questo spiega perché il buonumore esploda nei mesi estivi più luminosi e perché diminuisca quanto più ci allontaniamo dall’equatore. Infatti, sono proprio i paesi del Nord meno esposti al sole – come la Finlandia – ad avere il triste primato di suicidi e di alcolizzati. La Sindrome Depressiva Stagionale, o SAD, è una patologia legata al clima e ricorre soprattutto in autunno e inverno; ma colpisce anche quelli che vivono per la gran parte della giornata in ambienti poco luminosi o illuminati artificialmente.

Ciononostante oggi trascorriamo, a volte senza possibilità di scelta, il 90% della nostra vita al chiuso, in spazi spesso o sempre ‘all’ombra’.

Mente, corpo e spazio: amici inseparabili – “Ogni condizione psichica è contemporaneamente una condizione fisica, e viceversa. Qualsiasi nostro stato d’animo e qualsiasi aspetto della nostra vita sono correlati: così, ad esempio, quando siamo depressi o malinconici, tendiamo a stare in ‘penombra’, ad isolarci dallo spazio esterno; allo stesso modo, uno spazio privo di finestre o in ‘ombra’, ci porta alla depressione e all’isolamento”, dice Jader Tolja, medico, psicoterapeuta e docente di Body Conscious Design.

Per dimostrare la relazione tra lo spazio in cui viviamo e la nostra condizione psico-fisica, il Dott. Tolja ha condotto alcuniesperimenti sui suoi studenti: li ha sottoposti a particolari esercizi allo scopo di riprodurre in loro precise condizioni psico-fisiche, poi ha chiesto loro di disegnare una stanza. Ricorrendo ad esercizi cosiddetti ‘di anatomia esperienziale’ che utilizzano il tatto, il movimento o il respiro, ha sviluppato una condizione sensoriale: un viaggio all’interno del corpo al fine di percepire e prendere coscienza di ogni componente anatomica.

%name Amico Sole, limportanza della luce naturale nelle nostre case.Al contrario, facendo sviluppare ad esempio calcoli matematici, ha attivato una condizione razionale. “L’essere umano è organizzato per pensare e per interagire con l’ambiente con tutto il corpo: non solo con la parte corticale del cervello che presiede alle funzioni razionali, ma anche con gli organi, i tessuti, le ossa, la pelle, i muscoli, il respiro, la voce…” sottolinea Tolja.

“La percezione degli organi interni cambia concretamente il nostro rapporto con lo spazio: questa condizione è naturale, ma purtroppo si sta perdendo sempre più. Diciamo che la si riconosce nei bebè, nelle donne gravide, negli animali, nelle culture mediterranee e africane”.

Trovandosi in queste diverse condizioni psico-fisiche, cosa disegnano gli studenti?

“Dopo un esercizio finalizzato in particolare alla percezione delle viscere, disegnano finestre più grandi, ne aprono molte soprattutto sui lati e spesso disegnano anche quello che c’è fuori dalle finestre: fanno disegni più luminosi, addirittura disegnano i raggi di luce. Questo perché si attiva il Sistema Nervoso Parasimpatico, gli organi si rilassano, il livello di serotonina aumenta e con essa aumenta la sensazione di benessere. Quando le viscere sono aperte, anche la visione si apre e diventa più luminosa, lo spazio diventa più denso e più abitato: c’è un senso di appartenenza al mondo esterno, siamo aperti alle relazioni con gli altri.

Quando, dopo calcoli matematici, si trovano, invece, in una condizione razionale, restringono l’apertura delle finestre: si attiva il Sistema Nervoso Corticale che ha a che fare più con la ragione che con l’esperienza sensoriale. In questa condizione l’organismo si trova in uno stato di contrazione e isolamento. Il primo caso, portato all’estremo – conclude Tolja – produrrebbe una casa di vetro, il secondo un bunker”.

In sintesi, se cambia la nostra condizione psico-fisica cambia anche lo spazio intorno a noi. Allo stesso modo, se interveniamo sullo spazio può cambiare quel momento psico-fisico.

Lo spazio ideale è dato dall’alternanza tra luce e buio – Gli esperimenti descritti dal Dott. Tolja possono essere tradotti anche in questo modo: più finestre su più lati attivano una condizione di tipo viscerale, è stimolata la produzione di serotonina, si crea una condizione antidepressiva. Al contrario, spazi poco luminosi portano ad uno stato di chiusura e depressione.

%name Amico Sole, limportanza della luce naturale nelle nostre case.Buio e luce sono inseparabili, ci insegna la Natura: per questo vanno interpretati come complementari e non come opposti. Il nostro benessere psico-fisico richiede una perfetta armonia ed equilibrio tra i due elementi. Così come avviene in Natura, l’uno non deve risultare eccessivo rispetto all’altro. La luce all’interno di un edificio deve avvicinarsi il più possibile, in quanto a ritmo, intensità e qualità, a quella esterna: bisogna vivere il decorso della luce del giorno, soprattutto nelle stanze più importanti.

L’architettura moderna produce spesso bunker o case di vetro. Spazi troppo luminosi causano stress, spazi troppo poco luminosi o illuminati artificialmente provocano, invece, una perdita della sincronizzazione con la Natura che viene pagata in termini di malattie e disagi psicologici.

di Anna Rita Signore

Esistono modi di utilizzo della luce solare che spesso non immaginiamo. In questo filmato ne possiamo vedere uno davvero economico. Basta una bottiglia di plastica e un po’ d’acqua per ottenere una “lampada” a luce solare. In questo caso con questo metodo è stato possibile illuminare un garage, ma è ovvio che anche qualsiasi altro ambiente, se predisposto, potrebbe essere illuminato nelle ore diurne con metodi simili.

In un altro articolo e anche in questo avevo accennato al fatto che le case sono progettate e utilizzate in maniera che non prevede lo sfruttamento della naturale luce diurna con ambienti che restano sempre bui e in cui quindi è spesso necessario accendere la luce anche di giorno. Per una vera abitazione moderna non bastano quindipannelli solariturbine eoliche montate sul tetto o nel giardino, ma occorre prevedere anche gli sprechi inutili dovuti allo scarso sfruttamento della luce naturale. I progettisti ne tengano conto quando devono realizzare nuove abitazioni.

Buona visione del filmato.

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=yktA8YDHezw]

Questo articolo è già stato letto 3666 volte!

Commenti

commenti

About PredazzoBlog.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi