In cammino verso Santiago de Compostela con il nordic walking

Da il 2 aprile 2010


santuario santiago In cammino verso Santiago de Compostela con il nordic walking
Su iniziativa di una nostra istruttrice Daniela Trentini di Verona, è stato organizzato di percorrere con il nordic walking un tratto del Cammino di  Santiago de Compostela. Inizialmente la Scuola Italiana aveva lanciato la proposta di inserimento del Cammino nelle iniziative 2010, proposta che per quest’anno è stata messa da parte in quanto essendo il 2010 l’Anno Santo dedicato al patrono di Compostela era praticamente impossibile trovare una sistemazione sicura e prenotabile per tante persone. Su suggerimento quindi del nostro istruttore spagnolo di nascita Ismael Santon, il Cammino di Santiago de Compostela sarà riproposto in chiave ufficiale il prossimo anno.

Per quest’anno chi volesse parteciparvi lo stesso può aggregarsi, prendendo contatti direttamente con Daniela Trentini, che ha predisposto il seguente programma:

IL CAMMINO PORTOGHESE

Programma indicativo; di certo ci sono soltanto le date e gli orari di partenza dall’Italia e rientro.

 

14/05/2010

 

COSTO AEREO A/R € 111,48  (PRENOTAZIONE EFFETTUATA l’11/03/2010)

 

Partenza da Milano/Bergamo (Orio al Serio)
Venerdi 14/05/2010                ore 07.00
Volo RAYNAIR n. 4702

santiago 1 In cammino verso Santiago de Compostela con il nordic walkingArrivo a Porto (Portogallo)
Venerdì 14/05/2010                ore 08.40

Trasferimento con mezzi pubblici a Ponte De Lima. (circa 40 km)

In treno fino a Viana do Castelo e quindi uno dei vari bus per Ponte de Lima.

15/05/2010 – 1^ tappa

 

Ponte De Lima – Rubiaes                    KM 18,2

Sembra essere la tappa paesaggisticamente più suggestiva, anche se un po’ dura.

 

16/05/2010 – 2^ tappa

 

Rubiaes – Tui                                      KM 19,5

Attraversato il fiume Minho si entra in Spagna e si cambia l’ora.

slogan01 it 150x102 In cammino verso Santiago de Compostela con il nordic walking17/05/2010 – 3^ tappa

 

Tui – Mos                                           KM 21,1

Si attraverserà durante questa tappa una zona industriale, non proprio bella, che valuteremo se saltare o percorrere in ogni caso.

18/05/2010 – 4^ tappa

 

Mos – Pontevedra                               KM 28

Pontevedra merita di essere visitata con calma.

19/05/2010 – 5^ tappa

 

Pontevedra – Caldas Del Reis  KM 23,8

Zona ricca di acque sorgive.

20/05/2010 – 6^ tappa

 

Caldas Del Reis – Teo             KM 28,5

Tappa quasi tutta nei boschi!!

21/05/2010 – 7^ tappa

 

Teo – Santiago De Compostela           KM 13,1

Sosta a Santiago, visita alla città, messa del pellegrino alle ore 11.00!!

A Santiago De Compostela saremo supportati, nella visita della città, da un’amica che lì vive e studia.

22/05/2010

 

Santiago De Compostela – Porto         (IN TRENO)

 

23/05/2010

 

Rientro in Italia con partenza da Porto (Portogallo)

Domenica 23/05/2010 09.05

Volo RAYNAIR n. 4703

Arrivo a Milano/Bergamo (Orio al Serio)         12.40

TOTALE DEI KM A PIEDI PERCORSI: 152,2

NOTE:

I pernottamenti verranno effettuati prevalentemente presso gli ostelli del pellegrino con un costo indicativo di € 5,00 a notte, alcuni sono anche gratuiti, si lascia soltanto un’offerta.

Alcuni ostelli hanno l’uso della cucina.

Negli “albergue” o negli hotels si spendono da circa € 5.00 a € 30 a doppia a notte, dipende.

I pasti costeranno circa € 7,00, il pranzo o la cena del pellegrino, fino a circa € 15,00 in qualche trattoria.

A breve avrò una guida completa di tutti gli ostelli, albergue, hotels, luoghi di ristoro, trasporti e qualsiasi altra informazione necessaria per effettuare un buon cammino che mi verrà spedita direttamente dalla Spagna…rimane soltanto partire! Ogni cosa può essere decisa nel “qui ed ora”.

Sarà bello camminare con chiunque volesse aggregarsi a me!!

Avrò anche l’indicazione di dove richiedere qui in Italia la “credenziale” che ci permetterà di avere il trattamento del “pellegrino”.

CONSIDERAZIONI dell’istruttrice Daniela TRENTINI:

Mi sono documentata ed ho letto tantissime testimonianze sul Camino De Santiago ma durante questo “cammino” ognuno, anche se non in solitudine, percorrerà il “suo personale cammino”.

Per me vuole essere un momento per “perdermi” e “ritrovarmi” ristorata e ricolma di una gioia “nuova”, nuovi progetti e nuovi propositi; un impegno affinché io possa dare il meglio di me sempre, in ogni occasione con tanta passione, nutrimento per la mia “anima” e il mio “spirito”.

La ricerca di un “Amore” e di una “Fede” che si trovano soltanto dentro ognuno di noi!!

LA CREDENZIALE

Entro  il 20 di aprile, i dati anagrafici, compresi il numero di telefono, cellulare ed e-mail di quanti parteciperanno, per attivarmi e poter preparare per tutti la credenziale della quale mi occuperò personalmente.

La credenziale é il documento di viaggio del pellegrino; viene rilasciata da una autorità religiosa e chi la utilizza dichiara di intraprendere il pellegrinaggio “devotionis causa”. Distingue il vero pellegrino da ogni altro viaggiatore ed é necessaria per poter usufruire delle strutture ricettive riservate ai pellegrini poste lungo il cammino. Viene timbrata nei luoghi di sosta e presentandola all’ufficio di accoglienza dei pellegrini a Santiago de Compostela, si riceve la Compostela quale attestazione dell’avvenuto pellegrinaggio.
Per ricevere la Compostela è necessario dimostrare di aver percorso a piedi o a cavallo gli ultimi 100 Km, oppure 200 Km per chi lo percorre in bicicletta.

La “Compostela” è un certificato di tipo religioso rilasciato solo dall’autorità ecclesiastica di Santiago de Compostela che certifica,  a chi ha percorso il Cammino di Santiago de Compostela, il compiuto pellegrinaggio alla tomba dell’apostolo San Giacomo.

La Compostela può essere rilasciata solo a chi ha effetuato il Cammino per motivi di tipo religioso o per motivi di tipo spirituale presen
ta
ndo la credenziale che abbia al suo interno tutti i timbri richiesti (vedi sopra).

PER INFORMAZIONI ED ISCRIZIONI:

DANIELA TRENTINI
daniela.trentini@tiscali.it
cell. 3494598108

LA CITTA’ DI SANTIAGO DI COMPOSTELA E LA SUA STORIA E LEGGENDA

Santiago di Compostela (in spagnoloSantiago de Compostela, in passato nota in italianocome San Giacomo di Compostella) (ab. 93.000 circa) è la città spagnola capoluogo della comunità autonoma della Galizia. Situata nella provincia di La Coruña, è stata nel 2000 capitale europea della cultura.

Santiago di Compostela, assieme al cammino del pellegrinaggio omonimo, è stata dichiaratapatrimonio dell’umanità dall’UNESCO nel 1985. È sede del governo autonomo Galiziano (Xunta de Galicia), luogo di continue peregrinazioni religiose di devoti provenienti da tutto il mondo e sede universitaria con più di 500 anni di storia.

La città è conosciuta soprattutto per la sua maestosa cattedrale dedicata a Giacomo il Maggioree per essere la tappa finale di ogni pellegrino che decide di affrontare il vecchio “cammino di Santiago di Compostela“. Il 23 ottobre 1987 il Consiglio d’Europa ha riconosciuto l’importanza dei percorsi religiosi e culturali che attraversano l’Europa per giungere a Santiago di Compostela dichiarando i percorsi “itinerario culturale europeo” e finanziando adeguatamente tutte le iniziative per segnalare in modo conveniente “el camino de Santiago”.

Il nome della città – che ha origini celtiche – viene fatto derivare da Giacomo il Maggiore,apostolo e martire del Cristianesimo (morto e sepolto a Gerusalemme[1] e le cui spoglie, secondo la leggenda, sarebbero giunte miracolosamente via mare in Spagna)[2] e dal termineCompostela (o Campostela, in latino campus stellae) che significa campo della stella; la città viene talvolta citata anche come “San Giacomo del campo della stella”.

Situata in una depressione nell’immediato interno della costa nord-occidentale della Spagna, proprio davanti all’Oceano Atlantico, era considerata – prima del viaggio di Cristoforo Colombo, nel 1492 – il bordo estremo conosciuto della terra, la finis terrae. Molte le leggende fiorite nel tempo intorno a questa località: una di esse la vuole come punto di congiungimento delle anime dei morti pronte a seguire il sole nel suo corso per attraversare il mare. In realtà è meta fin dal Medioevo di importanti pellegrinaggi di fedeli, che la ritengono un punto centrale della cristianità.

La tradizione vuole[senza fonte] che nell’anno 813 l’eremita Paio venisse attirato da strane luci a forma di stella sul monte Libredòn dove esistevano antiche fortificazioni (probabilmente di un antico villaggio celtico). Il vescovo Teodomiro, interessato dallo strano fenomeno, scoprì in quel luogo una tomba che conteneva tre corpi, uno dei tre aveva la testa mozzata ed una scritta: “Qui giace Jacobus, figlio di Zebedeo e Salomé”. Alfonso II, re delle Asturie e della Galizia, ordinò la costruzione sul posto di un tempio, ove i monaci benedettini nell’893 fissarono la loro residenza. Iniziarono così i primi pellegrinaggi alla tomba dell’apostolo, dapprima dalle Asturie e dalla Galizia poi da tutta l’Europa.

Diventato patrono dei cristiani iberici, Santiago (definito, col fratello Giovanni, nel Vangelo secondo Marco3,17 Boanerges, ossia “figli del tuono”, e “fratello di Gesù“), fu accreditato da parte di vari devoti di attiva partecipazione a cruenti fatti d’arme contro i musulmani di al-Andaluse che, biancovestito, avesse ucciso di sua mano non pochi “infedeli”. Da qui il soprannome (rimasto poi nella storia del Cristianesimo spagnolo) di Santiago Matamoros: san Giacomo uccisore di musulmani. Già nel IX secolo la sede di Santiago era di gran lunga la più prestigiosa della Cristianità iberica e l’autorevolezza del responso del vescovo di Santiago era seconda solo a quella papale di Roma e il suo pellegrinaggio il terzo di tutta la Cristianità, dopo Gerusalemmee Roma.[senza fonte]

Santiago di Compostela fu distrutta ne

997 dall’esercito musulmano di Almanzor e poi ricostruita da Bermudo II. Ma fu il vescovo Diego Xelmirez ad iniziare la trasformazione della città in luogo di culto e pellegrinaggio, facendo terminare la costruzione della Cattedrale iniziata nel1075 arricchendola con varie reliquie.

Tra squilibri sociali che ostacolarono lo sviluppo economico della città e la scoperta dell’America, che concentrò i commerci al Sud della Spagna, Santiago di Compostela conobbe un lungo periodo d’ombra. Nel XVI secolo fu inaugurata l’Università che diede grande impulso intellettuale; nel XVII e XVIII secolo il risveglio economico e culturale è continuo fino ad arrivare ai nostri giorni quando, con la celebrazione nel 1993 dell’anno Giacobeo, inizia una fase di nuovo splendore per la città.

CURIOSITA’

ANNO SANTO AL SANTUARIO DI SAN GIACOMO E INDULGENZA PLENARIA

credenti cattolici nel corso dell’Anno Santo Giacobeo possono ottenere la remissione dei peccati.

Per poter ottenere la remissione dei peccati ed ottenere l’indulgenza plenaria nel corso dell’Anno Santo Giacobeo occorre:

  • Effettuare il pellegrinaggio nella città di Santiago de Compostela
  • Visitare la tomba di San Giacomo che si trova dentro la cattedrale di Santiago di Compostela
  • Ricevere la confessione da un sacerdote e la comunione
  • Recitare preghiere come il Credo ed il Padre Nostro assistendo alla Santa Messa
Visita virtuale alla Cattedrale di Santiago di Compostela
http://www.fotopanorama.com/visita-virtual-catedral-de-santiago-de-compostela/
 PAXP deijE In cammino verso Santiago de Compostela con il nordic walking

Questo articolo è già stato letto 2486 volte!

Commenti

commenti

About mauro morandini

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi