Predazzo, assenze per malattia: due giorni all’anno senza certificato

Da il 29 marzo 2013

municipio di predazzo predazzoblog Predazzo, assenze per malattia: due giorni all’anno senza certificatoLa giunta di Predazzo cambia le modalità di gestione delle assenze per malattia dei dipendenti comunali. I sindacati non ci stanno e invocano un ritiro immediato della circolare, minacciando di agire per altre vie. Il sindaco Maria Bosin, però, non vuole fare marcia indietro e sostiene : «É ora di dire basta a certi privilegi». E afferma che come lei sembra pensarla la gran parte del personale.

Il contratto del comparto autonomie locali prevede che le assenze per malattia fino a due giorni consecutivi non vadano certificate (la legge nazionale è differente, ma non è applicabile agli enti locali). A febbraio la giunta ha disposto che la possibilità di non presentare il certificato medico fosse usufruibile dai dipendenti solo fino al massimo di due giorni d’assenza in un anno, dopodiché diventa obbligatorio giustificare anche un solo giorno a casa.

La risposta dei sindacati è subito arrivata: «Nella circolare appare di tutta evidenza un’interpretazione alquanto arbitraria e restrittiva della norma citata», scrive Agnese Forti della Funzione Pubblica Cgil. La norma in questione (definita anacronistica nella comunicazione ai dipendenti) dice che «in caso di ripetute malattie non certificate o di assenza ingiustificata al domicilio attestata dalla struttura sanitaria incaricata del controllo, l’Amministrazione ha la facoltà di chiedere al dipendente la documentazione della malattia fin dal primo giorno di assenza». Secondo la Cgil la normativa si riferisce a singoli casi e non può essere estesa a tutto il personale.

%name Predazzo, assenze per malattia: due giorni all’anno senza certificato

Bosin ribatte: «Abbiamo preferito tenere una linea uguale per tutti, piuttosto che mettere in atto una caccia alle streghe colpendo i singoli. Senza contare che le ispezioni sanitarie hanno un costo». Il sindaco rimane, quindi, fermo sulla decisione presa: «La maggior parte del nostro personale è competente e impegnato e farebbe invidia a qualsiasi impresa privata. Molti si sono detti d’accordo con la circolare e contenti di poter dimostrare di non aver nulla da nascondere. Un’operazione di trasparenza come questa permette di sfatare i molti luoghi comuni sui lavoratori pubblici». E conclude: «In un momento in cui chi vuole entrare nel mondo del lavoro – soprattutto i giovani – spesso si trova le porte sbarrate, non si possono più chiudere gli occhi su una situazione che penalizza per primi i lavoratori impegnati, che sono la maggioranza».  Monica Gabrielli – Il Trentino

Questo articolo è già stato letto 2030 volte!

Commenti

commenti

About Monica Gabrielli

Un Commento

  1. Luigi

    5 aprile 2013 at 16:20

    Si puo’ dire tutto. Ognuno ha le sue verità o convinzioni. Di fatto però la legge è legge e quindi bisognera’ attuarla. Piaccia o non piacca alla Dr.Bosin. Il giorno che la legge sara’ diversa..le cose cambieranno. Penso andranno incontro ad una forte scornata….

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi