Nelson Mandela muore a 95 anni

Da il 6 dicembre 2013
nelson mandela 1918 - 2013 predazzo blog

Questo articolo è già stato letto 35663 volte!

Nelson Mandela è morto a 95 anni. Il presidente del Sudafrica, Jacob Zuma, ha annunciato giovedì sera in un commosso discorso televisivo alla nazione la scomparsa del suo predecessore, eroe della lotta all’apartheid nel Paese. «I nostri pensieri – ha detto – sono con la sua famiglia, con i colleghi e amici e con il popolo sudafricano».

Zuma, visibilmente commosso, ha espresso «profonda gratitudine» per Mandela e ha ordinato il lutto nazionale. Le bandiere saranno a mezz’asta in tutto il Paese da venerdì al giorno delle esequie. «La sua anima riposi in pace. Dio benedica l’Africa», ha detto ancora Zuma.«Voglio ricordare con semplici parole la sua umiltà, la sua grande umanità per la quale il mondo intero avrà grande gratitudine per sempre».

Dei suoi 95 anni di vita, quasi un terzo – 27 anni – Nelson Mandela li ha trascorsi nelle carceri del regime razzista dell’apartheid. Il periodo piu’ lungo e duro, 18 anni, a Robben Island, un’isoletta davanti a Cape Town; sei anni nel carcere di massima sicurezza di Pollsmoor, dove si creano le basi del dialogo con il regime; e l’ultimo nella prigione modello di Victor Vester.

ROBBEN ISLAND, ‘L’UNIVERSITA’. Robben Island era conosciuta fra i militanti antiapartheid come ‘L’universita”: sia perché  i prigionieri potevano iscriversi a certi corsi di laurea per corrispondenza (Mandela si laureo’ in Legge con l’Universita’ di Londra); sia perche’ il carcere divenne una formidabile scuola quadri della resistenza. Le condizioni sono molto dure. Celle minuscole, visite rare e brevi (a Mandela ne viene concessa una ogni sei mesi), cibo scarso, pessimo, sempre uguale. Il lavoro forzato estenuante: prima, a spaccare pietre nel cortile; poi, per 13 anni, a scavare in una cava di calce o raccogliere alghe fra gli scogli. Nel carcere ci sono molti dirigenti delle organizzazioni antiapartheid, la discussione politica e’ intensa. A sollevare il morale, giungono dall’esterno le notizie della crescente solidarieta’ internazionale, della resistenza che riprende forza. Dal 1977, le condizioni di detenzione migliorano. Il lavoro forzato e’ abolito, Mandela puo’ coltivare un suo orto. Il suo cruccio maggiore e’ per la moglie Winnie e le figlie Zenani e Zindzi, perseguitate dal regime. Non puo’ recarsi al funerale della madre, morta nel 1968; ne’ a quello del figlio Thembi, morto in un incidente stradale l’anno seguente.

POLLSMOOR, IL LABORATORIO. Nel 1982 Mandela viene trasferito nel carcere di Pollsmoor, a sudest di Cape Town, insieme a Walter Sisulu e altri dirigenti Anc. Diventera’il laboratorio in cui si gettano le basi del negoziato. Il cibo e’ decente, le celle spaziose, le visite piu’ facili e frequenti: per la prima volta in 21 anni puo’ abbracciare Winnie. Fuori il confronto si fa piu’ sanguinoso, ma entrambe le parti iniziano a pensare a una soluzione politica. Il 31 gennaio 1985 il presidente P.W. Botha offre la liberta’ a Madiba in cambio della rinuncia alla violenza. Mandela rifiuta. Lo stesso anno, dopo un’operazione alla prostata, Mandela ritorna a Pollsmooor ma in una cella diversa, separato dai compagni. Nel 1987 Botha nomina una commissione governativa che intavola con lui discussioni riservate. La nuova cella del leader Anc e’ spaziosa, ma umida. Si ammala di tubercolosi, viene ricoverato in ospedale, poi in una lussuosa clinica.

 VICTOR VESTER, LA ‘GABBIA DORATA’. Nel dicembre 1988, Mandela viene trasferito dalla clinica a Victor Verster, sempre vicino a Cape Town. La sua nuova prigione e’ un cottage fra gli alberi, con cuoco privato e piscina. All’arrivo, il ministro della Giustizia Kobie Coetsee gli porta una cassa di vino. Non ci sono sbarre o chiavistelli, Mandela puo’ passeggiare nel parco, mangiare quello che vuole e quando vuole. La ”gabbia dorata”, come la chiama lui, e’ il luogo ideale per la fase finale dei colloqui con il regime. Incontra personalmente Botha, poi Frederik W. De Klerk, che nel settembre 1989 gli e’ subentrato alla presidenza. De Klerk a ottobre annuncia la liberazione di Sisulu e degli altri principali dirigenti dell’Anc. Il 2 febbraio 1990 annuncia la revoca dei principali pilastri dell’apartheid e la liberazione di Mandela. L’11 febbraio, l’eroe della lotta antiapartheid esce da Victor Vester una mano stretta a quella di Winnie, l’altra alzata a pugno, mentre cammina incontro a una folla di fotografi e di sostenitori che lo aspettano fuori dal carcere. E’ libero, finalmente. (fonte Ansa)

Nelson Mandela’s inaugural address

nelson mandela 1918 2013 predazzo blog Nelson Mandela muore a 95 anni

Aggiornamento: Sudafrica, la magia del gospel per Mandela: flash mob al supermercato

Commenti

commenti

About PredazzoBlog.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi