Predazzo sperimenta il voto elettronico.

Da il 6 ottobre 2008

dscn3209 Predazzo sperimenta il voto elettronico.Predazzo è stato scelto insieme ad altri 38  Comuni trentini che il prossimo 26 ottobre sperimenteranno il voto elettronico. Non avrà valore legale  e sarà sperimentato in 55 sezioni elettorali del Trentino, ma il campione scelto – per essere rappresentativo – tiene conto del numero di cittadini per ciascun comprensorio e della diversa ampiezza dei Comuni.
La sperimentazione che l’elettorato trentino potrà effettuare è la conclusione di un progetto di studio per facilitare e velocizzare le operazioni di voto e scrutinio cominciato nel 2004. Il voto elettronico nasce in attuazione della legge provinciale 2/2003, art. 84, ed è stato realizzato da Provincia autonoma, Fondazione Bruno Kessler, Università degli Studi di Trento – Dipartimento Sociologia e Ricerca sociale e Informatica Trentina.

L’elettore che deciderà di partecipare al test troverà nella cabina elettorale una “macchina” per il voto con riprodotta fedelmente l’attuale scheda cartacea. Il cittadino avente diritto al voto potrà esprimere la sua preferenza con il sistema touchscreen. Ecco come:
Dopo le normali procedure di identificazione da parte degli scrutatori, l’elettore entra in cabina e tocca sul monitor il nome del candidato presidente della lista prescelta. Sempre con un tocco seleziona la scritta “consiglieri” e, con la stessa modalità, individua fra tutti i nomi quelli dei candidati prescelti. Al pari del voto tradizionale esiste la possibilità di lasciare la scheda in bianco, o di votare scheda nulla. Al termine dell’operazione di voto sul monitor appare un riepilogo delle scelte effettuate (presidente, lista e consiglieri) e la macchina stampa una “prova cartacea” che l’elettore controlla prima di confermare definitivamente il proprio voto. Lo scrutinio dei voti espressi con il dispositivo elettronico richiede solo pochi istanti alla chiusura del seggio. Le “prove cartacee” restano a garanzia della corretta registrazione dei voti elettronici, per il riconteggio.
Il sistema elettorale con voto elettronico elimina le contestazioni sull’attribuzione dei voti e impedisce ai cittadini di annullare, per errore, la scheda (si pensi – per esempio – a chi vota più di una lista, o esprime un voto disgiunto o vota per candidati che non appartengono alla lista votata). Inoltre il voto elettronico riduce sensibilmente i tempi di votazione e di scrutinio.
Nei precedenti esperimenti di voto elettronico (maggio e novembre 2005, maggio e novembre 2006) più della metà degli elettori ha ripetuto il proprio voto utilizzando il nuovo dispositivo. In alcuni Comuni pilota sono state raggiunte affluenze superiori all’80 per cento.
La sperimentazione con sistema touchscreen che si terrà il 26 ottobre prossimo è la più ampia mai realizzata in Italia e ha, come obiettivo specifico, quello di verificare la sostenibilità logistica e organizzativa dell’utilizzo dei dispositivi elettronici di voto, su tutto il territorio.
Dal 20 al 24 ottobre tutti i cittadini possono provare la nuova modalità  nella sede comunale di Predazzo

Questo articolo è già stato letto 1393 volte!

Commenti

commenti

About mauro morandini

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi