Stiamo attenti alle truffe. Alcuni video di esempio.

Da il 26 aprile 2012

occhio alle truffe Carabinieri art Stiamo attenti alle truffe. Alcuni video di esempio.Più  informati e meno truffati, potrebbe essere questo lo slogan per questo spazio informativo che PredazzoBlog ha preparato per i suoi lettori. Aiutiamo i nostri anziani (e non solo) a non cadere in queste trappole costruite ad arte per evitare loro spiacevoli sorprese.  Ecco alcuni esempi di truffe presi da internet e dalla Polizia Postale.

Primo esempio: I malviventi con false divise da poliziotti o da Carabinieri riescono ad entrare in casa di un’anziana e con la scusa che in zona sono stati messi a segno alcuni furti e una parte del bottino è stato recuperato, le chiedono di verificare se gli è stato rubato qualcosa. La malcapitata fidandosi di quelle persone in divisa va a controllare se le manca qualcosa e inconsapevolmente scopre dove tiene nascoste le sue cose di valore.

A questo punto, uno dei due finti Carabinieri distrae la vittima con la scusa di fare un verbale, mentre l’altro, simulando la necessità di eseguire un ulteriore controllo, va direttamente nel nascondiglio mostrato in precedenza dalla signora e tranquillamente gli porta via tutti i valori.

La riuscita di questa truffa sfrutta la fiducia che le persone hanno verso le forze dell’ordine. È bene sapere che in questi casi i malfattori cercano di imitare sia la divisa che il modo di operare ed essere sospettosi ancor prima di aprirgli la porta può smascherarli.

Il consiglio quindi è quello di non fare entrare in casa persone anche con indosso una divisa qualsiasi sia la scusa e nel dubbio si può fare la verifica chiamando i numeri di emergenza 113, 112.

Guarda il video realizzato dalla redazione di “Striscia la notizia” che fa vedere dal vivo come avviene il raggiro.  Altri esempi di truffa nei video che seguono.

——————————0——————————-

Falso tamponamento

Mentre la vittima fa manovra in un parcheggio, uno dei truffatori dà una botta alla carrozzeria dell’auto simulando un falso tamponamento.

Guarda il video »

——————————0——————————-

Falsi operai 

In questa truffa i due finti operai cercano di distrarre la vittima richiedendo di vedere una bolletta pagata

Guarda il video »         (..l’articolo continua clicca su leggi tutto)

———————o———————–

Truffa dell’anello

 Una ragazza avvenente vende un anello di basso valore spacciandolo per un affare

Guarda il video »

————————-o———————-

La gomma bucata

Un’altra truffa ai danni degli automobilisti che riguarda la gomma dell’auto bucata.

Guarda il video »

——————————o————————

Finta infermiera

 Ecco una truffa molto diffusa: i malviventi seguono un infermiere di un centro anziani che fa iniezioni a domicilio, individuando così la vittima.

Guarda il video »

————————-o————————-

Truffa dei falsi tecnici

I truffatori si fingono tecnici per poter entrare nelle case dei truffati

Guarda il video »

————————o————————-

Truffa della tintoria

 Due truffatori si fingono fattorini di una tintoria

Guarda il video »

—————————o————————-

Finto apparecchio salvasoldi

I truffatori si fingono inviati della parrocchia

Guarda il video 

———————–o———————–

Falsi pompieri

I truffatori si travestono da Pompieri inscenando una falsa operazione di emergenza

Guarda il video »

———————-o———————

Tra le aziende è allarme ‘truffa catastale’. Lo segnala la CNA

546330 10151568041095724 230015650723 24092683 801909087 n Stiamo attenti alle truffe. Alcuni video di esempio.Alcune imprese avrebbero ricevuto la richiesta di pagamento da uno studio milanese che sosterrebbe di aver effettuato verifiche dovute per obblighi di legge
“Abbiamo ricevuto da alcune imprese la segnalazione della consegna da parte di TNT (società di trasporto)  di una busta contenente la richiesta di pagamento alla consegna di €. 28,50. In tale busta è contenuta la lettera dello  STUDIO NOTARILE DOTT. LEONARDO ROSSI di Milano che sostiene di aver effettuato verifiche catastali dovute per obblighi di legge.

 Nel leggere tale lettera si capisce che non esistono nè obblighi nè verifiche che i contribuenti devono effettuare.

Abbiamo anche verificato che non esiste nessun Studio Notarile a Milano in Piazza IV Novembre.

Ovviamente si tratta dell’ennesima  truffa ai danni di imprese e cittadini.

Invitiamo a non ritirare da TNT nessuna busta e soprattutto a non effettuare nessun pagamento.
Per ogni necessità o informazione chiamate i nostri Uffici”.

CNA Empolese-Valdelsa
——————————0——————————-

Sono stata vittima anch’io e magari c’è altra gente che è in partenza e ancora non sa/ non ha capito che a Berlino no ci sarà nessun lavoro. (Ho appena parlato con la polizia postale della mia città e ora sto andando a fare denuncia) Grazie mille e…. scusa il distrubo. 

Vediamo l’annuncio truffaldino:

 Cercasi assistenti lounge aeroportuale in lingua italiana per il nuovo aeroporto internazionale di Brandenburgo / Berlino :

 

Si ricercano i seguenti profili :Buona Conoscenza lingua Inglese BasicaOttimo possesso lingua Italiana Livello C3 ( Madre lingua)Ottimo Self ConfidenceOttimo Problem SolvingBuono StandingConoscenza pacchetto OfficeNon necessaria esperienza maturata, ma di facile apprendimento

Si Offre :Abitazione aziendale Buona Retribuzione Corso di lingua tedesca Corso e certificazione assistenza ai check board internazionali

A vostro carico : Vitto – Viaggi – Tesseramento aeroportuale – Lavaggio Divise.

Vediamo insieme la truffa: Precisiamo che nessuna azienda – agenzia interinale – agenzia di reclutamento chiede soldi anticipati ai propri candidati.

 

Una volta che i candidati rispondono a questo annuncio verranno immediatamente contattati da questa “FALSA AGENZIA DI RECLUTAMENTO”.

Vi verranno chiesti per partecipare alle selezioni ”un pagamento di € 110, da effettuare entro e non oltre 48 ore dalla candidatura”.

 

Il pagamento dev’essere effettuato tramite “Western Union” ed a nome di un certo “Jonathan Medina Flores”,

il numero di telefono a cui risponde questo sig. Jurgen Kollemann è un cellulare (+49 (0) 152 10475516), parla perfettamente ITALIANO e non rilascia informazioni dettagliate su questo annuncio.

Invitiamo le “autorità di competenza” ad indagare su questa vera e propria truffa.

Il Team P.p.o.w.s.F

549282 10150778050908516 352246653515 9547798 761351249 n Stiamo attenti alle truffe. Alcuni video di esempio.

——————————–o—————————–

Avete mai ricevuto delle telefonate dal numero 0984 083101?

 In rete è diventato un vero e proprio caso, con moltissimi utenti che raccontano di aver ricevuto insistenti chiamate da parte di questo numero, in cui l’operatore propone offerte per aziende come Edison, Infostrada e Enel.

 Se mai questo vi dovesse accadere, non rispondete al telefono perchè si tratta di una truffa. 

Infatti i costi della chiamata sono a carico del destinatario, con i soldi che vengono scalati dalla sim del cliente durante la telefonata.

A segnalare il caso è il sito Ultime Notizie Flash, che elenca anche una serie di commenti postati dalle vittime di questa truffa, eccone alcuni:

«Se non rispondi subito non demordono: ti chiamano decine di volte e poi, quando sfinito li stai a sentire, scopri che ti hanno pure scalato il credito dalla Sim» oppure «E’ da un mese che mi chiamano, premetto che il mio numero è privato quindi già questa è una violazione.

Quindi nel caso in cui arrivino telefonata dal numero 0984 083101, la cosa migliore da fare, oltre a non rispondere, è appuntarsi l’orario della ricezione e sporgere denuncia ai carabinieri per molestie telefoniche e truffa.

Il Team: P.p.o.w.s.F 

————————-0————————–

Attenzione: Avete preso il virus della “Guardia di Finanza & Polizia Postale”??? Vi chiede di pagare € 100 NIENTE PANICO….

Numerosi utenti sono incappati in una pagina web su cui
è stato fraudolentemente applicato il logo della Guardia di Finanza e della Polizia Postale
Viene detto che il computer adoperato presenta contenuti illegali
(immagini pedopornografiche e messaggi terroristici),

Si chiede il pagamento di 100 euro (da eseguirsi in via elettronica) per il ripristino delle funzionalità dell’apparato che sarebbe stato
bloccato per ragioni preventive.

Se si ha dimestichezza con l’informatica, per rimediare al problema è sufficiente procedere all’esecuzione di semplici operazioni.

spegnere il computer e farlo ripartire in “modalità provvisoria” tenendo premuto (per la fase di accensione) il tasto “F8”

Cliccare con il mouse su START (oppure AVVIO o ancora sull’icona di Windows) posto in basso a sinistra della barra delle applicazioni.

All’apertura del menu a tendina verticale fare clic su “Tutti i programmi”, così da aprire l’elenco dei software installati.

Cercare la cartella “Esecuzione automatica” e, una volta individuata, fare clic con il mouse sull’icona corrispondente.

Sullo schermo viene visualizzata la lista dei programmi configurati per essere avviati automaticamente all’accensione del computer senza intervento di chi è alla tastiera.

dovrebbe apparire, tra gli altri, il file “WPBT0.dll” oppure un file con nome identificativo del tipo “0.<una serie di altri numeri>.exe” (il file si può presentare in altre varianti sintattiche)

selezionare il file ed eliminarlo con il tasto “CANC” oppure “DEL” o spostando il file nel cestino presente sul desktop del computer

selezionare con il mouse il “cestino” sul desktop e fare clic con il tasto destro
all’apertura della finestra in corrispondenza del cestino, selezionare “svuota cestino” così da procedere alla definitiva eliminazione del malware

Spegnere il computer e riavviarlo normalmente, così da poter constatare l’effettivo ripristino del regolare funzionamento dell’apparato a disposizione.

provvedere all’installazione (e al costante aggiornamento) di un programma antivirus che possa preservare da futuri analoghi inconvenienti.

Il Team: P.p.o.w.s.F

———————–0————————–

TRUFFA ITALIA-PROGRAMMI.NET, SOLLECITI DI PAGAMENTO RECAPITATI ED INGIUNZIONE DI PAGAMENTO. IGNORATE!!!!

La truffa del sito internet italia-programmi ha colpito l’intera nostra penisola, molti utenti si sono visti recapitare a casa una lettera, spedita tramite posta ordinaria, che sollecita il pagamento di una fattura di 96 euro per aver usufruito di un servizio del sito www.italia-programmi.net.

La lettera, che tuttoggi.info ha avuto modo di visionare, non solo minaccia, in caso di mancato pagamento, che la documentazione sarà passata all’ufficio recupero crediti della società, ma applica alla somma richiesta altri 8,50 euro di “commissioni di sollecito”, per un totale di 104,50 euro.

NIENTE PANICO E’ UNA TRUFFA……

Impossibile, per un povero cittadino consapevole di non aver scaricato alcun programma a pagamento, ottenere spiegazioni da parte dell’azienda,

la Estesa Limited con sede nelle Seychelles. Al numero di telefono indicato nella lettera, infatti, non risponde alcun operatore.

E se si tenta la via di una raccomandata all’indirizzo postale romano dell’azienda, questa torna indietro nel giro di pochi giorni.

Polizia Postale Official Web Site Fan 

———————-0—————————–

Attenzione alle truffe on line

  • 1 – Diffidate sempre delle offerte troppo allettanti, con prezzi eccessivamente bassi, quasi sempre nascondono un tentativo di truffa.
  • 2 – Non lasciate mai i vostri dati sensibili (numero carta di credito, Paypal, Postepay o altri servizi similari) su siti che non conoscete o a cui siete arrivati tramite collegamenti su email o su siti di cui non ne conoscete la reputazione.
  • 3 – Non effettuare mai pagamenti su siti che non dispongono di area protetta, identificabile con HTTPS.
  • 4 – Utilizza sul tuo computer un ottimo antivirus e, utile anche un prodotto anti malware, grazie a questi software e spesso possibile evitare che virus o altri sistemi malevoli possano carpire i nostri dati più importanti.
  • 5 – Cerca di fare acquisti soltanto su siti in cui hai avuto precedenti esperienze o di cui conosci persone che hanno già effettuato acquisti prima.
  • 6 – Nel caso in cui effettui acquisti tramite siti di annunci gratuiti utilizza esclusivamente il metodo di consegna a mano, tutti gli altri possono nascondere un tentativo di truffa.
  • 7 – Anche quando vendi sugli stessi siti di annunci rischi di imbatterti in qualche malintenzionato che potrà offrirti il pagamento tramite soldi falsi o semplicemente rubare i tuoi dati sensibili, vale quindi lo stesso suggerimento di cui al punto 6 riguardante le vendite sui siti di annunci gratis.
  • 8 – Ricordatevi che, nel web più che altrove, come disse Mazarino, “A pensar male si fa peccato ma spesso ci si indovina!”
Questo articolo potrebbe andare avanti all’infinito.. ma come avete ben capito: stiamo attenti alle truffe!!

Questo articolo è già stato letto 4356 volte!

Commenti

commenti

About PredazzoBlog.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi