L’Unione Europea finanzia l’aborto nel mondo

Da il 12 aprile 2012

%name LUnione Europea finanzia laborto nel mondodi Giovanna Arcuri  - Dal 2010 ha preso il via un programma che finanzierà un’agenzia per la popolazione che sostiene il progetto Acces RH. L’obiettivo è quello di agevolare in tutto il mondo l’accesso alla contraccezione e all’aborto. L’Unione Europea eroga il 56% dei fondi nel mondo che finanziano l’interruzione di gravidanza in tutte le sue forme ed è la stessa che ha chiesto a noi tramite il prof. Monti lacrime e sangue in termini economici.

Dal 2010 presso le principali istituzioni europee è stato istituito l’European Dignity Watch, un osservatorio permanente che monitora le attività degli organismi afferenti all’Unione Europea in tema di vita, famiglia e diritti civili.

Il 27 marzo scorso in occasione della Settimana europea della vita promossa dalla Commissione degli Episcopati della Comunità Europea e svoltasi presso il Parlamento Europeo a Bruxelles, Sophia Kuby, la direttrice esecutiva dell’European Dignity Watch, ha reso noto che l’Unione Europea finanzierà sino al 2013 l’United Nations Population Fund (Unfpa), l’agenzia per la popolazione dell’ONU, con ben 24 milioni di euro. Questi soldi serviranno per sostenere il progetto Access RH il quale prevede di agevolare sempre più in tutto il mondo l’accesso a contraccezione e aborto. Più in particolare la cifra stanziata servirà per distribuire a pioggia pillole del giorno dopo e kit abortivi.

Il progetto Access RH in realtà rientra in una strategia di più ampio respiro 
del valore di 280 milioni di euro prevista per il periodo 2011-2013 che andrà a foraggiare nei paesi in via di sviluppo programmi di miglioramento della cosiddetta “salute sessuale e riproduttiva”, cioè contraccezione e aborto.

Con questi fondi l’International Planned Parenthood Federation (IPPF) e la Marie Stopes International – due delle principali organizzazioni abortive nel mondo – hanno promosso programmi abortivi in Bangladesh, Cambogia, Indonesia, Kenya, Sudafrica, Papua Nuova Guinea, Bolivia, Guatemala, Perù. In alcuni paesi quali Bangladesh, Indonesia e in taluni Paesi sudamericani i progetti hanno ricevuto il benestare dei governi nazionali, nonostante in questi Stati l’aborto sia reato, con un semplice stratagemma linguistico: hanno cambiato la parola “aborto” con l’espressione “regolazione mestruale”. Dato che una gravidanza interrompe il ciclo mestruale, l’aborto rimette tutto a posto. Il ragionamento non fa una piega.

Il rapporto dell’European Dignity Watch conclude con due osservazioni.
 L’Unione Europea è l’ente al mondo che dona più fondi per politiche abortive, antinataliste e contro la famiglia. La UE eroga il 56% di tutti i finanziamenti che esistono per progetti di questo tipo. La seconda osservazione è invece un invito alla Commissione Europea affinchè usi questi soldi per garantire “cibo, acqua potabile, salute e istruzione ai bambini in difficoltà, piuttosto che per ridurre il loro numero”.

Noi invece facciamo una chiosa più nostrana, molto più banale e casereccia, tanto banale e casereccia che potrebbe essere spesa al bar dello sport. 
Questa Unione Europea che ha già nel cassetto quasi 300 milioni di euro per programmi abortivi è la stessa che ha chiesto a noi tramite il prof. Monti lacrime e sangue in termini economici. Da qui due considerazioni: che autorità morale sopravvive in quel di Bruxelles affinchè i cittadini europei obbediscano ancora ai diktat di questa istituzione? L’autorità che non tutela il bene comune scade nell’autoritarismo. Secondo appunto: mettendo da parte considerazioni etiche, ma soffermandoci solo su questioni di mera opportunità, ci viene da dire che priorità e urgenza esigerebbero che quei soldi spesi per diffondere nel mondo il credo abortista siano utilizzati invece per salvare le economie in crisi di alcuni paesi europei. Ne siamo consapevoli: solo sono opinioni da bar dello sport e, si sa, chi manovra le leve del potere in Europa non frequenta simili postacci. Ha altro a cui pensare.  di Giovanna Arcuri 11-04-2012 labussolaquotidiana.it

9 mesi Il Miracolo della Vita – Concepimento persona umana – La Bellezza di un progetto

Le parole usate vogliono tener conto delle differenti posizioni, ma guardando la realtà del Concepimento non si può che rimaner stupiti di fronte alla Bellezza di una persona umana che si sviluppa .. il Caso non esiste .. il progetto che della vita umana che cresce, ora dopo ora è qualcosa di meraviglioso e se il DNA della prima cellula fecondata è lo stesso che si ritrova nella persona adulta icon wink LUnione Europea finanzia laborto nel mondo siamo in presenza del medesimo soggetto!

Accurata animazione (3d) dello sviluppo del feto umano nei nove mesi…

 

Questo articolo è già stato letto 1882 volte!

Commenti

commenti

About PredazzoBlog.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi