Coronavirus, il modulo di autocertificazione per gli spostamenti

Da il 10 marzo 2020
DICHIARAZIONE VIAGGIO

Da questa mattina è attivo il nuovo decreto del governo per contenere e contrastare la diffusione del coronavirus, annunciato nella serata di ieri dal premier Giuseppe Conte: le misure restrittive, fino a ieri attive solo in Lombardia e in altre 14 province del Nord Italia, sono state ora ampliate all’intero Paese.

Da oggi gli spostamenti sull’intero territorio dovranno essere limitati, così come si legge nel dpcm pubblicato in Gazzetta Ufficiale: “Bisogna evitare ogni spostamento di persone fisiche in entrata e in uscita dai territori, nonché all’interno degli stessi territori, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative (non più indifferibili) o situazioni di necessità o per motivi di salute che vanno dimostrate (pena art 650 codice penale)”.

Come utilizzare l’autocertificazione per spostarsi sul territorio

Questo significa che da oggi in poi tutti gli spostamenti di ogni singolo cittadino, al di fuori del proprio comune di residenza o domicilio, dovranno essere motivati da esigenze lavorative o situazioni di necessità o per motivi di salute: motivi che dovranno essere inseriti all’interno di un’autocertificazione da portare con sé e mostrare in caso di controllo da parte delle autorità competenti. L’autocertificazione, come specificato nel Dpcm, è necessaria per qualunque tipo di spostamento, anche quotidiano, all’interno del territorio nazionale, al di fuori del proprio comune di residenza o domicilio: quindi anche in caso di spostamenti per lavoro quotidiani qualora la sede del proprio lavoro dovesse essere in un comune diverso da quello dove si vive sarà necessaria l’autocertificazione.

SCARICA IL MODULO DICHIARAZIONE DI VIAGGIO

Gli spostamenti nel proprio comune di residenza

Per quanto riguarda gli spostamenti invece nel proprio comune questi potranno avvenire senza autocertificazione ma sempre rispettando il criterio della stretta necessità: si potrà andare a fare la spesa, si potrà andare in farmacia o anche in altre attività commerciali che potranno rimanere aperte nei giorni feriali. Ovunque si dovrà rispettare la distanza di sicurezza tra una persona e un’altra di almeno un metro. Il gestore dell’attività dovrà garantire “un accesso ai predetti luoghi con modalità contingentate o comunque idonee a evitare assembramenti di persone, tenuto conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei locali aperti al pubblico, e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza di almeno un metro tra i visitatori”.

Come funziona per supermercati, farmacie e bar

Si potranno frequentare anche bar e ristoranti che potranno restare aperti dalle 6 alle 18: anche qui il gestore avrà l’obbligo di far rispettare la distanza i sicurezza interpersonale di almeno un metro. Discorso diverso invece nei weekend dove i negozi rimarranno chiusi (tranne farmacie e supermercati): “Nelle giornate festive e prefestive sono chiuse le medie e grandi strutture di vendita, nonché gli esercizi commerciali presenti all’interno dei centri commerciali e dei mercati. La chiusura non è disposta per farmacie, parafarmacie e punti vendita di generi alimentari, il cui gestore è chiamato a garantire comunque il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro, con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione”. Restano vietati gli assembramenti di persone, anche all’aperto, così come scuole e università rimangono chiuse fino al 3 aprile 2020.

Per chi violerà le norme

Sarà prevista una sanzione per inosservanza di un provvedimento di un’autorità, punita con l’arresto fino a tre mesi o un ammenda fino a 206 euro (articolo 650 del codice penale), oppure nei casi più gravi una sanzione per delitti colposi contro la salute pubblica, con pene da sei mesi a dodici anni.

DICHIARAZIONE VIAGGIO1 720x1024 Coronavirus, il modulo di autocertificazione per gli spostamenti

Ringraziamo il Comune di Predazzo per averci fornito il modulo aggiornato per l’autocertificazione di viaggio

polizia fassa Coronavirus, il modulo di autocertificazione per gli spostamenti

Si disinfetti il cellulare ancor prima delle mani

Attenzione, prevenzione e buonsenso sono le tre parole chiave per tentare di tener lontano il contagio da coronavirus. Ma purtroppo il problema è presente ovunque persino su quell’oggetto con  cui siamo in contatto perennemente, ossia lo smartphone, sul cui schermo il virus può resistere fino a 4 giorni. Lo afferma l’Oms: può succedere infatti che una persona torni a casa da fuori si lavi molto bene le mani, ma poi tocchi il cellulare e se le sporchi di nuovo, senza saperlo

Ecco perchè  è molto importante disinfettare il cellulare ancor prima delle mani: basta un fazzolettino imbevuto di alcool, una salviettina disinfettante, in casi estremi anche il gel battericida assoluto. Solo effettuando spesso questa operazione si potrà essere certi di aver “lavato via” eventuali virus e batteri.

coronavirus 3 aprile Coronavirus, il modulo di autocertificazione per gli spostamenti

fermiamo il virus Coronavirus, il modulo di autocertificazione per gli spostamenti

coronavirus spostamenti Coronavirus, il modulo di autocertificazione per gli spostamenti

coronavirus italia Coronavirus, il modulo di autocertificazione per gli spostamenti

coronavirus norme Coronavirus, il modulo di autocertificazione per gli spostamenti coronavirus norme1 Coronavirus, il modulo di autocertificazione per gli spostamenti coronavirus norme2 Coronavirus, il modulo di autocertificazione per gli spostamenti coronavirus norme3 Coronavirus, il modulo di autocertificazione per gli spostamenti coronavirus norme4 Coronavirus, il modulo di autocertificazione per gli spostamenti

coronavirus numeri emergenza italia Coronavirus, il modulo di autocertificazione per gli spostamenti

state a casa e andra tutto bene Coronavirus, il modulo di autocertificazione per gli spostamenti

Questo articolo è già stato letto 131328 volte!

Commenti

commenti

About PredazzoBlog.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi