Serata sulla metereologia alpina con Robert Luciani Thierry

Da il 15 luglio 2017
metereologia alpina ziano fiemme

Martedì 18 luglio 2017 Sala della Cultura Ziano di Fiemme

La previsione del rischio valanghe è funzione dello stato del manto nevoso, ma è strettamente collegato all’andamento meteorologico.

Una buona previsione del tempo fornisce una traccia pertinente per il previsore valanghe, nel caso contrario occorre reagire in modo tempestivo in modo da fornire con la massima tempistica una previsione corretta.

Sul limite delle nevicate che, in molti episodi, è capace di variare curiosamente, anche a pochi chilometri di distanza, grazie alla componente orografica e alla variabilità dell’intensità delle precipitazioni.
Spesso e volentieri nelle pianure aperte la pioggia ha la meglio mentre, in quelle più strette, la neve riesce a raggiungere facilmente il fondo valle anche in assenza di cuscini freddi pre-esistenti.

Ne “Il limite delle nevicate” potrete trovare una spiegazione illuminante di questo particolare fenomeno che spiega il motivo per cui il limite delle nevicate spesso si abbassa con l’avvicinarsi alle montagne, e mostra l’importante ruolo delle precipitazioni nell’abbassare la temperatura della colonna d’aria fio a formare uno strato di isotermia con temperatura bassa permanentemente.

Una delle componenti in grado di abbassare maggiormente la temperatura, e che spesso ci sfugge, è proprio la fusione delle precipitazioni nevose in pioggia che, essendo una reazione endotermica (che assorbe calore), è in grado di assorbire calore e quini di abbassare la temperatura che che,perciò, tende ad avvicinarsi allo zero termico.
D’altronde è risaputo che durante la fusione del ghiaccio la temperatura resta ferma sugli 0 gradi finchè la fusione non si completa, quindi più intensa, duratura ed estesa è l precipitzione con neve in fusione, e maggiore sarà la sottrazione di calore all’ambiente circostante e quindi allo strato d’aria interessato.

Ne consegue che, in assenza di rimescolamento dell’aria, per assenza di ventilazione o per ostacoli orografici (valli strette) la neve può guadagnare il suolo in condizioni abbastanza favorevoli, scendendo anche di diverse centinaia di metri più in basso di come ci si sarebbe potuti aspettare a livello modellistico, ignorando tutte queste importanti componnti che i modelli non possono calcolare.

metereologia alpina ziano fiemme 1024x770 Serata sulla metereologia alpina con Robert Luciani Thierry

Questo articolo è già stato letto 62203 volte!

Commenti

commenti

About PredazzoBlog.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi