“M’illumino di Meno” ma soprattutto illumino meglio

Da il 19 febbraio 2011

Ovvero l’inquinamento luminoso e la protezione dell’ambiente notturno

di Marco Vedovato – Gruppo Astrofili Fiemme

Nella giornata “M’Illumino di Meno” (a Predazzo celebrata sabato 19 febbraio) desidero soffermarmi su un punto importante, a me caro: l’illuminazione esterna, sia pubblica che privata, e l’inquinamento luminoso. Per inquinamento luminoso intendo tutta la luce dispersa all’esterno dell’area o dell’oggetto da illuminare; questa luce dispersa è uno spreco: non è  utilizzata eppure si è spesa dell’energia per produrla. La luce utile raggiunge strade e marciapiedi, non altre cose; nel classico (e purtroppo assai comune) lampione “a palla” soltanto metà della luce prodotta viene utilizzata mentre l’altra metà finisce verso l’alto. In questo modo comuni di circa centomila abitanti, la cui bolletta elettrica per l’illuminazione pubblica è sul milione di euro all’anno, arrivano a sprecare il 30% della luce globalmente prodotta (ossia buttano nel bidone, per così dire, circa trecentomila euro all’anno). Tutto questo non è accettabile.

Vi è poi un grave danno all’ambiente: la luce insensatamente indirizzata verso i boschi, per fare un esempio, altera gravemente la..     continua qui

Questo articolo è già stato letto 2646 volte!

Commenti

commenti

About PredazzoBlog.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi