Decreto legge n.59, lo Stato non pagherà più i danni per le calamità naturali

Da il 21 maggio 2012

%name Decreto legge n.59, lo Stato non pagherà più i danni per le calamità naturaliDopo il devastante sisma che ha appena colpito l’Emila Romagna è tornato d’attualità il decreto legge n.59 sulla riforma della Protezione Civile, pubblicato il 17 maggio sulla Gazzetta Ufficiale. Sostanzialmente lo Stato non rimborserà più ai cittadini i danni derivanti da calamità naturali, sarà quindi necessario stipulare una polizza di assicurazione ad hoc. 

Il Decreto Legge n.59 riforma la Protezione Civile e Adolfo Bertani, presidente Cineas, sostiene che in questo modo il cittadino avrà la piena responsabilità nel tutelare i propri beni e il territorio. I cittadini hanno facoltà – “in via transitoria e a fini sperimentali” – di estendere “ai rischi derivanti da calamità naturali, tutte le polizze assicurative contro qualsiasi tipo di danno a fabbricati di proprietà di privati”, provvedimento utile a “garantire adeguati, tempestivi ed uniformi livelli di soddisfacimento delle esigenze di riparazione o ricostruzione di beni immobili privati destinati ad uso abitativo, danneggiati o distrutti da calamità naturali“. %name Decreto legge n.59, lo Stato non pagherà più i danni per le calamità naturali

Entro 90 giorni dal 17 maggio, giorno in cui è entrato in vigore, dovranno essere stabiliti, mediante un regolamento, “modalità e termini” per l’avvio del nuovo regime assicurativo, sulla base di criteri presenti nello stesso decreto, uno fra i quali è “l’esclusione, anche parziale, dell’intervento statale per i danni subiti da fabbricati” e “incentivazioni di natura fiscale” per chi si assicura. Lo Stato - si intende facilmente – non riesce più a sostener i costi di tutti gli accidenti. Quindi la “durata dello Stato d’emergenza, cioè il periodo in cui è lo Stato a farsi carico di tutte le spese, può essere di 60 giorni con un’unica proroga di altri 40. Una decisione presa per evitare che, come è accaduto decine di volte nel passato, gli stati d’emergenza durino anni”. %name Decreto legge n.59, lo Stato non pagherà più i danni per le calamità naturali

Una critica che viene mossa al Decreto del 15 maggio 2012 è di grave irresponsabilità verso i cittadini: abusivismo e pochissima prevenzione consegnano una Italia in condizioni preoccupanti e le calamità naturali – si sa – dipendono in buona misura dalla gestioni del territorio. Inoltre l’assicurazione su base ‘volontaria’ crea una disparità tra coloro che vivono in aree sismiche, per esempio, e coloro che risiedono in zone non a rischio. E le compagnie assicurative stipuleranno polizze in zone sismiche? E se sì, a quali cifre? %name Decreto legge n.59, lo Stato non pagherà più i danni per le calamità naturali

Ulteriori e significative modifiche sono:

  1. durata della dichiarazione dello stato di emergenza non puo’, di regola, superare i sessanta giorni, con possibilità di proroga o  rinnovo per non più di 40 giorni.
  2. potere di emanazione delle Ordinanze affidato al Capo del Dipartimento della protezione civile, che ne cura l’attuazione.

Testo del Decreto legge n°59 del 15 maggio 2012

 

Questo articolo è già stato letto 2153 volte!

Commenti

commenti

About PredazzoBlog.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi