Allevatori di Fiemme e Fassa a Predazzo, il lupo è un problema

Da il 1 settembre 2017
allevatori fiemme fassa e lupo

Questo articolo è già stato letto 109163 volte!

Nel giorno in cui la Provincia di Bolzano annuncia che lascia il programma di reinserimento nelle Alpi di orsi e lupi sindaci e allevatori delle valli di Fiemme e Fassa lanciano l’allarme:”I lupi ci costringeranno ad abbandonare l’alpeggio”.

Mentre le predazioni del lupo si contano quasi ogni giorno sulle nostre montagne, non ultima quella di giovedì scorso sul Lastè del Lusia dove sono state trovate 2 capre sbranate, (dopo i due agnellini di Canvere, 2 pecore a Larcionè, il vitellino di Degoia.. ecc) si fa avanti la proposta del vicino Alto Adige che  ha annunciato l’uscita dai progetti per il ripopolamento degli orsi e dei lupi, Life Ursus e WolfAlps e chiede in sede europea un allentamento della disposizione di tutela per i lupi, in quanto l’animale non rientra più tra le specie minacciate di estinzione”. Vediamo anche come si stanno comportando le regioni a noi vicine, ad esempio il governo francese aveva già deliberato a fine luglio l’abbattimento di una quarantina di lupi nelle aree montuose, dove le pecore sarebbero sotto attacco.

Siamo convinti che bisogna porsi sempre delle domande, informarsi, cercare di mettersi nei panni di chi vive la montagna e vedere anche come le decisioni vengono prese, riguardo al lupo, in altre località a noi vicine.

Pubblichiamo una riflessione del sig. Lorenzo Battisti  gestore del Rifugio Pertini in Valle di Fassa:

rifugio pertini fassa Allevatori di Fiemme e Fassa a Predazzo, il lupo è un problema

Questa è una delle più belle foto del rifugio Pertini.
Rifugio che ho la fortuna di gestire a cinque anni.
Da due giorni però è cambiato qualcosa…
C’e’ uno strano silenzio qui.
Non si sentono più le campanelle delle pecore, gli agnellini che con il loro belare chiamano la mamma, le loro corse lungo i pendii…
Tutti gli animali che pascolavano in zona sono stati riportati in fondovalle, questo perché sono state ritrovate 7 pecore predate molto probabilmente da una coppia di lupi.
Improponibile per i pastori pensare di raggruppare ogni sera 400 pecore sparse su 200 ettari di pascolo e metterle in un recinto o cercare di difenderle con cani adatti allo scopo.
Penso sia normale porsi delle domande…
Se la nostra società o almeno parte di essa accetta la presenza/convivenza del lupo sulle Alpi…
Se gli allevatori abbandonano questi luoghi… chi salirà a mantenere le strutture? Le malghe le baite, le strade, i sentieri…
Chi taglierà l’erba su pendii a oltre 2000 metri di quota con pendenze superiori ai 40 gradi?
Chi manterrà questo nostro bel territorio frutto di tanto lavoro dei nostri avi?
Dopo le manifestazioni in città, gli animalisti saliranno in montagna con falce e rastrello per tagliare l’erba e arrestare l’avanzata del bosco sul pascolo?
Si possono prendere diverse decisioni… ma bisogna essere ben consapevoli delle loro conseguenze.”

lupo venegia 1 1024x680 Allevatori di Fiemme e Fassa a Predazzo, il lupo è un problema

Come ormai sappiamo il lupo come l’orso godono di protezione internazionale. Qui da noi non esistono ancora branchi numerosi da compromettere il pascolo alpino. I casi di predazione registrati finora sono discontinui e variegati sul territorio. Mentre si discute sulle strategie da adottare per prevenire gli attacchi ed il successivo risarcimento del danno al contadino, si prospettano tempi assai lunghi per eventuali abbattimenti di lupi meticci che sono tra i più pericolosi, non per l’uomo ma per le greggi.

Bolzano lascia Life Ursus e WolAlps

(ANSA) – BOLZANO, 31 AGO – La Provincia di Bolzano ha annunciato l’uscita dai progetti per il ripopolamento degli orsi e dei lupi, Life Ursus e WolfAlps. “Ora passiamo all’attacco”, afferma l’assessore provinciale Arnold Schuler su Facebook, in riferimento alle recenti incursioni, sopratutto ai danni di pecore in Alto Adige.
“Con il governatore Arno Kompatscher faremo pressione a Roma e Bruxelles per introdurre un tetto massimo per i lupi”, scrive Schuler, annunciando la revoca del contratto del progetto Life Ursus.

Inoltre, prosegue, la Provincia autonoma di Bolzano farà pressione sul Parco nazionale dello Stelvio per interrompere la collaborazione anche il progetto per il ripopolamento dei lupi, WolfAlps. “Non sarà facile, ma proseguiamo su questa strada con convinzione”, conclude.

strage di pecore da parte del lupo in val venegia2 Allevatori di Fiemme e Fassa a Predazzo, il lupo è un problema

Francia, ok del governo all’abbattimento di 40 lupi: uccise in un anno 8mila pecore

Via libera del governo francese all’abbattimento di una quarantina di lupi nelle aree montuose, dove le pecore sarebbero sotto attacco. Oltre 8mila animali da allevamento, soprattutto pecore, sono stati uccisi dai lupi l’anno scorso, in gran parte nel sud-est del paese, ai nostri confini. Gli agricoltori sostengono che le recinzioni elettriche e i cani da guardianìa sono impotenti davanti ai questi predatori e richiedono un’azione di contenimento. La situazione nell’area è tesa da tempo. L’anno scorso il Giro d’Italia, che aveva un lupetto rosa come mascotte, dovette censurare il simpatico e inoffensivo testimonial “Lupo Wolfie” nelle tappe che valicavano il confine: irritava gli allevatori locali.

 E così il governo francese ha dato luce verde al prelievo di quaranta lupi al massimo entro luglio 2018, come nel 2016/2017, poco più del 10% della popolazione di lupi della Francia, che è in crescita. Secondo i dati della rete di Wolf-Lynx dell’Ufficio Nazionale Caccia e Fauna Selvatica (ONCFS), pubblicato lo scorso 23 maggio, sarebbero 360 i lupi sul suolo francese, contro i 292 dell’ultimo conteggio pubblicato nel 2016, e con un ragguardevole incremento del 23%. Le modalità del prelievo sono queste: i primi 32 lupi vengono uccisi in battute di caccia organizzate; in seguito, gli agricoltori possono sparare al lupo solo per impedirgli un attacco imminente o di terminare una predazione già in corso, per un’ulteriore quota di otto lupi.

I gruppi di tutela dei diritti animali hanno chiesto di bloccare gli abbattimenti, sostenendo che colpi di avvertimento sarebbero sufficienti a spaventare i lupi, ancorchè affamati. Il ministro dell’Ecologia, Nicolas Hulot, ha detto che la Francia ha bisogno di trovare un equilibrio tra la salvaguardia dei lupi, una specie protetta in Europa, e la protezione degli animali da reddito. Ma lì come qui, ricorre la necessità politica di conciliare le richieste delle lobby pro-lupo con quelle pro-allevamenti. Nel 1930 i lupi erano scomparsi dal territorio d’oltralpe ma negli anni ’90 sono tornati, arrivando dall’Italia: oggi sono presenti in 30 delle 101 aree amministrative della Francia. (fonte: Il Sole 24ore)
lupo in val venegia 1024x768 Allevatori di Fiemme e Fassa a Predazzo, il lupo è un problema

La Svizzera torna alla carica: togliere la super- protezione internazionale per il lupo

La Svizzera torna alla carica per ottenere una revisione della Convenzione di Berna. Il 23 agosto 2017 il Consiglio federale (governo) svizzero ha approvato la proposta di rinegoziazione con il Comitato permanente della convenzione internazionale di Berna tendente a declassare il lupo  da “specie assolutamente protetta” (Allegato II) a specie faunistica “protetta” (Allegato III). La proposta era stata avanzata da canton Vallese al parlamento ed aveva avuto, dopo alterne vicende e votazioni, il parere favorevole della commissione incaricata di esaminarla del Consiglio degli stati (camera alta). L’iniziativa svizzera avrebbe certo più forza se affiancata da altri paesi come Francia e Italia ma la politica è ostaggio della demagogia animalista e della tecnocrazia verde.  LEGGI TUTTO 

strage di pecore da parte del lupo in val venegia21 Allevatori di Fiemme e Fassa a Predazzo, il lupo è un problema

Lupi in Piemonte: ora si chiede l’uscita dal Progetto Life WolfAlps

“Auspico che la Regione non sostenga partners piemontesi del Progetto WolfAlps” ha dichiarato il consigliere di centrodestra, spiegando poi il perché, “ Si è rivelato una delle tante dimostrazioni di come si possano sperperare ingenti quantità di risorse pubbliche per creare tutta una serie di problematiche alla collettività.”
Vignale ricorda come già il Veneto abbia deciso di uscire dal “Progetto Life WolfAlps”, oltre sei milioni d’euro finanziati in gran parte dall’Europa (il 75%), è che ha come principale beneficiario il Parco delle Alpi Marittime. Il progetto scadrà nella primavera del 2018, e da molte parti ormai si chiede che non venga più rifinanziato.
La presenza dei lupi in Piemonte è sempre più massiccia, e dagli iniziali piccoli nuclei in alcune vallate alpine di cuneese e torinese, si è arrivati ad un’espansione a macchia d’olio, con avvistamenti e predazioni un po’ ovunque nella regione, e spesso anche in pianura o a ridosso dei grossi centri urbani.
Le proteste salgono forti specialmente dal mondo agricolo, con pastori e allevatori sempre più preoccupati per l’incolumità dei propri armenti, ma anche da molte comunità locali che vedono nel lupo un potenziale pericolo per l’incolumità delle persone.
lupo a lusia prima dopo vitello Allevatori di Fiemme e Fassa a Predazzo, il lupo è un problema

Malga FIARA , altopiano di Asiago. Questa predazione di 2 pecore e 3 agnelli, è stata fatta all’interno di un recinto elettrificato, fornito dalla Regione Veneto agli allevatori. Questa è la prova lampante che i RECINTI NON FUNZIONANO, è la prova del fallimento del Progetto LIFE WolfAlps ed è la dimostrazione di come vengono sprecate le risorse.   https://www.facebook.com/pecoreebuoi/posts/718174338367961

lupo a malga fiara dentro il recinto Allevatori di Fiemme e Fassa a Predazzo, il lupo è un problema

A TUTTI I PASTORI E GLI ALLEVATORI ALLE PRESE COL LUPO.

IL 15 SETTEMBRE IN DIVERSI PAESI SI ACCENDERANNO FALO’ SULLE MONTAGNE PER “ILLUMINARE” L’OPINIONE PUBBICA SULLA GRAVITA’ DEL PROBLEMA. CHI PUO’ CERCHI DI ORGANIZZARE UN FALO’.

PER SAPERE DI PIU’ SULL’INIZIATIVA SCRIVERE A GERMANO MATTEI (Canton Ticino) germano.mattei@gmail.com

Commenti

commenti

About PredazzoBlog.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi