Negozi aperti la domenica. Ma chi lo ha detto che è un affare?

Da il 15 dicembre 2012

Questo articolo è già stato letto 2111 volte!

Liberiamo la domenica, la campagna della Confesercenti e della Cei.  Cresce l’ostilità alle aperture indiscriminate degli esercizi commerciali.  Firma per cambiare la legge (vai in fondo all’articolo)

Ma chi l’ha detto che è un affare?

Con lo slogan “Libera la domenica” (il sito Internet è www.liberaladomenica.it), è dunque partita una iniziativa che vuole fare da “rete” delle varie proteste e agitazioni che in questi mesi si sono succedute lungo lo Stivale. E che continua a ricevere adesioni sia dal mondo cattolico, tra gli altri anche dalla Comunità di Sant’Egidio e dal ministro Andrea Riccardi, sia dalle altre confessioni religiose, prima fra tutte la comunità ebraica.
«Si è dimostrato», aggiunge Mauro Bussoni, vicedirettore generale di Confesercenti, «che da quando è stato approvato il decreto Salva Italia che ha liberalizzato gli orari dei negozi non c’è stato alcun incentivo al consumo, anzi. Le piccole e medie imprese, al contrario, stanno soffrendo ancora di più e molte hanno chiuso o rischiano la chiusura». Secondo i dati di Confesercenti, negli ultimi anni hanno chiuso 100 mila imprese e altre 81 mila potrebbero aggiungersi nei prossimi cinque anni. «Rischiamo la desertificazione dei nostri quartieri con l’aumento dell’insicurezza e con lo sgretolamento del tessuto sociale», aggiunge Bussoni. «Sine dominico non possumus», ricordava Benedetto XVI già al convegno ecclesiale di Verona del 2005. Che significa, conclude monsignor Bregantini, che «senza la domenica ci mancherebbero le forze per affrontare le difficoltà quotidiane e non soccombere».   Annachiara Valle

Tiziana, la commessa che ha detto basta

tiziana 2895448 Negozi aperti la domenica. Ma chi lo ha detto che è un affare? In negozio tutte le sante domeniche dell’anno? Dopo che, per tutta la settimana, una è uscita di casa alle otto del mattino per rientrarvi alle otto di sera? No, grazie: è troppo. E a luglio ha smesso di lavorare. Per riprendere a vivere. Metà dei suoi 42 anni, Tiziana D’Andreatrevigiana, figlia di commercianti, li ha trascorsi dietro un bancone o una cassa, da commessa. Nel settore, non s’è fatta mancare nulla, lavorando sia in un grande centro commerciale che in un call center. Ultimamente era assunta in una boutique del centro, a Treviso.

«Poi è arrivato il decreto Salva Italia», spiega, «che in nome della liberalizzazione stabilisce l’apertura degli esercizi commerciali 24 ore su 24, sette giorni su sette, e ho detto basta: scelgo di stare con mio figlio, che oggi ha 14 anni, e con mio marito. Battendomi contro le domeniche lavorate, che distruggono la famiglia». Non le importa molto se con uno stipendio in meno in casa, s’è stretta la cinghia: «Abbiamo messo in pratica la cosiddetta decrescita felice: meno consumi, più relazioni. Al posto dell’ultimo modello di cellulare, mi prendo più tempo per stare assieme ai miei».

L’ex commessa in pochi mesi è diventata, senza volerlo, la leader veneta della protesta contro le domeniche lavorate. «Se, come capita a me, hai un marito anch’egli costretto a lavorare di domenica, non hai più vita familiare. E non basta certo il giorno di riposo compensativo, che spesso resta un diritto solo sulla carta, specie se si è dipendenti di piccole attività commerciali: che te ne fai, infatti, del lunedì mattina quando i tuoi figli sono a scuola e il marito in ufficio? La domenica è da sempre l’unico giorno in cui possiamo dedicarci ai nostri affetti e al riposo. Con la liberalizzazione che ne resta del valore civile della festa? Che importanza diamo al nostro essere genitori?».

festa 2895466 Negozi aperti la domenica. Ma chi lo ha detto che è un affare? Grazie a Internet, Tiziana ha scoperto che erano in molti a pensarla come lei. E non solo tra dipendenti e commesse, ma anche tra gli stessi titolari di negozi ed esercizi pubblici. È entrata nel gruppo Facebook Domenica NO grazie, fondato in Toscana, e ha aperto quello veneto, che oggi conta 550 aderenti. «Qualcuno, solo per essersi iscritto, rischia ritorsioni o addirittura il posto. Ed è costretto a mantenere l’anonimato». Tiziana tira dritto e mette davanti la sua di faccia, tanto adesso non ha padroni a cui rispondere ed è «mamma a tempo pieno», come indica nel suo profilo Facebook. «Questa battaglia, che vede per la prima volta protagoniste le commesse, categoria ritenuta da sempre poco incline a scendere in piazza, è completamente autogestita, nata fuori dalle sedi di partito o del sindacato che, peraltro, non scommetteva nulla su di noi». Solo la Chiesa appoggia le rivendicazioni dei movimenti spontanei sorti contro le liberalizzazioni selvagge, ma senza imporre etichette confessionali alle manifestazioni, come quella svoltasi il 7 ottobre scorso a Treviso.

Due sono le “bugie” su questo tema che disturbano Tiziana D’Andrea: l’affermazione che le domeniche aperte aiutino l’economia a risollevarsi, contribuendo a creare posti di lavoro, e che il non stop dei negozi sia una realtà ormai accettata e praticata in tutt’Europa. «Non lo dico io, ma i dati presentati da Confesercenti e Regione Veneto: le vendite della domenica non alzano i fatturati perché non si compera di più. La crisi ha decretato la fine dei cosiddetti acquisti emozionali: non ce li possiamo più permettere. Nuovi occupati? Pare proprio di no. Quello che aumenta è la precarizzazione del lavoro e il “nero”. Rispetto all’Europa, poi, sono molti i Paesi che rispettano la chiusura domenicale. Nella stessa Germania, ad esempio, le domeniche aperte sono solo una manciata, dieci, in tutto l’anno. E mentre sul tema c’è chi sta facendo marcia indietro, l’Italia si scopre liberalizzatrice a oltranza».

Da quando non lavora più, mamma Tiziana ha dovuto tagliare su ristoranti e abiti, ma ha ripreso a fare volontariato e riesce ad andare ai colloqui con gli insegnanti del figlio. Potrà perfino dedicarsi nuovamente a una sua vecchia, trascurata passione: la corsa. «Mi piace troppo la maratona», afferma sorridendo. E, come si sa, le maratone si disputano di domenica.    Alberto Laggia

Se festa e riposo sono parole diverse

commesse radio venetouno 2895475 Negozi aperti la domenica. Ma chi lo ha detto che è un affare? Il giorno della festa è sacrosanto anche per gli economisti. Ce lo spiega Stefano Zamagni,  pioniere degli studi sul terzo Settore e massimo studioso in Italia di economia sociale.«Festa e riposo sono due parole diverse. Fino a trent’ anni fa coincidevano. La domenica in famiglia era fuori discussione anche per i datori di lavoro, non solo per motivi umanitari ma anche per motivi funzionali: l’operaio, per ripartire, aveva bisogno di una pausa per rinvigorirsi e coltivare i suoi affetti». Ma da trent’anni a questa parte, ovvero dall’inizio della globalizzazione, festa e riposo sono diventati due parole diverse. «Il riposo è generalmente accettato persino dalle multinazionali, sempre per gli stessi motivi funzionalistici: il commesso, l’impiegato, l’operaio devono riposarsi.

La festa, invece, per via delle grandi immigrazioni e del melting pot di etnie non sempre coincide: per il musulmano è il venerdì, per il cattolico è la domenica». Zamagni è convinto che i due concetti debbano ritornare a sovrapporsi: «La ragione è semplice: fermarsi tutti quanti insieme è garanzia di unità familiare, e quindi di felicità. Ma per essere uniti, si ha bisogno di tempo. Se un padre segue turni di riposo diversi dalla madre, i figli non vedranno mai contemporaneamente i genitori. La casa non è mai piena, è come un albergo, non sono possibili nemmeno le feste di compleanno. Quello della famiglia non è solo un sacrosanto diritto, ma anche un bene relazionale economicamente funzionale. La festa-riposo dunque è il mezzo con cui l’unità familiare viene esaltata, la grande opportunità per generare felicità. Per non parlare della dimensione spirituale della domenica. Abolire la festa è l’espressione di chi ha una visione puramente materialistica della vita e della società. E tra l’altro nessuno è mai riuscito a dimostrare che tenendo aperto la domenica aumentano i consumi e i fatturati».  Francesco Anfossi

«E nostra figlia cresce senza di noi»

libro bianco 2895457 Negozi aperti la domenica. Ma chi lo ha detto che è un affare? «Se è vero che l’unico valore rimasto sia la famiglia, non vedo perché a noi venga imposto di lavorare la domenica. Quando allora potremmo goderci i nostri cari?». I proprietari della gioielleria Simmi, a Roma, sanno qual è il vero tesoro da curare.Lo scrivono, con parole semplici, nel librone che sta girando per le strade della capitale a raccogliere testimonianze e storie. Al primo volume se ne sono subito sommati un altro e, in questi giorni, un terzo, per un totale di oltre 750 commenti.

«Ogni giorno si aggiunge qualcuno che vuole raccontare la sua storia o anche solo mettere per iscritto un pensiero da condividere», dice Mina Giannandrea, presidente di Federstrade, che sta curando la raccolta. «L’idea mi è venuta confrontandomi con i nostri associati, con altri commercianti, con i dipendenti. Abbiamo pensato che fosse un modo per ricordare che, prima di tutto, siamo persone. Io sono moglie, madre, nonna. È anche per questo che la battaglia in difesa delle festività mi sta particolarmente a cuore».

Lo si sente anche dall’emozione che traspira in ogni parola. E, mentre cammina per il bel negozio di abbigliamento, continuano ad arrivare le telefonate di chi sa di avere in lei un punto di riferimento. «Basta sfogliare queste pagine», dice mostrando uno dei tre volumi, «per capire che è arrivato il momento di riprenderci i nostri tempi. I nostri esercizi commerciali non sono indeboliti solo dalla crisi economica, ma anche dai ritmi di lavoro imposti dalle liberalizzazioni». Lo sa bene un commerciante di via Frattina, nel centro di Roma, che ha dovuto chiudere il negozio “per inventario” pur di poter partecipare alla Prima Comunione della figlia. O la proprietaria di un negozio di abbigliamento che confida: «Ho due gemelli e ogni volta che devo lasciarli in giorno di festa mi prende il magone. Mi sto perdendo i loro anni migliori».

«Anche noi abbiamo una famiglia e dei bambini», aggiunge un commerciante di via Grimaldi, mentre un’altra coppia si chiede come fare con la propria figlia di 12 anni. «Negli ultimi cinque anni», scrivono, «dovendo “seguire” gli orari delle aperture domenicali, ci è stato letteralmente impossibile seguire la nostra terza figlia. Sta crescendo senza di noi». E a quanti insistono per l’apertura domenicale rispondono: «Chi decide di lavorare la domenica è colui che di solito la domenica va a spasso con la propria famiglia mentre gli altri lavorano. Ma anche noi abbiamo diritto di avere un giorno di riposo, di goderci i nostri figli, di pensare ai nostri anziani». Annachiara Valle

Tieni il tempo, riti e cerimonie nella storia, fino ad oggi 

Serrande su, così all’estero   (fonte Famiglia Cristiana)

home Negozi aperti la domenica. Ma chi lo ha detto che è un affare?


Commenti

commenti

About PredazzoBlog.it

Un Commento

  1. maura

    10 aprile 2016 at 08:42

    Non trovo giusto le aperture dei negozi la domenica, potrebbe essere facoltativo, ma non obbligatorio

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi