Lettera di Alfredo Paluselli sul progetto La Sportiva Outdoor Paradise

Da il 12 luglio 2017
alfredo paluselli senior e junior

Questo articolo è già stato letto 54087 volte!

Mio nonno Alfredo Paluselli, dopo aver viaggiato per il mondo, vide in Passo Rolle tutta la bellezza possibile e a questo luogo dedicò la sua esistenza. Qui creò la prima scuola di sci delle Dolomiti, il primo skilift del Trentino e seguendo l’ispirazione creò uno dei luoghi di montagna più fotografati in assoluto: Baita Segantini.

Con badile e piccone realizzò anche un placido laghetto alpino, in modo da poter vedere la bellezza della sua Baita e del suo amato Cimon della Pala raddoppiati dal riflesso. Tutto questo non prima di aver adattato a strada carrozzabile, sempre a braccia e sudore, un vecchio camminamento risalente alla prima guerra mondiale che portava fin là. A Baita Segantini rimase in solitudine per trentacinque anni, nel contatto estremo con la natura, a volte terribile, a volte eccelsa. Superò in perfetta solitudine anche l’inverno del 1950/’51 quando a Baita Segantini caddero ventisette metri di neve. Rimase sempre fedele a Passo Rolle, fino alla morte.

baita segantini storica Lettera di Alfredo Paluselli sul progetto La Sportiva Outdoor Paradise

Oltre che un custode di questi luoghi fu sicuramente anche un pioniere. Questa parola, pioniere, racchiude un significato di innovazione, di visione diversa, di rottura con il passato. Come ogni volta che si propone qualcosa di innovativo e diverso anche ai suoi tempi non mancarono le forti critiche: “È un matto” dicevano alcuni. “Cosa pensa di fare? Qua è sempre stato così, perché vuole cambiare?” dicevano altri. È la natura umana, che avendo paura di ciò che non conosce, lo rinnega. Eppure lui continuò sulla sua strada e il risultato è che oggi Baita Segantini è una delle immagini dolomitiche più conosciute in assoluto e Passo Rolle è stato per decenni una località sciistica rinomata e frequentata.

capanna cervino storica Lettera di Alfredo Paluselli sul progetto La Sportiva Outdoor Paradise

Ho quarantuno anni, e fatta eccezione per l’anno del servizio militare, posso dire di aver vissuto e lavorato a Passo Rolle tutta la mia vita. Di questa località ho visto i momenti turisticamente migliori, quando per esempio a volte i carabinieri dovevano chiudere l’accesso perché la mobilità era compromessa dalle troppe macchine dei turisti. E ne ho visto il declino, con l’apparire del degrado, dell’abbandono, del disinteresse.

intervento pompieri sul tetto albergo passo rolle11 Lettera di Alfredo Paluselli sul progetto La Sportiva Outdoor Paradise

Ho visto le incomprensioni, i litigi, le invidie, gli indici puntati ad indicare le colpe, tra operatori, tra politici, tra Fiemme e Primiero… A volte ho avuto persino vergogna per come Passo Rolle si presentava. Ho vissuto lo smantellamento della seggiovia per la Segantini, la chiusura di Malga Fosse, dell’Hotel Rolle. Ho vissuto anche la chiusura della strada per settantadue giorni nell’inverno del 2013/’14. Fino ad arrivare alla chiusura degli impianti, l’inverno scorso.
Difficile lavorare in una situazione di incertezza così esasperante.

E dire che si tratterebbe di un posto così bello, su questo siamo d’accordo tutti.

passo rolle strada chiusa valanga Lettera di Alfredo Paluselli sul progetto La Sportiva Outdoor Paradise

In questo clima di decadenza e inefficienza una recente proposta di una nota azienda locale mi ha donato un bagliore di nuova energia, di rottura con il passato, mi ha fatto sentire quel senso di rinascita di cui tanto questo posto ha bisogno. Una sera a Malga Rolle, mentre ascoltavo la proposta de La Sportiva, sentivo un senso di soddisfazione per non essermene andato, per aver resistito, nonostante tutto. Quello che La Sportiva stava proponendo a noi operatori era dirompente, innovativo, qualcosa che guardava al futuro e non al passato, qualcosa basato su due semplici fattori: le emozioni, vero motore del turismo di oggi, e la natura magnifica di Passo Rolle.

epic ski tour la sportiva Lettera di Alfredo Paluselli sul progetto La Sportiva Outdoor Paradise

Un’impresa con sede a Ziano di Fiemme, guarda caso proprio il paese di mio nonno, stava facendo una proposta in controtendenza: in una montagna dove tutti cercano di creare nuovi impianti, nell’idea de La Sportiva si parlava di togliere le seggiovie per puntare tutto sulla natura incontaminata.

Durante quella presentazione mi sono sentito come deve essersi sentito mio nonno nel 1931 quando si lasciava affascinare per le prime volte dall’idea di creare nuovi impianti sciistici. Ora nel 2017 innovare a Passo Rolle significa togliere quegli impianti. Almeno quelli non più economicamente sostenibili, appesantiti dai debiti e con una stagione di chiusura totale alle spalle; impianti che difficilmente avrebbero potuto risollevarsi, collegamento o meno. Certo, mai dire mai, ma la realtà è che l’inverno scorso quegli impianti erano chiusi.

la sportiva outdoor paradise passo rolle 1024x770 Lettera di Alfredo Paluselli sul progetto La Sportiva Outdoor Paradise

Il turismo invernale è cambiato molto, sarebbe miope non notarlo. Sarebbe da stolti far finta di non vedere tutti quei turisti invernali che non sciano ma scelgono comunque le nostre montagne per le loro vacanze e sono alla caccia di attività alternative, di esperienze. E non è soltanto questione di sensazioni. Al giorno d’oggi ci sono le statistiche e i sondaggi a dirci che le abitudini dei turisti si stanno evolvendo.

la sportiva outdoor paradise passo rolle location predazzoblog 11 1024x770 Lettera di Alfredo Paluselli sul progetto La Sportiva Outdoor Paradise

Scrivo questa lunga lettera perché nonostante la grande approvazione generale, l’idea de La Sportiva ha suscitato anche alcuni pareri ostili, e le discussioni sui social network tra favorevoli e contrari si sono moltiplicate. L’idea a mio avviso non è stata compresa fino in fondo, si sono diffuse voci che parlavano di lusso, di mega resort, di un progetto per pochi che escludeva le persone non ricche e via dicendo. Voci che spesso erano fondate sul nulla ma che alimentavano lunghe discussioni fuorvianti.

impianti paradiso rolle 1024x579 Lettera di Alfredo Paluselli sul progetto La Sportiva Outdoor Paradise

Basti dire che anche se venissero create alcune strutture di alto livello ciò non andrebbe a levare l’offerta più economica già oggi presente sul passo. Basti dire che la montagna resterebbe libera ma che tutti potrebbero usufruire di una migliore segnaletica e di una sistemazione generale dell’area con criteri assolutamente ecologici. Certo, non si potrebbe più fare sci alpino sulla pista Paradiso, ma si guadagnerebbero altre possibilità, diversificate, e vorrei ricordare ancora una volta che l’anno scorso quell’impianto è stato chiuso per tutta la stagione e che non mi pare di vedere all’orizzonte grosse possibilità su questo fronte. Sulle piste Rolle, Castellazzo e Cimon si potrebbe continuare a sciare e da quanto dichiarato finora dai politici di competenza l’idea de La Sportiva non andrebbe ad interferire con il progetto degli impianti di collegamento con San Martino di Castrozza.

la sportiva outdoor paradise passo rolle mappa 1024x461 Lettera di Alfredo Paluselli sul progetto La Sportiva Outdoor Paradise

Perché non provare quindi a lasciarsi affascinare da prospettive nuove? Perché non cercare di uscire dalla stagnazione tramite l’innovazione? Perché non capire la possibilità di allungamento delle stagioni o i vantaggi di avere una proposta che può funzionare anche in assenza di neve? Perché non farsi sedurre dall’idea di una zona con un’offerta turistica integrata e diversificata, unica in Italia, che porterebbe nuove tipologie di turisti?

la sportiva outdoor paradise passo rolle location cimon 11 1024x471 Lettera di Alfredo Paluselli sul progetto La Sportiva Outdoor Paradise

Cambiare richiede impegno lo sappiamo. Richiede un ripensamento di abitudini e di metodi. Ma a pensare sempre nello stesso modo si va sempre nella stessa direzione, e abbiamo visto bene che direzione ha preso Passo Rolle negli ultimi anni. Se guardiamo indietro ci accorgiamo che sono state proprio le idee dirompenti e innovative a funzionare a Passo Rolle, un tempo. Ora quei tempi sono passati e c’è bisogno di nuove idee. Queste idee sono arrivate e non provare a capirle sarebbe come guardare il treno partire e passare, senza salirci. Un’azienda privata che investe lo fa per un qualche ritorno, è ovvio, ma se saremo aperti e pronti ad accogliere il cambiamento le opportunità saranno per tutti, anche per le località vicine che potranno proporre ai propri clienti qualcosa di alternativo allo sci.

corvo rolle Lettera di Alfredo Paluselli sul progetto La Sportiva Outdoor Paradise

Cerchiamo di essere lungimiranti come lo sono stati i pionieri che ci hanno preceduto.

Se invece saremo chiusi e ancorati ai soliti sistemi, se continueremo a piagnucolare senza avere il coraggio di cambiare, cosa ci resterà quando avremo finito il fiato?

Alfredo Paluselli

alfredo paluselli senior e junior Lettera di Alfredo Paluselli sul progetto La Sportiva Outdoor Paradise

Commenti

commenti

About PredazzoBlog.it

2 Commenti

  1. andrea bianchi

    12 luglio 2017 at 20:33

    Bene Paluselli, bene La Sportiva. Forse sono il meno indicato a commentare questa iniziativa (sono di Milano, ma da più di 30 anni ho la casa a Predazzo) e Passo Rolle l’ho “sfruttato” anch’io una domenica estiva del 2006; in particolare ho creato la rievocazione storica utilizzando le trincee poste a ridosso della pista da sci della Tognazza. Ho avuto come spettatori in una giornata 2 mila persone (poca cosa rispetto ai numeri che un buon manager di marketing è abituato a trattare), ma l’importante era crederci, a dispetto pure delle critiche negative, accolte dal sottoscritto sempre come costruttive. Ho visto però che con quel piccolo evento, la risposta della gente è stata sorprendentemente tanta ….
    Ecco: in un progetto manageriale con investimento di denaro da parte di imprenditori privati (sono curioso di sapere che idee hanno), è ovvio che ci saranno argomenti su cui confrontarsi, sentire i vari “enti portatori di interessi particolari”, mediare affinché si trovi sempre un punto d’incontro per raggiungere l’obiettivo comune: rilanciare veramente passo Rolle,una perla incastonata fra le Dolomiti, ricca di Storia e natura.Se c’è questo comune sentimento, anche la burocrazia sarà snella e “lieve”.
    Buon lavoro a tutti e a presto sul Rolle!
    A. Bianchi, Milano.

  2. Daniela Millefiorini

    13 luglio 2017 at 00:52

    Ho avuto la fortuna di conoscere suo nonno. Ero una ragazzina ma mi incantò il suo sguardo ed il suo modo di fare. Credo che questo progetto sarebbe piaciuto a suo nonno che era “avanti” a tutti gli altri. Le faccio i miei più cari auguri e spero di poter tornare ancora alla Baita Segantini.

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi