Antenne, ripetitori e tralicci.. dentro l’ambiente fanno i capricci

Da il 18 giugno 2013
ripetitori e antenne cammuffati da alberi e piante predazzo blog2

Antenne sotto forma di alberi. Una sorta di ”moda” inaugurata a Città del capo nel 1996 per mano di alcune compagnie di telefonia mobile. L’obiettivo: offrire, solo apparentemente, l’idea di un approccio non troppo invasivo nel rispetto dell’ambiente.

”In Sudafrica trasformare i ripetitori dei cellulari in pini o palme è tuttora un trend”, racconta l’artista Dillon Marsh, autore dell’inchiesta fotografica ‘Invasive species’ – ”il primo di questi è stato ‘piantato’ vicino la casa in cui sono cresciuto circa 17 anni fa. E credo che la tendenza si sia spostata anche oltre Città del Capo.

Prendiamo spunto dall’ articolo per rilanciare questa idea: In caso di installazioni di nuovi ripetitori e tralicci, riusciamo a dare loro una forma più consona possibile all’ambiente circostante?

Nel nostro ambiente di montagna dove gli abeti raggiungono anche i 30 mt di altezza.. forse non sarebbe poi così difficile riuscire a “cammuffare” queste installazioni metalliche sempre più numerose.

Avete qualche idea?  

Avete scattato delle immagini di Antenne, ripetitori e tralicci che secondo voi stridono con l’ambiente naturale?

Bene, se volete,  inviateci quanto ritenete interessante che noi lo pubblichiamo e poi ne discutiamo tutti insieme. Grazie.

traliccio che salta Antenne, ripetitori e tralicci.. dentro lambiente fanno i capricci

CASO N° 1 :   LINEA DI TRALICCI INUTILIZZATA AL PASSO ROLLE

passo rolle tralicci inutilizzati deturpanti predazzo blog3 Antenne, ripetitori e tralicci.. dentro lambiente fanno i capricci

passo rolle tralicci inutilizzati deturpanti predazzo blog6 Antenne, ripetitori e tralicci.. dentro lambiente fanno i capricci

Riportiamo anche questo articolo del 2009 in tema:
Forti perplessità nella Regola Feudale di Predazzo per un nuovo traliccio Wind al Passo Feudo.

Questo articolo è già stato letto 3290 volte!

Commenti

commenti

About PredazzoBlog.it

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ulteriori informazioni | Chiudi