Melaverde in Val di Fiemme sente profumo di Speck. Su Rete Quattro, domenica 20 dicembre, alle 12.10.

Da il 21 novembre 2009

melaverde rete 4 Melaverde in Val di Fiemme sente profumo di Speck. Su Rete Quattro, domenica 20 dicembre, alle 12.10.DAIANO – Le telecamere di Melaverde sono tornate in Val di Fiemme per due interi giorni alla scoperta di nuove specialità gastronomiche, come i salumi del Maso dello Speck di Claudio Braito a Daiano. La puntata andrà in onda su Rete Quattro, domenica 20 dicembre, alle 12.10.  La trasmissione, nota al grande pubblico, ha un audience di oltre 2 milioni e 400 mila spettatori. Lo share ha superato punti del 20 per cento. Cifre astronomiche per Rete Quattro e da primato a livello assoluto. edoardo raspelli melaverde Melaverde in Val di Fiemme sente profumo di Speck. Su Rete Quattro, domenica 20 dicembre, alle 12.10.Il famoso giornalista Edoardo Raspelli si è soffermato sulla produzione dei salumi del Maso, incontrando chef e allevatori. Fra il taglio della carne, l’affumicatura e la degustazione nel ristorante del maso, il conduttore si è divertito a sfoderare la sua ironia girando scene particolarmente divertenti.

 “Mi ha emozionato questa attività così diversificata – ha confidato il critico enogastronomico -. Non ho incontrato solo clienti che acquistavano salumi ma anche persone che acquistavano insalata e patate o che degustavano i prodotti nel ristorante del maso”. Con entusiasmo, Raspelli ha decantato la qualità dei prodotti assaggiati a Daiano. “Ho apprezzato molto lo speck, ma ciò che mi ha veramente sorpreso è l’eccellente qualità dello speck cotto, della pancetta, della coppa, del cotechino. Il lardo e il guanciale sono poco salati e veramente squisiti. Mi ha commosso riconoscere la scorza di limone in un piccolo wurstel. Inoltre, gustare queste leccornie in un angolo di paradiso come questo è ancora più appagante. Mi auguro che resti intatto e che questa gente possa portare avanti sempre questa meravigliosa tradizione di ospitalità e gastronomia”.La trasmissione divulgherà le immagini dei lariceti e dei pascoli dell’altopiano delle Ganzaie a Daiano e i panorami dolomitici del Passo Lavazé, dove è stato mostrato l’utilizzo del cavallo norico, prezioso compagno dei boscaioli.

Sono stati due giorni piuttosto movimentati anche per gli inquilini a quattro zampe del Maso dello Speck che, per seguire il copione dell’autore di Melaverde, Luca Liberati, si sono spostati a favore di luce e hanno pranzato più volte. Con simpatia, Raspelli ha familiarizzato con trenta cavalli norici e da sella, quattro asini, quattro pony, sessanta mucche  e quaranta maiali di razza Duroc.

I due giorni di riprese hanno impegnato una troupe di otto persone guidata dal regista Michele Zito. L’Apt della Val di Fiemme ha collaborato all’organizzazione della puntata.

 Ufficio stampa APT Fiemme

Questo articolo è già stato letto 3010 volte!

Commenti

commenti

About mauro morandini

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi