Predazzo, avvisi della Parrocchia dal 28/6 al 5/4

Da il 27 giugno 2015
18

Questo articolo è già stato letto 51974 volte!

Lunedì si celebra la solennità dei Ss. Pietro e Paolo; anche se non è una festa di precetto, è una ricorrenza importante per noi cristiani

Domenica prossima ci sarà la festa parrocchiale dell’ammalato con la celebrazione particolare alla Messa delle ore 10.00 ed il pranzo al tendone comunale in loc. Baldiss

Anche quest’anno la parrocchia propone il GREST; i dettagli sono esposti all’albo esterno e sui fogli in fondo alla chiesa

PROGRAMMA GITE  GREST PREDAZZO ESTATE 2015 pdf

wpid 20150628 130126 Predazzo, avvisi della Parrocchia dal 28/6 al 5/4

Concluso da pochi minuti il primo turno dei campi estivi a Santa Giuliana

Papa Francesco: la disgregazione della famiglia frana addosso ai figli

catechesi udienza 24 giugno 2015

Nell’udienza Papa Francesco parla dei conflitti familiari che portano alla separazione e al divorzio

Se si svuota “dell’amore coniugale” la famiglia si divide, e la disgregazione “frana” addosso ai figli. Ha parlato di separazione, Papa Francesco, oggi all’udienza generale in Piazza San Pietro riflettendo “sulle ferite che si aprono” all’interno della convivenza familiare, quando nella famiglia “ci si fa del male”. Ha quindi invitato ad accompagnare le famiglie “in situazioni cosiddette irregolari” affinché “i bambini non diventino ostaggi del papà o della mamma”.

“Tutte le ferite e tutti gli abbandoni del papà e della mamma incidono nella carne viva dei figli”, ha continuato il Papa: “Quando un uomo e una donna, che si sono impegnati ad essere ‘una sola carne’ e a formare una famiglia, pensano ossessivamente alle proprie esigenze di libertà e di gratificazione, questa distorsione intacca profondamente il cuore e la vita dei figli. Tante volte i bambini si nascondono per piangere da soli”.
A dispetto delle “raffinate analisi psicologiche”, del tanto parlare “di disturbi comportamentali, di salute psichica, di benessere del bambino, di ansia dei genitori e dei figli”, il Papa si chiede “se non ci siamo anestetizzati” rispetto alle ferite dell’anima dei bambini: “Quanto più si cerca di compensare con regali e merendine, tanto più si perde il senso delle ferite – più dolorose e profonde – dell’anima”.
L’invito del Papa è a soffermarsi sul “peso della montagna che schiaccia l’anima di un bambino”, il peso di “scelte sbagliate”: “quando gli adulti perdono la testa, quando ognuno pensa a sé stesso solamente, quando papà e mamma si fanno del male, l’anima dei bambini soffre molto, prova un senso di disperazione. E sono ferite che lasciano il segno per tutta la vita”. D’altro canto, però, “ci sono casi in cui la separazione è inevitabile”: a volte può diventare persino “moralmente necessaria, quando appunto si tratta di sottrarre il coniuge più debole, o i figli piccoli, alle ferite più gravi causate dalla prepotenza e dalla violenza, dall’avvilimento e dallo sfruttamento, dall’estraneità e dall’indifferenza”.
Quanto ai separati, alcuni riconoscono “nella solitudine un appello del Signore rivolto a loro”, ma, ha aggiunto il Papa, “attorno a noi troviamo diverse famiglie in situazioni cosiddette irregolari – a me non piace questa parola – e ci poniamo molti interrogativi. Come aiutarle? Come accompagnarle? Come accompagnarle perché i bambini non diventino ostaggi del papà o della mamma?”. Per questo Francesco ha invitato a chiedere al Signore “una fede grande”, per guardare la realtà con lo sguardo di Dio, e “una grande carità”, per accostare le persone con il suo cuore misericordioso.

Commenti

commenti

About PredazzoBlog.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi