20 novembre: Giornata mondiale dei Diritti dei Bambini

Da il 20 novembre 2009

girotondo 20 novembre: Giornata mondiale dei Diritti dei BambiniIl 20 novembre 1989 è una data di grande importanza per i bambini di tutto il mondo: quel giorno l’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) ha approvato, dopo vari anni di lavoro, la Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia.
In realtà una carta dei diritti dei bambini non è cosa nuova: nel 1924 la Società delle Nazioni aveva diramato una «Dichiarazione dei Diritti del Fanciullo»; poi, nel 1942 usciva a Londra una «Carta dell’Infanzia»; nel dopoguerra, l’Unione internazionale per la protezione dell’infanzia pubblicava una sua «Dichiarazione dei diritti» (1948) e, infine, l’ONU promulgava il 20 novembre 1959 la «Dichiarazione dei diritti del fanciullo», articolata in dieci «principi», la quale ha costituito l’immediato precedente dell’attuale Convenzione, non a caso approvata esattamente trent’anni dopo.

Dichiarazione dei diritti del bambino

Approvata dall’ONU il 20 Novembre 1959

Ad ogni bambino va garantito:

art.1 – Il diritto all’eguaglianza senza distinzione o discriminazione di
razza, religione, origine o sesso;

art.2 – Il diritto ai mezzi che consentono lo sviluppo in modo sano e
normale sul piano fisico,
intellettuale, morale, spirituale e sociale

art.3 – Il diritto ad un nome e ad una nazionalità;

art.4 – Il diritto ad una alimentazione sana, alloggio e cure mediche;

art.5 – Il diritto a cure speciali in caso di invalidità:

art.6 – Il diritto ad amore, comprensione e protezione;

art.7 – Il diritto all’istruzione gratuita, attività ricreative e
divertimento;

art.8 – Il diritto a soccorso immediato in caso di catastrofi;

art.9 – Il diritto alla protezione contro qualsiasi forma di negligenza,
crudeltà e sfruttamento;

art.10 – Il diritto alla protezione contro qualsiasi tipo di discriminazione
ed il diritto ad un’istruzione in uno spirito d’amicizia fra i popoli, di
pace e di fratellanza

Tutte cose ovvie.. ma resta il fatto che:

  • Nei paesi sviluppati sotto i 5 anni muore un bambino ogni 200. In alcuni stati africani uno ogni 5. Da noi tutti i parti sono assistiti; nell’Asia Meridionale solo il 40%.
  • In Italia l’obbligo scolastico (diritto/dovere) è previsto per tutti fino a 18 anni; nei paesi meno sviluppati una bambina su due non frequenta la scuola elementare; oltre 150 milioni di ragazzi lavorano in condizioni rischiose, alcune decine di milioni vivono per strada, 8 milioni sono costretti alla schiavitù, un milione è detenuto, 250.000 sono arruolati come soldati….
  • In Europa nel 2007 sono morte di AIDS 12.000 persone; nel resto del mondo più di 2 milioni. Dodici milioni di ragazzi africani sono orfani a causa di questa epidemia. (Fonte: dossiercatechista, rivista della ELLEDICI)
  • Certamente questi numeri non possono lasciarci indifferenti. Crescere significa anche riconoscere che possiamo fare qualcosa per migliorare le condizioni degli altri. Abbiamo mai pensato a quello che possiamo fare? Mai sentito parlare di adozione a distanza, di volontariato, di Commercio equo e solidale, di Banco Alimentare?

    Questo articolo è già stato letto 3158 volte!

    Commenti

    commenti

    About mauro morandini

    Commenta

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

    Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi