Nell’Avisio muoiono le trote per lo svaso della diga di Pezzè

Da il 25 maggio 2016
avisio svaso diga di pezze maggio 2016 fiemme11

Questo articolo è già stato letto 75259 volte!

Dal 16 aprile l’Avisio non è più lo stesso, l’acqua ha cambiato colore e continuano i ritrovamenti di trote morte lungo il corso del torrente.

La causa è lo svaso della diga di Pezzè a Moena, che ogni tre anni viene aperta per il deflusso dei depositi di fango che si accumulano nel lago.

Si sta dunque verificando un danno ambientale che preoccupa non solo i pescatori di Fiemme ma tutti quelli che hanno a cuore la salvaguardia della natura e del territorio.

Un tempo lo svaso veniva eseguito senza troppe attenzioni. Per migliorare la pulizia del bacino si utilizzavano anche le ruspe. Le acque torbide e povere di ossigeno uccidevano molte forme di vita e il letto dell’Avisio, specialmente il tratto più vicino alla diga, subiva pesanti danni.

avisio svaso diga di pezze maggio 2016 fiemme12 NellAvisio muoiono le trote per lo svaso della diga di Pezzè

Negli anni è stato introdotto un disciplinare più stringente e le procedure si sono fatte più attente. Sensori di torbidità sono installati a Soraga (ingresso dell’Avisio nel bacino artificiale) Moena, Predazzo e Tesero.

Le acque sono campionate ogni ora per valutare la quantità di ossigeno disciolto e viene misurata la portata. In base a queste variabili viene regolata l’apertura delle paratie in maniera che l’impatto sul torrente sia ridotto. Viene inoltre riconosciuto un danno quantificato in cinque mila euro annui che va all’associazione pescatori.

E sono proprio i pescatori a denunciare il ritrovamento di trote morte lungo il torrente, segnale inquietante che dimostra l’insufficienza dei provvedimenti fin qui adottati.

Il pescatore teserano Luca De Manincor ha lanciato una petizione online per chiedere «maggiori controlli sulle modalità di svaso dei bacini artificiali e l’applicazione di metodi ecosostenibili per lo sgombero dei sedimenti di deposito».   Al suo appello hanno già risposto fino ad ora 625 persone  e la petizione sarà presentata all’assessore provinciale alle infrastrutture e all’ambiente Mauro Gilmozzi.

FIRMA LA PETIZIONE CLICCA QUI

avisio svaso diga di pezze maggio 2016 fiemme11 NellAvisio muoiono le trote per lo svaso della diga di Pezzè

Si chiede di tutelare maggiormente gli ecosistemi fluviali e le risorse idriche. Applicare controlli maggiori sulle modalità di svaso dei bacini artificiali. Disegnare e proporre una nuova legge per l’applicazione di metodi ecosostenibili per lo sgombero dei sedimenti di deposito dei bacini artificiali.

Fino ad ora non si sono trovate alternative percorribili alla procedura dello svaso che se risolve (in parte) i problemi del bacino di Pezzè, ma che aggrava quelli di Stramentizzo. Il bacino artificiale di Stramentizzo soffre infatti dello stesso problema,  si è infatti ridotta del 50% la originaria capacità del lago ed il processo continua inesorabile.

Un vero rompicapo per tecnici e politici la cui soluzione si rimanda di anno in anno.

AGGIORNAMENTO 26.5.2016: 

S.O.S. Avisio, interrogazione provinciale di Claudio Civettini

 

Commenti

commenti

About PredazzoBlog.it

Un Commento

  1. Giosuè

    26 maggio 2016 at 19:24

    Verissimo! Intanto è più di un mese che le acque defluiscono torbide e tutti i residui fangoso dono tutti li nel bacino, se non si fanno intervenire le ruspe per togliere tutta quel residuo il bacino nn sarà mai pulito per davvero!

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi